Adriano Panatta presenta “Domenica Dribbling” con Paola Ferrari

Dopo tre anni di onorato servizio in qualità di ospite fisso a "Quelli che il calcio", si è guadagnato un posto da presentatore

23 Ottobre 2022 alle 08:06

Dopo tre anni di onorato servizio in qualità di ospite fisso a "Quelli che il calcio", Adriano Panatta si è guadagnato un posto da presentatore. Con Paola Ferrari, la domenica su Rai2, conduce il “secondo tempo” del nuovo programma sportivo "Domenica Dribbling".

Panatta, ormai è diventato un volto del calcio.
«Il calcio mi piace molto, come mi piacciono anche altri sport. Ed è di tutti questi che parliamo nel programma, non ci limitiamo solo al pallone. Insieme a Giorgio Terruzzi proponiamo dei filmati molto interessanti su cui io intervengo per dire la mia».

Quali sono i suoi sport preferiti?
«Primo fra tutti il tennis, per ovvie ragioni (è stato un grandissimo campione, ndr). Poi il calcio ma anche l’automobilismo. E seguo un po’ tutte le discipline olimpiche. Per venticinque anni, fino al 2005, ho praticato la Motonautica, vincendo un Campionato del Mondo».

Rispetto al passato, lo sport oggi sembra diventato più competitivo.
«La competizione c’è sempre stata. Il problema oggi riguarda i bambini che, per colpa di alcuni genitori che la prendono troppo sul serio, sono sottoposti a stress inutili: per loro lo sport deve essere un divertimento. Poi, certo, se diventi professionista devi mettere in conto anche lo stress».

Tra i tanti campioni dei giorni nostri chi le piace di più?
«Valentino Rossi, Roger Federer, Federica Pellegrini, Francesco Totti… Mi vengono in mente solo i nomi di quelli che si sono ritirati».

Prima o poi capita a tutti.
«Ma c’è chi lo capisce prima e chi dopo».

Ha citato Totti, lei è un tifoso della Roma. Come vede la squadra di Mourinho in questi primi mesi di campionato?
«È una buona squadra ma non mi sembra ancora tra quelle pronte per lo scudetto. Sarebbe un grande successo se arrivasse tra le prime tre o quattro per poter giocare in Champions League».

Seguici