Home TvNews e AnticipazioniA «Verissimo» Ornella Vanoni, Raoul Bova e Silvia Provvedi

A «Verissimo» Ornella Vanoni, Raoul Bova e Silvia Provvedi

In studio con Silvia Toffanin anche Salvatore Esposito e dall'Isola, Daniele Bossari e Stefano De Martino

Foto: Silvia Provvedi a "Verissimo"  - Credit: © Mediaset

03 Marzo 2018 | 09:33 di Daniele Ceccherini

Ornella Vanoni, l'artista che grazie alla sua classe è stata tra le protagoniste dell'ultima edizione di Sanremo, è l'ospite ?d'onore? della puntata del 3 marzo di Verissimo, il talk show del sabato pomeriggio di Canale 5. Poi, in esclusiva tv, Silvia Toffanin intervisterà Silvia Provvedi, compagna di Fabrizio Corona, uscito il 21 febbraio scorso dal carcere di San Vittore, dopo 16 mesi di reclusione, per essere affidato ad un centro di recupero.

E ancora, ospiti del talk show gli attori Raoul Bova e Salvatore Esposito. Infine, grande spazio a L'Isola dei Famosi con Daniele Bossari e in collegamento dall'Honduras Stefano de Martino.

In particolare Bossari commenta così le dichiarazioni fatte da Craig Warwick (proprio a Verissimo) in merito all'atteggiamento di Franco Terlizzi nei suoi confronti a L'isola dei famosi: «Sarebbe gravissimo affermare qualcosa di omofobo, anche perché ci sono tantissime persone che stanno soffrendo e subiscono atti di bullismo per questa ragione. Non è stato possibile affrontare questo argomento martedì sera, ma lo svilupperemo nella prossima puntata. - e aggiunge - Bisogna sentire anche la versione di Franco e che ci sia un confronto tra loro per capirsi. Poi sono sicuro che, qualora risulterà vero, saranno presi dei provvedimenti».

Ai microfoni del talk show, invece, Silvia Provvedi ha parlato naturalmente di Corona: «Fabrizio sta cercano di essere perfettamente in linea con le prescrizioni che gli hanno imposto. Non può parlare con i giornalisti, deve condurre una vita semplicemente normale, mantenendo un profilo basso. La situazione - prosegue - è molto delicata. Il mio interesse è che lui faccia tutto conforme alle regole, perché io ho voglia di pace ed è contro il mio volere che ritorni a patire qualche pena».