Federico Quaranta conduce “Linea verde radici”

È in perenne viaggio alla scoperta dei luoghi più belli e sconosciuti per poi mostrarceli nel suo programma del sabato su Rai1

Federico Quaranta
31 Luglio 2021 alle 08:55

Agguantare Federico Quaranta è quasi una “mission impossible”. Bisogna rincorrerlo per tutta la Penisola, dove è in perenne viaggio alla scoperta dei luoghi più belli e sconosciuti per poi mostrarceli nel suo "Linea verde radici".

«Sono appena rientrato dalla Sicilia: un tour dall’Etna a Trapani terminato all’isola di Marettimo, nelle Egadi. Perlopiù a piedi, camminando, perché così si possono aprire gli occhi, il cuore e la mente e vivere intensamente delle esperienze incredibili» dice.

Ma le sue radici dove sono?
«Un po’ in tutti i posti d’Italia: Sicilia, Calabria, Puglia... E ovviamente a Genova, la mia città d’origine: un po’ metropoli, un po’ provinciale, senza confini, lunga e stretta appoggiata al mare. Un luogo che esalta la fantasia».

Lei è sempre in viaggio. Cosa le manca di più quando è fuori casa?
«Stare lontano dalla mia compagna Giorgia e mia figlia Petra, che ha solo due anni. Ogni volta che torno a casa mi corre incontro gridando felice “Papà, papà!”. Non vedo l’ora che sia più grande per poterla portare con me».

Riuscirà a ritagliarsi un periodo di vacanza con loro?
«Sì, andremo prima in Sardegna e poi in Puglia, dove sto ristrutturando una masseria sul Gargano. E dove posso dare sfogo alla mia anima verde».

E come la esprime quest’anima?
«Sto prendendo lezioni da un agronomo, che mi sta insegnando come si curano le piante e l’orto. E sono un ecologista: rispetto la raccolta differenziata, ho un’auto elettrica, i pannelli solari sul tetto...».

Ed è anche animalista.
«Beh, amo molto gli animali. E ho un cane, Wilson».

Verrà in ferie con voi?
«Purtroppo no. Nonostante oggi siano sempre più numerose le strutture turistiche dedicate agli animali, Wilson è un Rhodesian, una razza selvatica, difficile da gestire. Ma starà con i miei fratelli, coccolato e viziato».

Da esperto viaggiatore, ci consiglia qualche meta imperdibile?
«La Barbagia, nel cuore della Sardegna, e i monti Lagorai in Trentino, dove fare un esaltante trekking».

Seguici