Home TvProgrammi“Alessandro Borghese – 4 ristoranti”, la nuova stagione: da Hong Kong a Firenze

“Alessandro Borghese – 4 ristoranti”, la nuova stagione: da Hong Kong a Firenze

Dal 24 settembre le 7 nuove puntate delle sfide tra ristoratori. Il 5 novembre è la volta di Firenze, alla ricerca del miglior ristorante storico

Foto: Alessandro Borghese

04 Novembre 2019 | 14:35 di Giulia Ausani

È ripartita la ricerca dei migliori ristoranti d'Italia (ma non solo). Il 24 settembre alle 21.15 su Sky Uno, ha avuto il via infatti la nuova stagione di "Alessandro Borghese - 4 ristoranti", che ci porterà a viaggiare tra realtà culinarie locali diverse, dal nord al sud Italia. E oltre: per la prima volta il programma è uscito dai confini europei portandoci addirittura a Hong Kong.

• Alessandro Borghese: 10 regole per scegliere il ristorante

Le tappe di questa nuova edizione sono in tutto sette: dopo Hong Kong si torna in Italia e precisamente sul Gargano, prima di spostarci in Franciacorta e poi ancora lungo la Riviera di Ulisse, a Palermo, sull'Isola d’Elba e a Firenze.

Il meccanismo della sfida è sempre lo stesso: quattro ristoratori provenienti dalla stessa zona si sfidano per stabilire chi tra di loro è il migliore in una determinata categoria. Ognuno invita a cena nel proprio ristorante i tre avversari che, accompagnati da Borghese, commentano e votano con un punteggio da 0 a 10 location, menu, servizio e conto. In palio per il vincitore di ciascuna puntata c'è, oltre al titolo di miglior ristorante, un contributo economico da investire nella propria attività.

Anche Borghese dà i suoi voti, ispezionando con cura la cucina e prestando attenzione al personale per valutare accoglienza, servizio al tavolo, descrizione del piatto e del vino. I voti dello chef però restano segreti fino alla fine della puntata e possono confermare o ribaltare la classifica che incorona il miglior ristorante dell'episodio. Inoltre, Alessandro avrà a disposizione un bonus di cinque punti per giudicare un elemento specifico in ogni puntata.

La settima puntata: i migliori ristoranti storici a Firenze

Foto: Alessandro Borghese e i concorrenti della puntata di "4 Ristoranti" dedicata a Firenze

Destinazione dell’ultima puntata del programma è Firenze, una delle città più visitate d'Italia, con un centro storico patrimonio dell'UNESCO. Per la tappa conclusiva di questo viaggio di "4 Ristoranti", Alessandro Borghese andrà alla ricerca del miglior ristorante storico, che possa rappresentare al meglio l'antica arte culinaria della città.

A contendersi il titolo ci sono: Trattoria Antico Fattore di Alessio Lucia, Trattoria Zà Zà di Stefano Bondi, Ristorante Natalino di Gabriele Mazzanti e Trattoria Mario di Romeo Colzi. Chi tra di loro si aggiudicherà il titolo di miglior ristorante storico di Firenze?

Trattoria Mario (Piazza del Mercato): Romeo è titolare e cuoco della Trattoria Mario, in cui è nato e cresciuto. Il ristorante è stato aperto nel 1953 dalla sua famiglia e inizialmente era una piccola taverna, dove si servivano pietanze frugali accompagnate dal vino al bicchiere.

Romeo non aveva questa vocazione, ma alla fine si è innamorato del suo lavoro, onorando la promessa fatta al padre di portare avanti la Trattoria di famiglia.

La location della trattoria è storica, con tovaglie in plastica bianche e viola, e piccoli tavoli che favoriscono gli incontri, con sgabelli al posto delle sedie, in cui possono sedersi accanto persone che non si conoscono. In bella vista compaiono alcune regole da rispettare: non si chiede la ciccia ben cotta; non ci sono ketchup o maionese; non c'è il wi-fi; non si serve il caffè, perché storicamente si prendeva nel bar di fronte.

La cucina di Romeo è tipicamente fiorentina: tutte le ricette vengono da una lunga tradizione di famiglia. Il menu è appeso al bancone, mentre Romeo preferisce passare tra i tavoli e decantare i suoi piatti.

