“4 di sera”, con Francesca Barra e Roberto Poletti

Al centro del programma i temi più importanti del giorno

2 Luglio 2024 alle 08:41

Roberto Poletti

Già dalle prime puntate “4 di sera” ha svelato subito le sue carte: dare voce a posizioni contrastanti e fare in modo che il confronto non vada mai sopra le righe. Merito di Roberto Poletti e Francesca Barra, la coppia inedita di conduttori al timone del nuovo programma in onda dal lunedì al venerdì. I due giornalisti, con un approccio pacato, consentono agli ospiti di esprimere le proprie opinioni e al pubblico di seguire il dibattito con interesse anche su argomenti scottanti. Abbiamo raggiunto al telefono Roberto Poletti mentre passeggia al parco…

Roberto, si rilassa camminando?
«Sì (sorride). Il mio segreto per ricaricare le batterie e per attingere energia è passeggiare con il mio cane Milos mentre leggo tutti i messaggi che arrivano dagli spettatori: è fondamentale sapere le loro opinioni».

Ma così non stacca mai…
«Al contrario. Avventurarmi in una sfida completamente nuova mi ha dato molta energia. Questa parentesi professionale è la mia “vacanza”. Per tre mesi vivrò e lavorerò a Roma: me la godrò lavorando…».

È passato dalla conduzione mattutina di “Mattino 4” a quella serale.
«È un’ottima opportunità che mi ha dato Mediaset. Era già del tutto inaspettata la conduzione di “Mattino 4” al fianco di Federica Panicucci, esperimento riuscito tra l’altro. E ora questo nuovo programma mi ha colto di sorpresa e in modo molto positivo».

Qual è l’aspetto che più la intriga di questo nuovo programma?
«Portiamo in televisione i temi di cui si parla a casa all’ora di cena: fatti del giorno con un approfondimento sui protagonisti dell’attualità. Ogni volta immaginiamo che le persone a tavola discutano degli argomenti che noi trattiamo. Politica, attualità e un po’ di costume…».

La conduzione è in tandem con Francesca Barra. Sembrate già molto affiatati. Vi conoscevate prima d’ora?
«Ci eravamo incontrati più volte in vari programmi televisivi. Anche lei, come me, è ogni giorno sempre più entusiasta».

Nella sua carriera ha realizzato tante inchieste, mentre ora cerca anche di fare un po’ di intrattenimento.
«Mi stimola e mi piace. L’aspetto che mi affascina è che a Mediaset ho superato tutte le tappe fondamentali. Ho cominciato da inviato in mezzo alla gente. E poi un po’ alla volta sono andato avanti. Mediaset fa crescere i suoi dipendenti e dà grandi possibilità. Negli anni mi sono conquistato la fiducia e ne sono orgoglioso».

Il giornalismo sta cambiando con l’avvento dei social network e delle nuove tecnologie.
«Non vedo finita la professione del giornalista. Serviranno sempre di più le persone che sono in grado di distinguere, a differenza di una macchina, il buono dal cattivo».

Come vive questa esperienza suo marito Francesco?
«Francesco (Naccari, ndr) è la mia forza. La nostra relazione è forte. Funziona perché facciamo parte di mondi diversi. Lui starà con me a Roma, da dove lavorerà! Ci accomuna anche l’amore per la Sicilia, dove abbiamo una casa».

Francesca Barra

Non si ferma mai. Francesca Barra è una giornalista che nell’arco della sua carriera ha fatto praticamente di tutto: dalla rassegna stampa all’inviata in programmi di approfondimento, dalla conduzione in radio a quella in televisione. E ora è immersa in questa nuova avventura professionale su Rete 4.

Giornalista, scrittrice, attivista, conduttrice e mamma di quattro figli. Francesca, come fa a fare tutto?
«Quando mi hanno proposto di condurre “4 di sera” la prima cosa che ho detto tra me e me, è stata: “Mamma, che grande opportunità!”. L’altro pensiero è stato: “E ora dove metto questi quattro ragazzi quando avevano davanti tutta un’altra estate…”. Alla fine, tra me, Claudio (l’attore Santamaria, suo compagno: li vediamo qui sopra in foto, ndr) e i nonni che sono lontani, ce la stiamo cavando. Sono molto contenta».

Una famiglia solida alle spalle è la chiave giusta per poter fare tutto…
«Ne sono straconvinta. I miei figli e il mio compagno sono le persone più preziose della mia vita. Dico sempre che se mi togliessero il lavoro, rimarrei comunque ricca di sentimenti, affetti ed emozioni vere».

C’è un filo conduttore che lega le sue diverse esperienze professionali?
«La ricerca di verità che, a volte, possono sembrare scomode. Amo il racconto nudo e crudo delle storie, spesso è anche più efficace dei commenti o delle opinioni. Sarebbe bello se le persone che seguono “4 di sera” prendessero spunto dai casi che trattiamo per intavolare un dibattito con i propri cari. Un po’ come capita a casa mia e come avveniva con i miei genitori… Ricordo che, finita la cena, in famiglia avevamo l’abitudine di parlare tanto e confrontarci sui fatti del giorno, dalla cronaca alle storie più leggere».

Quest’avventura la sta condividendo con Roberto Poletti…
«Quando ho saputo che avremmo condotto il programma insieme, ho pensato: “Ma che bella idea!”. Noi due insieme possiamo essere la miccia giusta per stimolare riflessioni nelle case degli italiani».

Come personaggio pubblico, è inevitabile ricevere qualche commento negativo. C’è stata in passato una critica più aggressiva che l’ha ferita?
«Qualche anno fa uscivano spesso notizie sulla mia vita privata. Un giorno ero così scoraggiata e stanca che mi sedetti sul divano a pensare. Ero molto giù di morale. A un certo punto arrivò Claudio che mi disse: “Scusami, ma di cosa ti preoccupi? La risposta a tutta questa cattiveria gratuita siamo noi…”. In quel momento c’era lui circondato dai nostri figli sorridenti. Da allora mi sono convinta che avesse ragione, e oggi sono certa di poter contare sui miei affetti più grandi. Lo ribadisco: per me la famiglia è tutto!».

Seguici