Home TvProgrammiAnna Moroni: «L’importante è che non manchi mai la farina!»

Anna Moroni: «L’importante è che non manchi mai la farina!»

La cuoca di "Ricette all’italiana" ci parla di come organizza la dispensa in questi giorni e del suo ingrediente “magico“

Foto: Anna Moroni conduce “Ricette all’italiana” insieme con Davide Mengacci  - Credit: © Assunta Servello

30 Aprile 2020 | 9:40 di Tiziana Lupi

Potrà sembrare strano ma non è facile in questi giorni riuscire a trovare Anna Moroni libera per una chiacchierata: «Ho più da fare che nelle giornate normali, quando arriva la sera sono distrutta» esclama, rivelando un’energia non comune ai tempi dell’isolamento da coronavirus.

È chiaro, rimanere a casa pesa anche a lei: «Mi sembra ancora un brutto sogno da cui mi devo svegliare, non esco dal 7 marzo» dice la “signora” di “Ricette all’italiana” di cui in questi giorni su Rete 4 stanno andando in onda le repliche.

Ci racconti la sua giornata tipo.
«Mi alzo alle 6, come sempre. Prendo il caffè e le pillole per la pressione e, alle 7, seguo la Messa del mattino di papa Francesco. Poi, tra la cucina e un po’ di sole in terrazza, arriva l’ora di pranzo. Al pomeriggio cammino mezz’ora sul tapis roulant, faccio qualche diretta Instagram, una partita a burraco con mio marito e siamo pronti per la cena».

Fare la spesa è diventato un problema viste le limitazioni per uscire: lei come si è organizzata?
«Ci pensano i miei tre figli. Chi va al mercato e chi al supermercato, poi ognuno lascia le cose per gli altri nel garage che è diventato il loro punto di scambio. A me, invece, portano tutto a casa e io ricambio con piatti pronti. L’altro giorno ho fatto le ciambelline al vino rosso, ieri il ciambellone, oggi il passato di verdure e così via».

Mai come in questo periodo è importante avere un’accurata lista della spesa: cosa non manca mai nella sua dispensa e non dovrebbe mancare nella nostra?
«La farina. Ci si può fare di tutto: pane, pizza, focacce, pasta sfoglia e brisée con cui preparare torte rustiche. Io uso la farina di tipo “0”, ma ognuno può scegliere quella che preferisce».

Ha parlato di torte rustiche. Ci spieghi meglio come le fa.
«Le farcisco con i prodotti di stagione, non potrei vivere senza verdura. In questo periodo scelgo verze, carciofi, zucchine e fagiolini. Consiglio anche di comprare carote e patate. Queste ultime possono essere conservate in frigorifero per farle durare più a lungo. Infine, se la trovate ancora, comprate della zucca che è perfetta per realizzare ottimi primi piatti».

Anche per la frutta vale il consiglio di scegliere prodotti di stagione, immagino.
«Certamente. Ho sempre le banane, le arance per la spremuta e, soprattutto, le mele con cui si possono preparare delle torte. Chi non è allergico, e io purtroppo lo sono, può mangiare anche ottime fragole».

Rimaniamo nel frigorifero. Carne, pesce, formaggi e salumi: dove stanno?
«Carne e pesce possono trovare posto nel freezer, a meno che non si tratti di prodotti che è meglio consumare appena acquistati come, per esempio, le sogliole e le spigole. Cerco di avere spesso la carne macinata con cui cucino il ragù per tutta la famiglia. Tra i formaggi consiglio di avere a portata di mano la scamorza: fresca o affumicata, è ideale per le torte rustiche di cui parlavo prima. Va bene anche il provolone, mentre è meglio evitare formaggi molli, come il gorgonzola, che si deteriorano facilmente. Così come del resto il prosciutto, cotto o crudo. Fate anche una buona scorta di uova e latte: anche quello a lunga conservazione va benissimo».

Torniamo alla dispensa.
«Devono esserci pasta, riso, zucchero e pelati. E, naturalmente, il tonno, che è utile per condire un piatto di spaghetti».

Niente legumi?
«Io non li ho perché non ho mai comprato fagioli o ceci in scatola. Li prendo freschi, li cucino e li surgelo in piccole porzioni. Ma lo scatolame è sicuramente una cosa utile in questo periodo».

Chiudiamo con un consiglio: cosa possiamo fare se la sera avanza un po’ di pasta?
«Sono cresciuta nel dopoguerra, sono stata abituata a non sprecare mai nulla. Avanza la pasta? Perfetto, il giorno dopo possiamo preparare una frittata. È un piatto talmente buono che, a volte, lesso apposta un po’ di pasta in più per farla avanzare!».

Preparate così la pasta brisée

Ingredienti: 200 grammi di farina tipo “0”, 1 uovo, 90 grammi di olio o burro, 1 cucchiaino di sale, 2 cucchiai di acqua.

Impastiamo tutto, lasciamo riposare mezz’ora e la nostra base è pronta per essere farcita con verdure, formaggi o come preferiamo.