Trattoria Antico Fattore (Uffizi): Alessio è il titolare e responsabile della Trattoria Antico Fattore di Firenze. Il locale risale al 1865 ed è riconosciuto dalla Camera del Commercio di Firenze come appartenente al Registro delle Imprese Storiche. Si trova in pieno centro storico, proprio dietro la Galleria degli Uffizi. All'epoca era un importante punto di ritrovo per personaggi illustri quali pittori, scultori, scrittori e musicisti. L’Antico Fattore era un convivio fiorentino e tra le sue mura, nel 1931, nacque la manifestazione letteraria del premio Antico fattore, tutt'oggi in voga, che eleggeva il poeta/scrittore dell'anno.

La cucina dell’Antico Fattore è una cucina di tradizione, artigianale e casalinga, con qualche aggiunta di piatti più commerciali che, secondo Alessio, non possono mancare. Per lui, avere un cuoco fiorentino rappresenta la vera forza della sua cucina.

Trattoria Zà Zà (Piazza del Mercato): Stefano è il titolare del ristorante e si occupa sia della sala che della cucina. La trattoria è divisa in due ambienti: da un lato c'è la zona più antica del locale, risalente al 1975 e caratterizzata da ambienti più conviviali, informali, colori sgargianti e tanta oggettistica (cavalli di legno, bambole, burattini, vecchie foto del locale e personaggi che hanno mangiato lì); dall'altro lato la parte più moderna, con un'atmosfera chic, con grandi lampadari, quadri e tele d'epoca e poltrone in velluto.

Anche la Trattoria Zà Zà è inserita nell'archivio degli Esercizi Storici Fiorentini. Il menu è molto ampio e non offre solamente cibi della tradizione toscana, ma anche proposte di mare, di tartufo o piatti più commerciali, dalla pasta al pesto, passando dalla bolognese alla parmigiana. Per la bistecca alla fiorentina, invece, Stefano non utilizza la chianina, una carne bovina, secondo lui dura e stopposa, ma carne slava.

Ristorante Natalino (tra Piazza della Signoria, Santa Croce e Piazza del Duomo): Gabriele è il titolare e responsabile di sala del Ristorante Natalino, sotto la guida della famiglia Mazzanti da più di 30 anni.

Il Ristorante Natalino si trova nel centro storico di Firenze, nella Chiesa delle Badesse, una vecchia chiesa sconsacrata. Grazie alla sua posizione centrale, ha favorito il passaggio di molti artisti, come i pittori Arrigoni e Stefanelli. La location è storica, con tavoli e sedie in legno, mise en place semplice e bottiglie di vino esposte, che richiamano un'atmosfera famigliare e conviviale.

La cucina è tradizionale toscana: non mancano la ribollita, la pappa al pomodoro e altri piatti tipici come il peposo, la panzanella, la trippa, i crostini con fegatini.

La Fiorentina regna sovrana, alta 4-5 dita, cotta su pietra lavica, tagliata al tavolo e condita secondo il gusto dei clienti.

La sesta puntata: i migliori ristoranti in una baia dell'Isola d'Elba

Foto: Alessandro Borghese e i concorrenti della puntata di "4 Ristoranti" dedicata all'Isola d'Elba

Destinazione della sesta puntata di "4 ristoranti" è l'Isola d'Elba, un'oasi verde e blu tra le acque dell'Arcipelago Toscano, dove è possibile cenare anche a pochi passi dal mare, circondati da spiagge dorate, paesaggi lunari e acque cristalline. In questa atmosfera magica, con il sottofondo delle onde e della brezza marina, Alessandro andrà alla ricerca del miglior ristorante in una baia.

A contendersi il titolo nella puntata in onda martedì 29 ottobre ci sono: Emanuel – Bistrot di mare di Luca Del Gratta, La Caravella di Consuelo Martorella, Il Golfo di Felice Montauti e Ristorante Le Viste di Pierluigi Creazzo. Chi tra loro riuscirà ad aggiudicarsi il titolo di miglior ristorante in una baia?

Ristorante La Caravella (Porto Azzurro): Consuelo è la titolare del ristorante La Caravella, gestisce la sala e supervisiona la cucina.

