Home TvNews e AnticipazioniViolenza sulle donne: 5 documentari d’inchiesta su Real Time

Violenza sulle donne: 5 documentari d’inchiesta su Real Time

Da sabato 3 novembre alle 23.05 un programma che racconta storie di rapporti sentimentali apparentemente ordinari sfociati in delitto

Foto: Lucia Annibali partecipa al programma «In quanto donne - Storie di ordinaria violenza »  - Credit: © Real Time

03 Novembre 2018 | 13:30 di Daniele Ceccherini

L’informazione come fondamentale strumento di riflessione e comprensione della realtà e anche di prevenzione di un fenomeno, la violenza sulle donne, che si sviluppa nella maggior parte dei casi tra le pareti di casa, tragico epilogo di rapporti affettivi possessivi e non sani. I numeri sono allarmanti: 117 donne uccise nel 2017 e 44 solo nei primi sei mesi del 2018. 

Nasce con questo intento il programma «In quanto donne - Storie di ordinaria violenza» in onda dal 3 novembre ogni sabato alle 23:05 su Real Time: le testimonianze raccolte aiutano a capire meglio cosa spinge gli uomini a gesti estremi e quali sono i segnali allarmanti, di pericolo in una relazione che non vanno assolutamente sottovalutati.    

 “Ascoltare i segnali” è intitolata appunto la prima storia che ha al centro la morte della sedicenne Federica Mangiapelo assassinata dal suo ragazzo Marco. Federica viene ritrovata annegata nel lago di Bracciano il primo novembre del 2012: la sua è una vita spezzata dalla violenza ma anche da un'incapacità a concepire i rapporti affettivi in modo paritario e rispettoso dell’altrui libertà. Il padre di Federica ha trasformato la dolorosa perdita in una missione: andare nelle scuole e raccontare cosa è successo a sua figlia per evitare che si ripetano altre tragedie. La madre è la prima volta che parla per dar voce alla sua angoscia ma anche per esortare altri genitori e le donne, soprattutto, a non trascurare i segnali rivelatori di personalità oppressive e violente. 

Al termine dei cinque documentari inediti un contributo di Lucia Annibali, l'avvocato vittima di un atto di violenza inaudito commesso dal suo ex compagno, che da anni si batte per una maggiore sensibilizzazione dell'opinione pubblica su queste tematiche.