Fiorello e il pazzo mondo di “Viva Rai2!”, lo show più mattiniero della tv

Lo showman e i suoi autori commentano per noi format e personaggi nati all’irresistibile programma in onda ogni giorno all’alba

13 Aprile 2023 alle 08:06

La creatività di Fiorello è inarrestabile. Lo sappiamo. E così dallo studio di vetro, l’ormai famosissimo “glass”, tutti i giorni nascono idee, spunti, personaggi, con la complicità del suo gruppo di autori (oltre allo stesso Fiorello ci sono Francesco Bozzi, Pigi Montebelli, Federico Taddia, Fabrizio Biggio, Mauro Casciari, Enrico Nocera ed Edoardo Scognamiglio) e dei tanti ospiti che puntano la sveglia ben prima dell’alba per partecipare alla fortunatissima avventura, con ascolti oltre il milione, di “Viva Rai2!” (il programma tornerà, dopo la pausa pasquale, mercoledì 12 aprile). Sono nati così dei divertenti “format nel format” di “Viva Rai2!”.

Ve li presentiamo, svelando i retroscena della loro creazione, attraverso il racconto del gruppo di lavoro e dello stesso Fiorello.

Tutti cantano Viva Rai2! La sigla di “Viva Rai2!” è interpretata da alcuni dei più grandi artisti della musica italiana. «Gigi D’Alessio ha scritto la prima, Jovanotti è il nostro “siglista” storico, tutti gli altri hanno mandato la loro versione spontaneamente e noi ne siamo super felici» spiegano gli autori. «Quando sono stato ospite nella trasmissione di Gigi D’Alessio su Rai1» dice Fiorello «gli ho raccontato che stavo preparando un nuovo programma e lui da subito mi ha detto: “La sigla te la faccio io!” e ha preparato quel jingle diventato poi famoso, che io decisi di usare per la promozione dello show. Era troppo forte! Poi la sigla vera e propria la fece Jovanotti e dopo di lui tantissimi altri si sono proposti generosamente, tra questi molti giovani artisti che siamo stati felici di promuovere in qualche modo.

Cremonini addirittura mi ha detto: “Quando ti faccio le sigle io mi alleno per le altre canzoni”». Tra gli altri “siglisti”: Giuliano Sangiorgi, Drusilla, Marco Masini, Ultimo, Colla Zio, Vasco, Alfa, Napoleone, Eugenio in Via Di Gioia, Inoki, Frank Gramuglia e Giovanni Truppi.

Le grandi inchieste con… Manuela Moreno (giornalista del Tg2): «È stato un modo per coinvolgere gli ospiti anche al di fuori della trasmissione» spiegano gli autori.

Fiorellazza È l’alter ego rapper di Rosario Fiorello, e nasce con la missione di denunciare le ingiustizie.

Il Calendario dell’avvento È stato una sorta di regalo di Natale al pubblico televisivo: Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio insieme, vestiti da elfi. Con questa rubrica natalizia “Viva Rai2!” ha riportato in televisione, dopo 10 anni, la coppia di “I soliti idioti”.

Batman «La parodia dell’omonimo film è nata in occasione del compleanno di Christian Bale, l’attore che interpreta il personaggio di Batman» raccontano gli autori. «E così Fiorello è entrato nei panni del supereroe, ed è accompagnato da Fabrizio Biggio che è WonderTrans». In un episodio compare anche Lillo nei panni di Posaman. «La cosa che ogni volta che mi guardo travestito da Batman mi fa proprio ridere» spiega divertito Fiorello «è il difetto che mi fa la maschera su un occhio: me lo chiude un po’, dando a Batman uno sguardo non proprio sveglio!».

Belvo le interviste di Franco Fagnano è la parodia del programma “Belve”. «Mi divertiva moltissimo essere l’alter ego maschile di Francesca Fagnani, con il nome Franco Fagnano» sorride Fiorello. Tra le zampate di Belvo, quelle alla stessa Francesca Fagnani, Matteo Renzi, Nunzia De Girolamo, Debora Serracchiani, Giovanni Malagò e Carlo Calenda.

Le fiction fallate Le grandi produzioni di Rai Fiction... venute male! Una parodia delle fiction che vede come protagonisti non solo attori, ma personaggi dello spettacolo che non hanno mai recitato. Nel ruolo di protagonisti ci sono stati Giorgia, Cristina D’Avena, Simone Montedoro e Levante.