La location de La Caravella è una palafitta sul mare di proprietà della famiglia di Consuelo sin dal 1949, anno in cui il nonno Aladino aprì il ristorante. L'interno del locale è suggestivo, e ricorda la prua di barca, con un timone in bella mostra all'ingresso. Il ristorante è molto curato, con un parquet chiaro e delle vele che coprono il soffitto. Al ristorante La Caravella è possibile arrivare in barca, prenotando un tavolo durante il viaggio.

La cucina è tradizionale, caratterizzata da pesce fresco locale con cui si possono fare vari tipi di sughi, cacciucco, risotto ai frutti di mare, calamari ripieni, polpo e molto altro, senza utilizzare troppi condimenti se non olio evo, aglio e prezzemolo.

Ristorante Il Golfo (Marina di Campo): Felice è il titolare del ristorante insieme alla moglie Francesca. I coniugi hanno aperto il ristorante nel 2013, e ad oggi è uno dei più conosciuti dell’Isola D’Elba, con una clientela ormai fidelizzata.

La location de Il Golfo presenta degli interni classici, con il bancone del bar in vista e i tavoli in legno. All'esterno, una terrazza sul mare rende l'atmosfera molto suggestiva: la struttura e la pavimentazione in legno danno proprio la sensazione di mangiare su una piattaforma che fluttua sul mare. Al ristorante si può arrivare in barca e attraccare proprio accanto alla terrazza.

La cucina è tradizionale: formati di pasta partenopei fatti in casa, come i paccheri e gli scialatielli, vengono accompagnati a sughi di pesce fresco. Tra le specialità, spicca la zuppa di pesce.

Le Viste (Portoferraio): Pierluigi è il titolare del Ristorante Le Viste a Portoferraio. Di origine pugliese, frequenta l’Isola D’Elba sin da ragazzo, quando studiava architettura a Firenze. Durante l'estate, da ragazzo ha fatto tanta gavetta per racimolare qualche soldo, primo passo per realizzare il suo sogno.

La location si trova in uno stupendo scorcio dell'isola, da cui si può ammirare anche l’Isola di Capraia. Il ristorante è una terrazza sul mare, a cui si può arrivare con un tender e si trova proprio sulla spiaggia delle Viste, da cui prende il nome, famosa per le residenze di Napoleone. La cucina è tradizionale, con piatti poveri e popolari, ma non mancano innovazione e creatività dello chef. Il pesce è fresco, cucinato al forno o alla griglia, e con qualcosa di più raffinato come il tortello ripieno di capesante e gamberi con asparagi e tartare di astice.

Emanuel Bistrot (Portoferraio): Luca è il titolare dell’Emanuel Bistrot, rinnovato da poco più di un anno con un’impronta contemporanea sia nella location che nella cucina.

La location del locale è molto curata, e si divide in tre parti: l'esterno dedicato all'aperitivo, con tavolini in legno sotto un fico secolare, l’interno dedicato al servizio serale, e una terrazza esterna in cui si può cenare con vista sul pontile.

La cucina è fatta di prodotti del territorio, ma comunque innovativa: l'Emanuel Bistrot ha valorizzato il tonno, la palamita e altre tipicità, rivisitate in chiave contemporanea con tante tipologie di lavorazione, anche provenienti da culture diverse.

La quinta puntata: i migliori street food di Palermo

Foto: Alessandro Borghese e i concorrenti della puntata di "4 Ristoranti" dedicata a Palermo

Nella quinta puntata, Alessandro sbarca a Palermo per un episodio dedicato interamente allo street food. Lo chef e i ristoratori potranno assaporare il vero “manciari di strada”, un tempo cibo povero, oggi conosciuto e apprezzato da tutti. Tra chioschi, mercati, carretti ambulanti con distese di arancine e panelle, Alessandro andrà alla ricerca dei migliori piatti della tradizione siciliana, legati allo street food.

A contendersi il titolo nella puntata in onda martedì 22 ottobre ci sono: Friggitoria da Davide di Davide Troìa, Da Mimì di Giuseppe Lo Iacono, Dainotti’s Apericapo di Arianna Dainotti e Roxy Street Food 1987 di Noel Casisa. Chi tra loro riuscirà ad aggiudicarsi il titolo di miglior street food di Palermo?

