Home TvProgrammi«Alessandro Borghese – 4 ristoranti» fa tappa nella Penisola Sorrentina

«Alessandro Borghese – 4 ristoranti» fa tappa nella Penisola Sorrentina

Nella puntata di giovedì 5 luglio lo chef ci porta alla ricerca del miglior ristorante di cucina di terra e di mare. A contendersi il titolo, due ristoratori e due ristoratrici

04 Luglio 2018 | 13:43 di Giulia Ausani

Continua il viaggio di Alessandro Borghese alla ricerca dei migliori ristoranti italiani. La terza puntata di «Alessandro Borghese - 4 ristoranti», in onda giovedì 5 luglio alle 21.15 su Sky Uno, ci porta nella penisola sorrentina, alla ricerca del miglior ristorante di cucina di terra e di mare. Quattro ristoratori visiteranno i locali degli avversari per valutarne location, menù, servizio e conto con un voto da 1 a 10. Anche Borghese darà dei voti che però resteranno segreti fino alla fine della puntata.

I ristoranti

A contendersi il titolo, due uomini e due donne. Claudia è la titolare e responsabile di sala de Il verricello (a Meta di Sorrento), ristorante aperto insieme al marito chef Giancarlo. Il locale lavora esclusivamente con il pescato del giorno, offrendo piatti semplici ma eseguiti con maestria, utilizzando prodotti locali tra olio, limone e treccia. Il ristorante, che si troa a due passi dal mare, rispecchia la personalità della titolare per quanto riguarda arredamento e oggettistica.

Emidia amministra la Trattoria Emilia, fondata dai suoi bisnonni a Sorrento nel 1947. Specializzata nella preparazione di piatti semplici e della tradizione, con porzioni abbondanti e saporite, non mancano le portate di pesce classiche come gli spaghetti alle vongole, gli gnocchi alle vongole e la frittura di paranza. Il ristorante si trova a Marina Grande, un antico borgo abitato da sempre da pescatori e marinai, e poggia le sue travi direttamente sull'acqua come una palafitta. La vista è da cartolina, con una splendida terrazza sul mare che si affaccia sul Golfo di Napoli. Vi è anche una sala interna.

Mauro è il titolare e responsabile di sala de La Marinella, ristorante di Sant'Agnello, dove lui è nato e cresciuto. Il ristorante si trova all’interno di uno stabilimento balneare arroccato sulla costa e offre un menù che presta particolare attenzione agli elementi base dei piatti sorrentini, ovvero olio, pomodoro e pasta. Il locale si affaccia sul mare aperto e all'interno della sala c'è una parete di roccia. Particolare la mise en place, con runner incrociati al posto delle classiche tovaglie e bicchieri per l’acqua colorati. Ci sono due modi per raggiungere la struttura: con l’ascensore scendendo dalla piazza principale oppure a piedi percorrendo, sempre dalla piazzetta, un’antica stradina romana.

Camillo è il titolare e il cuoco dell’Osteria Torre Ferano, a Vico Equense. Lavora nella ristorazione da 28 anni e nel suo ristorante si occupa di tutto, dalla spesa alla cucina, dalla selezione alla gestione del personale. Il locale è aperto tutto l’anno e, a detta di Camillo, è un punto di riferimento per le persone del posto e per quei turisti che cercano la buona cucina tipica sorrentina. Il pomodoro viene usato in piatti sia freschi che in sughi della tradizione. Il ristorante si trova in collina, con affaccio panoramico sul mare, e si presenta come una torre in pietra risalente al ‘700. Ci sono due sale da pranzo principali, una al coperto e un’altra in terrazza, all’ultimo piano.