Home TvProgrammi“È sempre mezzogiorno!”, Antonella Clerici: «Porto in tv la grande magia della natura»

“È sempre mezzogiorno!”, Antonella Clerici: «Porto in tv la grande magia della natura»

Torna su Raiuno con il suo nuovo programma: «Leggero e genuino come piace a me» dice. «Non è una gara tra cuochi, ma in cucina avrò tanti ospiti per parlare in allegria. Tra ricette, giochi e uno sguardo al mio bosco da sogno»

Foto: Antonella Clerici

24 Settembre 2020 | 8:40 di Giusy Cascio

«Le telecamere della Rai sono qui nel mio bosco a riprendere scorci da fiaba mentre io mi godo gli ultimi momenti di tranquillità a casa» dice Antonella Clerici, pronta per rientrare al lavoro in tv: il 28 settembre alle 12 in punto torna in onda su Raiuno nella “sua” ora con il nuovo programma “È sempre mezzogiorno!”.

Un giorno da segnare sul calendario?
«Sul calendario ho disegnato un sole, perché anche con il titolo della trasmissione, concettualmente, puntiamo a un momento speciale, quello in cui il sole è alto in cielo e le mie amate signore accendono la tv chiedendosi: “Cosa preparo di buono oggi da mangiare? E cosa mi racconterà Antonellina?”».

Quali sorprese ha in mente per loro?
«Per costruire il programma ho pensato alla mia adorata provincia, quella dove sono nata (a Legnano, vicino a Milano, ndr) e quella dove abito ora, sull’Appennino, ad Arquata Scrivia, in provincia di Alessandria. Vorrei mostrare come sono cambiata da quando mi sono trasferita qui, a contatto con la natura. Le parole chiave da riscoprire per me sono semplicità, genuinità e gentilezza».

Ci chiediamo tutti se lo show sarà diverso da “La prova del cuoco”, o se un po’ lo ricorderà.
«Sgombriamo il campo dai dubbi: non sarà un cooking show, non sarà una gara fra cuochi, ma un programma in cui la cucina è il contesto e lo spunto per parlare di attualità. Di temi leggeri, però, niente cronaca perché non è il mio “pane”. Le persone, soprattutto in questo periodo difficile, hanno bisogno di allegria, un pizzico di gossip e tanta, tanta serenità».

Le dispiace un po’ che “La prova del cuoco” sia stato chiuso?
«Era finito un ciclo. Due anni fa ho scelto io di andarmene. E, a dire il vero, all’inizio non mi passava neanche per l’anticamera del cervello di tornare con un programma a mezzogiorno. Io avrei voluto fare solo delle piccole incursioni dal mio bosco, quasi come “stories” di Instagram. Ma la Rai ha insistito e, dopo averci riflettuto, ho accettato».

E il “suo” bosco la ispirerà?
«Sì, il bosco è diventato il mio baricentro e lo sarà anche nel programma. L’occhio delle telecamere si soffermerà sugli aspetti della vita di campagna che mi piace condividere. Momenti teneri, come la nascita di un puledrino o di un cerbiatto. E tutto avrà sempre una dimensione e una cornice fiabesca, da sogno».

Ecco perché nello spot del programma lei è una principessa che si risveglia non con un bacio, ma con un piatto di pasta!
«Esatto, nel promo ho messo una nota ironica, che rappresenta il mio stile, la voglia di divertirmi. Il principe azzurro dello spot, cicciottello e anzianotto, sarà una figura fissa del cast: si chiama Alfio, il fattore. Ed è un uomo delle mie valli, simpaticissimo, a cui piacciono molto le donne...».

Che ruolo avrà Alfio?
«Farà un po’ di tutto. Sarà il mio aiutante quando accoglierò gli ospiti che verranno a trovarmi in studio: procurerà del pane e salame, un buon bicchiere di vino. Si occuperà di mettere a proprio agio gli invitati, che saranno necessariamente amici miei perché, un po’ come tutti, invito solo persone a cui voglio bene. Per esempio, immagino che se Carlo (Conti, ndr) dovesse essere di passaggio a Milano una capatina la farà senz’altro».

Altri personaggi fissi?
«Due nonnine, che staranno sedute su un dondolo e parleranno di storie e piatti della tradizione, e una zia che chiamo “Cri”, come mia sorella Cristina: una cuoca romagnola. Poi avremo un sommelier che ci aiuterà a conoscere i vini del territorio italiano. E Fulvio Marino, il “panificatore”, che avrà uno spazio quotidiano e darà tanti spunti per fare il pane in casa. Un’idea nata durante la quarantena, quando molti di noi compravano il lievito e provavano a sfornare pagnotte e focacce da sé».

Vedremo tanti chef per imparare nuove ricette?
«Ma certo! Ci saranno vecchie conoscenze dei miei 18 anni a “La prova del cuoco”, come Luca Montersino, che ogni venerdì parlerà di pasticceria. E nuove scoperte come Lorenzo Biagiarelli, giovane “social chef” che ci spiegherà come usare ingredienti poco conosciuti che lui scova durante i suoi viaggi. O Serena, “la fatina dei dolci”, che somiglia alla protagonista de “Il favoloso mondo di Amélie”, ma bionda. Infine, avremo sempre un cuoco “strano”: quello che usa le erbe, lo specialista in frattaglie, il frate che cucina in convento...».

Lei va in onda da Milano. Come si organizzerà tra casa e lavoro, per seguire sua figlia Maëlle che ha iniziato la prima media?
«Per fortuna casa mia dista solo 55 minuti di macchina da Milano e Maëlle è molto serena, ben inserita nella scuola di Novi Ligure e felice che io riprenda a lavorare».

Il direttore di Raiuno Stefano Coletta ha detto che “È sempre mezzogiorno!” è un’evoluzione di “Pronto, Raffaella?”.
«Mi ha fatto un complimento, perché ogni conduttrice deve tanto alla Carrà. Certo, oggi la tv è molto cambiata, ma il direttore si riferiva ai giochi: dato che per via del Covid non avremo pubblico in studio, ci divertiremo giocando col pubblico a casa».

Sono iniziati i casting per “The Voice Senior”, il talent dedicato agli over 60 che condurrà, sempre su Raiuno, in prima serata. Che artisti cercate?
«Non aspiranti artisti che, come i giovani, ambiscono a fare un percorso di carriera, ma persone che hanno belle storie da raccontare».

Novità sulla giuria?
«Ancora nessuna».

Quando andrà in onda?
«Appena finisce “Tale e quale show”, a novembre, per cinque puntate».

Settembre è il mese dei buoni propositi. I suoi?
«Magari perdere un paio di chiletti. Ma se non ci riesco, va bene lo stesso».