Friggitoria da Davide (zona stadio): titolare e cuoco del ristorante è Davide, che svolge questa attività da almeno 10 anni. Nonostante il suo locale sia aperto da poco tempo, Davide lavorava già come ambulante proprio lungo la strada davanti alla Friggitoria. Secondo lui, lo street food è una specialità che permette di conoscere la storia di Palermo: nel suo locale, infatti, Davide dà la possibilità ai suoi clienti di conoscere la storia del cibo di strada attraverso dei pannelli proprio dedicati alle ricette street food per eccellenza.

La location della Friggitoria è tanto semplice quanto curata e moderna. Alcuni tavolini dal design minimal animano la grande sala principale, che cattura l'attenzione con la scritta al neon “da Davide” appesa sulla parete, mentre nell'altra parte del locale ci sono il bancone vendita e la cassa inserita in una riproduzione di un classico baracchino da street food.

Da Mimì – Street Food D'Autore (Zona popolare - Malaspina): Giuseppe è titolare e cuoco del locale Da Mimì. Sin da quando era bambino, Giuseppe ha sempre dimostrato un forte interesse per la cucina: la sua famiglia è nella ristorazione da circa 70 anni, e per questo motivo sostiene che i pilastri culinari siciliani non debbano assolutamente essere stravolti.

Il suo menu propone i piatti tipici palermitani, dai pastellati alle panelle e crocchè, dalla caponata al caldume (quinto quarto bollito), fino alle rascature (scarti delle panelle) e le stigghiole (budellino di agnello alla griglia). Dall'esterno, il locale di Da Mimì richiama i classici chioschi da cibo di strada; all'interno, invece, è molto curato, con sedie e tavolini, tovaglie a scacchi bianchi e rossi, maschere africane di legno e pareti abbellite con tantissime fotografie.

Da Arianna – Dainotti’s Apericapo (nel Mercato del Capo): Arianna è la titolare, cuoca e addetta alla vendita del locale Dainotti. Con entusiasmo e determinazione, Arianna porta avanti l'attività creata dal padre 23 anni fa.

Da Dainotti’s Apericapo si possono assaggiare tutti i cibi tipici dello street food palermitano: panelle, crocchè, arancine, stigghiola, quarume, i mangia e bevi (involtini di pancetta e cipollotti), e in occasioni speciali anche i panini con la milza.

Il locale di Arianna si affaccia direttamente sulla strada del mercato del Capo: per questo motivo, vi è una parte dedicata alla vendita ed è composta da diverse bancarelle. Dall'altra parte, invece, c'è la zona dedicata al servizio con i tavolini, in mezzo ad un'atmosfera che sembra quella di un vero mercato cittadino, tra schiamazzi, colori e profumi di qualunque natura.

Roxy Panineria Friggitoria (Mondello): Noel è il titolare e cuoco della friggitoria. Secondo Noel, lo street food non è solo una moda ma è un’arte, la vera eccellenza di Palermo: il cibo di strada, infatti, rappresenta la base della cucina e di tutta la cultura siciliana.

Tra i piatti che si possono assaggiare al Roxy, le panelle, le crocchè, l'arancina “accarne” (alla carne) o “abburro” (bianca con prosciutto) e il panino con la milza.

Il locale si divide in due zone: all'esterno, un dehor si affaccia sul mare e sulla piazza principale di Mondello, mentre all'interno vi sono una piccola sala, la friggitoria e il bancone vendita.

La quarta puntata: i migliori ristoranti di pesce della Riviera di Ulisse

Foto: Alessandro Borghese e i concorrenti della puntata di "4 Ristoranti" dedicata alla Riviera di Ulisse

La destinazione della quarta puntata di "4 ristoranti" è la Riviera di Ulisse, la costa laziale che si estende da San Felice Circeo al Golfo di Gaeta, tra acque trasparenti, promontori rocciosi, atmosfere romantiche e il cosiddetto pesce povero.

A contendersi il titolo nella puntata in onda martedì 15 ottobre ci sono: Bistrot 23 di Andrea Casale, Ricciola Saracena di Silvia Mazzone, La Tana degli Artisti di Rossella Errigo e Lacocina di Massimo Popolla. Data la location d’eccezione, la sfida tra i ristoratori verterà principalmente sul pesce locale, in particolar modo sull'alice, considerato pesce povero eppure ricco di sapore e qualità nutrizionali.

