Home TvProgrammi“Dottori in corsia” torna con Federica Sciarelli

“Dottori in corsia” torna con Federica Sciarelli

Il programma torna su Raitre in seconda serata da lunedì 11 gennaio

Foto: Federica Sciarelli

11 Gennaio 2021 | 8:18 di Simona De Gregorio

«Da mesi ci siamo abituati a considerare eroi medici, infermieri e operatori sanitari impegnati nella battaglia contro il Covid. Ma ci sono anche altri eroi, sempre in camice bianco, che lottano per la vita. E tra questi in prima linea c’è tutto il personale dell’ospedale Bambino Gesù di Roma, che ospita piccoli pazienti affetti da malattie rare». Così Federica Sciarelli ci introduce alla nuova edizione di "Dottori in corsia" che, attraverso incontri e interviste ai giovani pazienti, familiari e medici, ripercorre il viaggio verso la guarigione di giovani malati.

Federica, è stato difficile realizzare questa edizione col Covid?
«Sì, perché era fondamentale evitare di portare il Covid all’interno dell’ospedale. Infatti io e tutte le persone coinvolte nel programma venivamo sottoposti regolarmente al tampone e molte riprese sono state realizzate in un asilo nido che ci hanno messo a disposizione. È stata un’esperienza forte, ma sono tutte storie a lieto fine e, visto il periodo duro che stiamo attraversando, ho voluto che ci fossero più sorrisi possibili».

Ci sono storie che l’hanno particolarmente colpita?
«Mi è rimasta impressa la frase di un ragazzo di 17 anni sottoposto a un trapianto: “Il Signore ti dà la possibilità di fare del bene anche quando sei morto”. Una frase bellissima detta da una persona così giovane. E anche verissima, perché pone l’accento sull’importanza della donazione, a cui si deve la speranza».

La speranza è una costante delle sue trasmissioni.
«Vero. In Chi l’ha visto? spinge i parenti delle persone scomparse a combattere la disperazione. Qui aiuta i genitori dei piccoli pazienti a reagire. La speranza è fondamentale per vincere la paura».