Carlo Conti e Vanessa Incontrada presentano i “Tim Music Awards”

Il 9 e il 10 settembre in diretta dall’Arena di Verona su Rai1. «Per la musica è un evento unico, con oltre 50 artisti famosissimi» dicono i due conduttori

18 Agosto 2022 alle 08:08

Su Rai1 il 9 e il 10 settembre, in diretta e in prima serata dall’Arena di Verona, ai Tim Music Awards trionfa la musica, che quest’anno va premiata ancora di più, perché ha segnato il ritorno ai live dopo mesi e mesi di stop dovuti alla pandemia. Conducono Carlo Conti e Vanessa Incontrada, per l’11a edizione consecutiva insieme.

Che significato ha per voi questo evento?
Vanessa: «Dopo tanti anni per me è “casa”. Ed è bello vedere il pubblico che ha voglia di ascoltare musica dal vivo. Io stessa, che finora non sono potuta andare ai concerti perché sono stata impegnata sul set, ci tornerò al più presto: la prima artista che andrò a sentire sarà Elisa».
Carlo: «Per me è innanzitutto una bella festa. E sono felice di festeggiare con Vanessa in un’Arena che registrava già il tutto esaurito “sulla fiducia”, prima che annunciassimo in anteprima il cast e gli ospiti delle due serate in questo servizio su Sorrisi. Ed è bello premiare i giovani, la nuova onda della musica italiana, accanto ai mostri sacri del settore».

Per che cosa assegnereste un premio l’uno all’altra?
Carlo: «Darei un premio a Vanessa per la versatilità: è brava in tutto. Sa condurre, recitare, cantare, è completa».
Vanessa: «A Carlo darei un premio per la professionalità. Ogni volta che gli chiedo: “Sei agitato?”, risponde: “No”. “Sei nervoso?”, e lui: “No”. Ha un controllo naturale sul palco e un’assoluta padronanza in tutti i momenti dello show».

Ormai tra voi avete un’intesa speciale. Riuscite a leggervi nel pensiero?
Vanessa: «Capiamo i tempi. Io riconosco al volo quando Carlo entra per una battuta, intuisco molto anche dai suoi silenzi».
Carlo: «Considerate, poi, che noi non abbiamo niente di scritto e sul palco andiamo sempre a braccio. Se non ci fosse sintonia, sarebbe impossibile».

Un vostro momento magico dietro le quinte?
Carlo: «Un classico è il momento in cui Vanessa si toglie le scarpe (ride)».
Vanessa: «Sì, quando mi riposo un attimo dai tacchi. Questo lo fa sempre sorridere».

Vi unisce il fatto di amare la Toscana: Carlo, fiorentino, ci è nato e ci vive; Vanessa, di Barcellona, abita a Follonica (GR). Ma in che cosa, secondo Carlo, Vanessa è ormai una vera “toscanaccia” e, secondo Vanessa, c’è qualcosa di spagnolo in Carlo?
Vanessa: «L’abbronzatura! Perché da noi a Barcellona si va al mare anche d’inverno e la gente ha un bel colorito tutto l’anno».
Carlo: «Del modo di vivere dei toscani Vanessa ha assorbito tutta la leggerezza e l’ironia».

In comune avete anche l’amore per gli animali. Uno dei tre cani di Vanessa si chiama Gina, proprio lo stesso nome che ha la nuova cagnolina di Carlo. Per caso vi siete messi d’accordo?
Carlo: «Quando l’abbiamo presa, a mio figlio Matteo e a mia moglie Francesca è venuto in mente di chiamarla proprio come la cagnolina di Vanessa. Se fosse stato un maschio, il suo nome sarebbe stato Gino».
Vanessa: «Quando Francesca mi ha telefonato per dirmelo (sì, perché tra noi ci sentiamo spesso) io ero orgogliosa e felicissima che la mia Gina fosse rimasta così tanto impressa nei loro cuori».

Ma perché proprio Gina?
Vanessa: «Io chiamo “Gina” da sempre tutte le mie amiche, come sinonimo di “tesoro” o “amore”. Quindi, quando si è trattato di scegliere il nome della mia cagnolina, per me è stato automatico metterle quel nome».

Parliamo un po’ dei vostri gusti musicali: che generi ascoltate per darvi la carica?
Vanessa: «Vario molto tra i generi e ascolto di tutto: dal rap alla musica classica. Se mi serve energia, mi do al pop che mi dà una carica forte».
Carlo: «I Pink Floyd. Non passa settimana che io non senta qualche loro brano. Ma mi carica molto anche la canzone “Viva la vida” dei Coldplay».