Bistrot 23 (Sabaudia): titolare e chef del ristorante è Andrea (33 anni), mentre la compagna Marta gestisce la sala. Nato nel 2017, il Bistrot 23 deve il suo nome al fatto che il 23 è un numero fortunato e ricorrente nella loro famiglia.

La location del Bistrot 23 è giovanile, curata nel dettaglio con toni chiari in contrasto con i colori caldi della mise en place. All'esterno, la clientela è accolta da un gazebo molto curato, mentre all'interno il ristorante ha più le sembianze di un bar.

La cucina del Bistrot 23 è piuttosto tradizionale e genuina, ed alcuni piatti sono il frutto della fantasia e della creatività di Andrea. Uno su tutti è la sua rivisitazione della Cacio e Pepe: un bauletto di pasta cotta nel brodo di ombrina ripieno di ricotta, pecorino e parmigiano, servita su un carpaccio di ombrina.

Ricciola Saracena (Sperlonga): Silvia è la titolare e chef del ristorante, mentre Marco è il responsabile di sala e vini. Innamorati degli scorci che offre la città e degli antichi vicoletti, Silvia e Marco hanno aperto il Ricciola Saracena tre anni fa, in una location suggestiva incastonata in uno splendido vicolo vista mare e che ricorda molto i colori delle casette della Grecia.

In passato, il ristorante era un frantoio: per questo motivo gli arredi sono fatti con materiali di recupero, dalle assi di legno alle botti al posto dei tavoli.

La cucina è tradizionale, i piatti sono semplici e legati al territorio e al pesce di mare: Ravioli di ricotta di bufala con pomodorini gialli e colatura di alici di Anzio, Pesce spada con caponatina di melanzane.

La Tana degli Artisti (Terracina): Rossella e Mario sono gli “artisti” del ristorante: lei è la cuoca, mentre il marito è il titolare e gestisce la sala. I due coniugi hanno aperto La Tana degli Artisti nel 2009, uniti dalla passione e dalla voglia di creare un posto accogliente, con una cucina che rappresentasse le idee e la creatività di Rossella.

Nell'antichità, il loro ristorante era un vecchio porto romano, ed è per questo motivo che la location è piuttosto caratteristica: all'interno, vi è un pavimento del 324 A.C e le mura hanno pietre a vista.

Lacocina di Popolla (Gaeta): Massimo è titolare e cuoco, mentre Anna gestisce la sala de Lacocina di Popolla. Aperto 9 anni fa, il ristorante si trova nella piazzetta di Gaeta, zona un tempo frequentata da persone poco affidabili e riqualificata grazie al ristorante. La location de Lacocina di Popolla è assolutamente classica, con cucina a vista ed una sala e un dehors piuttosto ampi. All'interno, completano l’arredo pietre a vista e oggetti antichi appesi alle pareti.

La cucina di Massimo è genuina e verace: il pesce è il piatto principale, abbinato molto spesso a verdure e legumi, ad esempio il baccalà pastellato con la scarola.

La terza puntata: i migliori ristoranti con degustazione di bollicine della Franciacorta

Foto: Alessandro Borghese e i concorrenti della puntata di "4 Ristoranti" dedicata alla Franciacorta

La destinazione della terza puntata di "4 ristoranti" è la Franciacorta, splendida zona bresciana tra le colline e il lago d’Iseo, dove non c’è piatto in tavola che non venga accompagnato da una delle tante tipologie di spumante provenienti da questa terra.

Tra una prelibatezza e l’altra, accompagnate da un buon bicchiere di vino, Alessandro Borghese andrà alla ricerca del miglior ristorante con degustazione bollicine della Franciacorta. A contendersi il titolo ci sono: La Corte, Bella Iseo, Hostaria Uva Rara e Cadebasi Franciacorta. 

Ristorante Bella Iseo (Pilzone d’Iseo): titolare e gestore è Fabio (46 anni), che vanta una carriera nel campo della ristorazione di quasi 30 anni. Fabio ha iniziato a gestire il Bella Iseo da due anni e ritiene che il suo ristorante offra una perfetta cornice della Franciacorta. La location del Bella Iseo è particolarmente suggestiva: il ristorante si trova in un’antica struttura che contrasta con l’interno moderno. Inoltre, la terrazza affacciata sul lago offre un panorama mozzafiato.