La casa di cànone Il trailer-parodia della serie “La casa di carta”, con Fiorello e la partecipazione di Guè, Max Giusti, Ilenia Pastorelli, Marco Masini e Stefano Fresi. «Lo spirito è sempre quello di coinvolgere gli ospiti anche al di fuori della trasmissione» dicono gli autori. «Praticamente li facciamo svegliare all’alba e, contando sul fatto che sono ancora tramortiti dal sonno, chiediamo di fare cose lontane dal loro mondo».

Doc - quasi laureato Parodia della fiction “Doc. Nelle tue mani” (di cui Fiorello è grande fan da sempre). Gli altri interpreti, con Fiorello nel ruolo di un vanitosissimo Doc, sono Fabrizio Biggio, Mauro Casciari, Matilde Gioli e Lino Guanciale.

Mare Fuori Parodia dell’omonima serie. Interpretata da Fiorello (nel ruolo di Rosario Fiorello), Fabrizio Biggio (è Fabrizio Braccio), Mauro Casciari (è Mauro Guardiani), Enrico Cremonesi (è Carmine), talvolta accompagnati dai veri interpreti della serie, come Domenico Cuomo (Cardiotrap), Matteo Paolillo (Edoardo), Giacomo Giorgio (Ciro) e Nicolò Galasso (Pirucchio). «“Doc” e “Mare fuori” sono due grandissimi successi della Rai» dice Fiorello «ci sembrava quindi impossibile non farne la parodia, come si fa con tutti i grandi successi».

Non aprite quelle porte scorrevoli Parodia del film horror “Non aprite quella porta”. In questa spaventosamente divertente versione gli interpreti sono Max Pezzali, Michelle Hunziker, Tananai, Mr.Rain e Paola & Chiara.

I Ma senza Se Parodia dei Me contro te, gli youtuber Luì e Sofì adorati dai bambini. Fiorello e Biggio, nei panni di Florì e Tofì...

Chi vuol essere in ascensore? Parodia del game show “Chi vuol essere milionario?” ambientata in un ascensore: chi parla viene eliminato. È tra i format più ambiti: «È quello che tutti gli ospiti vogliono interpretare» svelano gli autori. Con i protagonisti Fiorello e Biggio, Colapesce e Dimartino, Giorgia, Francesca Michielin e Pierfrancesco Favino.

Tofu, il trapper vegano, fratello di Sethu. Il personaggio è stato ispirato dal cantante in gara a Sanremo, Sethu. Nelle sue performance Tofu ha interpretato dei classici della musica italiana, a volte anche accompagnato da grandi artisti come Giorgia, nelle vesti di Soia, sorella di Tofu, e in coppia con suo fratello Sethu ha cantato “I giardini di marzo” di Lucio Battisti. Tra gli altri successi cantati da Tofu “E la luna bussò”, “Fatti mandare dalla mamma”, “Nel blu dipinto di blu”, “Questo piccolo grande amore” e “Rose rosse” interpretato con Danti. «L’idea» dice Fiorello «è proprio quella di “rinfrescare” i grandi classici italiani. Tofu è veramente forte! Lo vedrei bene a Sanremo (ride)».

Immobiliare Vendocovi Ironico spot pubblicitario dell’agenzia immobiliare VendoCovi: “Non vendiamo sogni, ma solide latitanze” è lo slogan dello spot. «Nasce dall’attualità, dopo l’arresto del boss Matteo Messina Denaro e da lì in poi sono nate altre pubblicità scorrette» spiegano gli autori.

In rai non si butta via niente Il format che ricicla spazi, idee e personaggi della Rai, una serie di televendite condotte da Alessandro Greco. Per un mondo green e... per ammortizzare i costi della trasmissione. «Grazie ad Alessandro Greco, che con grande professionalità ci ha aiutato a rendere vere queste telepromozioni» dicono gli autori.

Don Rosario e Don Biggio preti fustigatori spesso nell’anteprima del programma (“VivaAsiago 10!”), in una via Asiago ancora in penombra prima del sorgere del sole.

Consigli per uno stile di vita sostenibile I rimproveri del burbero Superman per evitare gli sprechi.

Vox populi Vagnato Le interviste alla gente comune su temi di attualità, fatte dal tiktoker e influencer Gabriele Vagnato, inviato del programma agli eventi come la Prima della Scala e la Fashion Week di Milano.

Teleminkia Una nuova televisione cialtrona, dove sono ospitati gli epurati della Rai, che offre una controprogrammazione. In particolare il “MeteoMinkia” è a cura del colonnello Neri Marcorè, che si occupa solo delle previsioni del tempo della Sicilia.

Seguici