“Dalla parte degli animali”, Michela Vittoria Brambilla torna su Rete 4

Domenica 17 settembre alle 10.25 ricomincia il suo programma

Michela Vittoria Brambilla con la figlia Stella
14 Settembre 2023 alle 15:32

È una fonte costante di energia, Michela Vittoria Brambilla: è presidente di Leidaa (Lega italiana difesa animali e ambiente), parlamentare e conduttrice di un programma tv. Domenica 17 settembre ricomincia alle 10.25 su Rete 4 il suo “Dalla parte degli animali” (in replica il martedì in seconda serata, sempre su Rete 4 e la domenica alle 15.35 su La5), con la regia di Fabio Villoresi, a cura di Carlo Gorla. A Sorrisi racconta tutte le novità di questa edizione.

Facciamo un punto della situazione, Michela…
«Il programma è in onda dal 2017, è diventato un riferimento per le famiglie italiane, per grandi e piccoli. Raccontiamo storie e parliamo di amore, di trovatelli in cerca di casa, cerchiamo di far adottare tutti gli animali. Siamo una trasmissione ambientalista, animalista, che veicola messaggi importanti. Ci tengo anche a ringraziare Mediaset per l’attenzione che ha rivolto a questo tema: siamo su Rete 4 ogni domenica mattina e in replica dopo “È sempre Cartabianca”, questo è un progetto in cui crede e ne sono felice».

C’è un aspetto a cui tiene particolarmente?
«Siamo ancora di più attenti verso gli animali selvatici: dopo i fatti di questi ultimi periodo (la terribile morte dell’orsa Amarena o la capretta massacrata di botte) ci siamo accorti di quanto sia importante ristabilire l’equilibrio e la convivenza con il mondo naturale che ci circonda. Questa è la vera ricchezza del nostro Paese».

E le rubriche fisse?
«Gli animali che adotteremo in trasmissione ci faranno conoscere anche tante curiosità e aspetti che non sono così noti ai più».

Dove registrerete?
«Saremo sempre e solo all’aria aperta, senza studi e luci artefatte. Saremo nella cascina in Brianza che è la nostra base storica o nel Cras (Centro recupero animali selvatici) Stella del nord di Leidaa, in provincia di Lecco. I protagonisti saranno animali di ogni genere, dal gattino al grande rapace, cinghiali, piccoli cervi, gli animali del mare. Parleremo anche dell’ambiente: gli incendi che abbiamo visto quest’estate impattano negativamente sulla vita del pianeta».

Con lei ci sarà sua figlia Stella?
«Ha appena compiuto 9 anni e ormai è una presenza fissa che parla ai più giovani: è la nostra scommessa verso il futuro. Inoltre ha una naturalezza quando è tra gli animali… Tra di loro trascorre le sue giornate dopo che è uscita da scuola». 

Qual è l’animale preferito di Stella?
«Non è facile rispondere: Stella vive con tutti gli animali, adora la sua volpe che sta in camera da letto con lei. Poi in giardino ci sono i suoi cavalli, i maialini… Sono certa che lei direbbe il leone facendo tremare la mamma! Questo perché il nostro è un centro che recupera gli animali sequestrati dai circhi quando sono maltrattati, quindi un leone me lo aspetto».

E poi ci sarà una new entry: Speedy.
«È un randagino intelligente, simpatico e buffo di un anno e mezzo adottato dalla trasmissione che Stella ha tenuto in braccio tutta una mattina. Lui ha tutti i colori del mondo, il pelo un po’ corto e un po’ lungo. È il cane più giusto per essere il successore di Lucky che ci ha lasciato da poco. Viene da Matera e sarà con noi in studio in carne e ossa ma anche in forma virtuale».

In che senso?
«II suo avatar condurrà un tg, in uno studio che ricalca quello del Tg4. Spiegherà un animale a puntata (iniziamo con la foca) e terrà la rubrica “SOS animali” dove aiutiamo le famiglie a cercare il loro amato scomparso. E ci riusciamo!»

Cosa vorrebbe che gli italiani capissero sul tema adozione?
«L’importante è fare un’adozione consapevole, ogni persona che decide di avere un cane deve sapere che staranno insieme per circa 15 anni, che dovrà provvedere alle spese mediche e di cibo (oltre che di compagnia) come un figlio in più».

È felice di questo programma?
«Mi piace dare un futuro migliore a tanti animali sfortunati, aiutare le persone a capire quanto siano fortunati ad avere un compagno di viaggio del genere».

Seguici