La cucina del ristorante Bella Iseo propone diversi elementi: il Franciacorta, i prodotti del bresciano e il pesce di lago. Fabio descrive la sua cucina come un connubio di semplicità, ricette salutari e tecniche moderne. Il suo cavallo di battaglia è il risotto che manteca con il Franciacorta, un vino che ritiene essere adatto ad ogni piatto perché, essendo secco, permette di sgrassare la bocca prima di ogni assaggio.

Ristorante La Corte (Palazzolo sull'Oglio): Aldo (56 anni) è il cuoco e titolare del Ristorante La Corte, che ha aperto insieme alla moglie Cinzia nel 1993. Aldo lavora come cuoco da più di 40 anni, e nel corso della sua carriera ha accumulato molta esperienza in diverse cucine.

La location del Ristorante La Corte è molto elegante e curata, contestualizzata in un ambiente classico e pulito, dove non mancano pezzi d’arte come quadri, sculture e vasi. Inoltre, una mise en place contemporanea e una cucina creativa contribuiscono a dare un tocco ricercato al ristorante. Il menu alla carta propone una cucina elaborata che privilegia pesce e verdure, ma anche primi piatti dal gusto intenso.

Aldo ha anche fatto fare una cuvée di Franciacorta che porta il suo nome, il “vino della casa”.

Hostaria Uva Rara (Monticelli Brusati): Daniela (60 anni) è la titolare, insieme al marito, dell'Hostaria Uva Rara e si occupa della gestione della sala. Il destino ha voluto che Daniela nascesse proprio all'interno di un ristorante, quindi questo lavoro ce l’ha proprio nel DNA. Daniela si definisce una donna caparbia, appassionata e curiosa: ama prendere spunti da altri ristoranti e provare cucine che non le appartengono.

La location dell'Hostaria Uva Rara è molto elegante e classica, curata e femminile, a differenza della dicitura “Hostaria”. Il ristorante si trova all'interno di una casa ristrutturata risalente al 1400, in un’antica corte. La cucina dell'Hostaria è affidata al marito, ma sempre sotto stretta supervisione di Daniela. Inoltre, i due vantano una cantina ben fornita, con oltre 100 etichette solo di Franciacorta.

Cadebasi Franciacorta (Palazzolo sull’Oglio): Alessandro (34 anni) è chef e socio del ristorante Cadebasi, aperto insieme all'amico Giuseppe dopo diverse esperienze all'estero. I due hanno scelto come territorio proprio la Franciacorta perché affine alla loro idea di ristorazione. Alessandro si dice curioso di trovare realtà che facciano le cose perbene, indipendentemente dalle scelte di ogni ristoratore.

La location del Cadebasi è nuova e molto curata nei dettagli: ci sono luci particolari, colori accesi, che garantiscono un’atmosfera soffusa che sa di metropolitano e di design. La cucina ha un livello medio-alto che punta alla ricerca qualitativa della materia prima. Elemento di spicco è la selezione di vini, che spazia dal locale all'internazionale.

La seconda puntata: i migliori ristoranti di pesce del Gargano

Foto: Alessandro Borghese e i concorrenti della puntata di "4 Ristoranti" dedicata al Gargano

Continua il viaggio di Alessandro Borghese alla ricerca dei migliori ristoranti italiani. La seconda puntata di "Alessandro Borghese - 4 ristoranti", in onda martedì 1 ottobre alle 21.15 su Sky Uno, ci porta sullo sperone d'Italia, il promontorio del Gargano, alla ricerca del miglior ristorante di pesce della zona. Quattro ristoratori visiteranno i locali degli avversari per valutarne location, menù, servizio e conto con un voto da 1 a 10. Anche Borghese darà dei voti che però resteranno segreti fino alla fine della puntata.

A contendersi il titolo sono Domenico, Katia, Leonardo e Vincenzo. Domenico ha 29 anni ed è lo chef nonché titolare del ristorante Al Trabucco da Mimì, aperto nel 1975 dai suoi nonni. «Combatto contro i risotti di mare, lo spaghetto alle vongole e la frittura mista perché sono piatti di massa», dice Domenico, che propone un menu sempre in evoluzione cercando di variare i piatti esaltando i prodotti del territorio. La location, un po' spartana ma storicamente importante, si affaccia sul mare.

