Home TvNews e AnticipazioniSpeciale Gazebo per le amministrative – Guida al voto

Speciale Gazebo per le amministrative – Guida al voto

Diego "Zoro" Bianchi e tutta la sua banda vanno in onda lunedì 6 giugno in prima serata su Raitre per uno speciale dedicato alle elezioni amministrative.

Foto: Diego "Zoro" Bianchi di Gazebo.

31 Maggio 2016 | 11:53 di Danilo Gallo

Diego “Zoro” Bianchi e tutta la banda di “Gazebo” (Marco Dambrosio-Maddox, Francesca Schianchi, Marco Damilano, Mirko Matteucci e la musica di Roberto Angelini, Giovanni Di Cosimo e la Resident band) sono pronti a tornare, ma questa volta in prima serata, per una puntata speciale dedicata alle elezioni amministrative che andrà in onda lunedì 6 giugno su Raitre.

Bianchi che cosa farete in prima serata?
"Spesso cambiamo la scaletta del programma a poche ore dalla messa in onda. Per questa ragione, e non per pre-tattica, non posso dire molto. Certo sarà una puntata monografica, interamente dedicata al voto amministrativo, e certo terremo conto del fatto che arriviamo 24 ore dopo e quindi lavoreremo soprattutto sulle ultimissime notizie".  

Ma lo speciale si chiamerà “Il trono di schede”?
“Quello più che altro è un lampo di Marco (Dambrosio-Makkox, vedi sotto, ndr), ormai devastato dalla serie “Il trono di spade”. Voglio dire pubblicamente che il fantasy non è proprio il mio genere ma è un ottimo titolo per la serata. Peraltro ha fatto un disegno molto bello e ne è particolarmente fiero".


Foto: I protagonisti di "Gazebo" in versione "Trono di spade".

Dal vostro particolare osservatorio un giudizio su questa campagna elettorale?
"
Per ragioni evidenti noi abbiamo un osservatorio privilegiato su Roma ma è certo che in questa città stanno accadendo cose che hanno una rilevanza nazionale: c’è stata una campagna elettorale in cui all’inizio nessuno sembrava voleva candidarsi ma al tempo stesso si candidavano tutti. E poi il fatto che si vota perché il sindaco si è dimesso…".

In molti, tra i candidati, sembrano giocare la carta dell’ironia…
"
Ormai hanno imparato tutti a farlo: ognuno a modo suo cerca di risultare diverso dal “politico” di professione, di smarcarsi da quell’immagine. E l’ironia è un’arma vincente. Ma anche gli elettori hanno capito il gioco e ci mettono pochissimo a “sgamare” il politico non credibile".

Questa prima serata finale conclude un’ottima stagione di “Gazebo”…
"
Abbiamo fatto 73 puntate, siamo alla quarta stagione e siamo soddisfatti da ogni punto di vista. Non è facile essere telespettatori di Gazebo".

Non è facile? Perché?
“Intanto per l’ora di messa in onda. Qualche tempo fa per un problema tecnico abbiamo dovuto registrare una puntata, così l’ho guardata anch’io in tv. Ecco, resistere fino a tarda notte è stato durissimo e quindi massimo rispetto per i telespettatori. E poi, certo tra battute e scherzi, ma abbiamo affrontato temi duri, con reportage lunghi".

Farete uno speciale anche per i ballottaggi?
"Ancora non lo sappiamo".

Per la prossima stagione che progetti ci sono?
"Stiamo parlando con il direttore di rete, Daria Bignardi, ma finora non c’è ancora nulla di definito. E non sto facendo pretattica".

A proposito di pretattica… Meglio andare in onda in prima serata con “Gazebo” o segnare un gol all’Olimpico davanti alla “Curva Sud” come ha fatto durante la Partita del cuore?
"Non faccio fatica a rispondere: quando mi ricapita di fare un gol davanti alla Curva Sud?".