Il tormentone estivo 2022 che non vi togliete più dalla testa?
Carlo: «“Shakerando” di Rhove, grazie a mio figlio Matteo, che mi ha fatto scoprire il brano in tutte le sue derivazioni, anche le parodie un po’ scurrili. Ma devo dire che Fedez con il terzetto di quest’anno con Mara Sattei e Tananai in “La dolce vita” ha fatto centro pure stavolta».
Vanessa: «Idem! Anche qui a Follonica nelle discoteche del papà di mio figlio Isal (l’imprenditore Rossano Laurini, ndr) spopola “Shakerando”. E piace molto anche a Isal, quindi a casa nostra si ascolta spesso».

Isal, che ha 14 anni, potrebbe essere il fratello maggiore di Matteo, che ne ha 8. Saranno a Verona?
Vanessa: «Lo portavo con me quando era piccolissimo, è tornato l’anno scorso e questo settembre ci sarà di nuovo, sì. Ma non siederà tra il pubblico, lui preferisce stare con me dietro le quinte. Gli piace vedere cosa succede nel backstage, solo che ha il terrore che io lo chiami sul palco e mi dice sempre: “Mamma, mi raccomando, non farlo, ti prego!”».
Carlo: «Anche Matteo viene da qualche edizione. Ma non riesce a resistere fino alla fine della serata perché si addormenta e mia moglie Francesca deve portarlo in hotel. Ci sono cantanti che adora e quindi cerca di resistere per vederli persino se crolla dal sonno...».

Vanessa, sta già mettendo in guardia Carlo su ciò che lo aspetta con l’adolescenza dei figli? E lei, Carlo, ne è consapevole?
Carlo: «Non ne abbiamo ancora parlato».
Vanessa: «Ma io lo metterò in guardia».
Carlo: «Sai, Vanessa, come diciamo in Toscana? Bambini piccini, problemi piccini. Bambini grandi, problemi grandi. E più passa il tempo più lo capisci. Me ne sono già accorto».

Ai Tim Music Awards sappiamo già come sarà vestito Carlo: giacca e...
Carlo: «...maglietta o camicia bianca. Deciderò lì per lì all’ultimo minuto, in base a come mi sento».

Vanessa invece che abiti sceglierà per mettere in risalto la sua bellezza mediterranea?
Vanessa: «Io metto quasi sempre un tubino, perché ho paura che un abito lungo impedisca i movimenti fluidi. Mi muovo tanto sul palco, gesticolo. Il tubino è comodo, un grande alleato».

Qualcuno troverà sempre qualcosa da criticare, succede sui social.
Carlo: «Vero, criticano sempre la mia abbronzatura. Hanno sempre da ridire. Anche Giorgino (Panariello, ndr) e Leonardo (Pieraccioni, ndr) devono sempre fare battutacce».
Vanessa: «Lo ammetto, vorrei tanto essere abbronzata come Carlo, ma con le mie lentiggini e il mio incarnato non ci riuscirò mai!».

I Tim Music Awards segnano il picco dell’estate in tv e il primo evento della prossima stagione, che per voi sarà ricca di impegni.
Carlo: «Per forza! E con grande entusiasmo. Riparto il 30 settembre con “Tale e quale show”, con Loretta Goggi, Giorgio Panariello e Cristiano Malgioglio in giuria. Poi ci saranno Lo Zecchino d’Oro, i “Tali e quali” e mi piacerebbe rifare anche “I migliori anni”, ma è ancora presto per parlarne».
Vanessa: «In autunno farò “Striscia la notizia” e “Zelig” su Canale 5. Dopo di che sarò in teatro e a seguire arriverà in tv la seconda stagione di “Fosca Innocenti”, che ho appena finito di girare. E alla fine dell’anno prossimo inizierò un altro film».

Siete pronti per le fatiche che vi aspettano?
Vanessa: «Sempre».
Carlo: «Per forza! E con grande entusiasmo per una stagione esaltante».

Qual è il vostro rito di passaggio dall’estate all’autunno?
Carlo: «A parte i Tim Music Awards? Metto un po’ di crema doposole (ride)».
Vanessa: «Io ho un rito mio da sempre: faccio pulizie profonde in casa. Tende, tappeti, pouf , mobili e divani. Sposto e pulisco tutto».

Seguici