Home TvProgrammi“Dritto e rovescio”: Paolo Del Debbio torna con un nuovo talk show

“Dritto e rovescio”: Paolo Del Debbio torna con un nuovo talk show

Da giovedì 7 marzo in prima serata il giornalista torna su Rete 4 per condurre il suo nuovo programma

Foto: Paolo Del Debbio

01 Marzo 2019 | 14:33 di Matteo Valsecchi

Da giovedì 7 marzo in prima serata Paolo Del Debbio torna su Rete 4 per condurre il suo nuovo programma "Dritto e rovescio". Si tratta di un talk show incentrato sui problemi quotidiani delle persone e in ogni puntata si accenderà un confronto ad ampio spettro. «Rispetto ai talk tradizionali sarà più un dibattito tra varie categorie piuttosto che un semplice dialogo tra politici. I quali saranno comunque nostri ospiti» ci spiega il giornalista.

Quale sarà il vostro obiettivo?
«Indagare gli effetti delle scelte politiche sulla vita reale dei cittadini. E per questo motivo, un ruolo fondamentale lo avrà il pubblico in studio. Non sarà generico, bensì verrà selezionato a seconda del tema della puntata».

Ci faccia qualche esempio.
«Parlando delle chiusure dei centri commerciali, saranno presenti i lavoratori che rischiano di perdere il posto, ma anche le famiglie che li frequentano o gli imprenditori che li gestiscono. Senza dimenticare i piccoli artigiani, che in passato sono stati danneggiati proprio dagli ipermercati».

Avete preparato anche dei servizi esterni?
«Sì, sto girando alcuni reportage. Per ora sono stato a Napoli e Pomigliano d’Arco, Milano, Crotone. Di ciascuna città cercherò di mostrare, come dice il titolo del programma, il dritto e il rovescio. Ossia i lati positivi e le situazioni critiche».

Proprio il titolo richiama due colpi del tennis. Ma lei sa giocare?
«No. Gioco solo, e malamente, a ping pong».

Invece qual è il suo colpo vincente da giornalista?
«Essere in grado di costruire un rapporto diretto con la gente, unito a una qualche capacità di indagine culturale».

Quindi preferisce il giornalismo di strada alla comodità dello studio?
«Dello studio ci si annoia. Al contrario, entrare in contatto con le persone è un oceano senza limiti di opportunità».