Katia ha 47 anni ed è la titolare nonché cuoca del ristorante Eden, «un vero paradiso» sulla spiaggia da cui si possono godere meravigliosi tramonti sul mare. Cuoca autodidatta, ha imparato il mestiere dalle donne della sua famiglia, e divide il lavoro con l'ex marito addetto alla griglia. Katia propone una cucina tradizionale ma ogni tanto inventa qualche piatto, come le sue linguine gamberi, lime, menta e pecorino. Il piatto forte del locale è il pesce alla griglia, rigorosamente a chilometro zero. 

Leonardo ha 42 anni ed è il titolare nonché chef del ristorante Al Capriccio, provvisto di una passerella di venticinque metri sul porto dove è possibile attraccare con la barca e pranzare mentre i pescatori arrivano col pesce fesco. La cucina di Leonardo ha varie formule: dall’esperienza gourmet all’aperitivo, spaziando tra piatti e vini del territorio e internazionali, il tutto a contatto con i pescatori. Uno dei suoi piatti simbolo è il risotto ai ricci di mare, che lo ha reso noto sulle guide, e la cozza ripiena: aperta e farcita con composta di formaggi locali come il pecorino o il cacio ricotta, richiusa e cotta nel brodetto di pesce. Leonardo ha rivisitato questo piatto rendendo il guscio della cozza commestibile ricreandolo con la pasta di cracker al nero di seppia e scomponendo le salse di pomodoro con variazioni come basilico o aglio.

Vincenzo ha 27 anni ed è il titolare nonché responsabile di sala del Camavité, ristorante di famiglia a cui lui ha deciso di apportare innovazione. In abbinamento ai piatti tradizionali, infatti, propone cocktail che esaltano i sapori della Puglia. La cucina offre ingredienti tradizionali sempre di stagione e impiattamenti moderni. Un esempio di cocktail? Il Mediterraneo, un centrifugato di basilico e limone del Gargano allungato con la cedrata e come base alcolica il gin.

La prima puntata: i ristoranti italiani di Hong Kong

Foto: Alessandro Borghese con i 4 ristoratori italiani di Hong Kong

A sfidarsi nella prima puntata saranno quattro ristoratori italiani di stanza a Hong Kong, pronti a contendersi il titolo di miglior ristorante italiano. Christian ha 45 anni ed è il titolare del ristorante Il Pirata e a Hong Kong è arrivato nel 1993 con l'intenzione di restarci solo sei mesi. Invece ha iniziato a lavorare per i più grandi ristoranti cinesi, finché quattro anni fa non ha deciso di aprire un locale tutto suo insieme a un socio. Una scommessa vinta, visto che nel giro di due anni hanno aperto dodici ristoranti. La sua cucina è tradizionale, con un menù semplice e tipicamente casalingo. 

Alessandro ha 43 anni è il titolare nonché lo chef del Dine Art Private Kitchen. Dopo aver viaggiato per il mondo, undici anni ha si è stabilito a Hong Kong, e un anno fa ha aperto questo ristorante con l'amico Luca. La sua cucina prende spunto dalla tradizione per rielaborarla in chiave moderna e fusion, con una grande attenzione anche all'impiattamento.

Stefano ha 42 anni ed è il titolare del The Italian Club. Anche lui ha girato il mondo prima di arrivare a Hong Kong tre anni fa. Stanco di non trovare mai la vera cucina italiana all'estero, ha deciso di aprire un suo ristorante. La sua cucina è affidata a uno staff straniero, perché è convinto che per preparare piatti tradizionali contino soprattutto le materie prime, che per il suo ristorante ricerca lui personalmente.

Ermanno ha 42 anni e gestisce il Segreto Exclusive Italian Private Kitchen, occupandosi anche della cucina. Prima animatore e poi espero di food & beverage, vive a Hong Kong da 23 anni. La sua cucina è super-tradizionale e si ispira alle ricette di famiglia. È convinto che solo lui a Hong Kong proponga la vera cucina italiana.