“Il sangue e la parola”, Nicola Piovani al Quirinale

Il compositore e direttore d’orchestra torna in scena in diretta venerdì 22 luglio su Rai3

20 Luglio 2022 alle 08:33

Tra i numerosissimi e prestigiosi riconoscimenti conferiti a Nicola Piovani c’è anche l’Oscar nel 1999 a "La vita è bella" di Roberto Benigni per la migliore colonna sonora. Ed è solo uno dei tanti capolavori del compositore e direttore d’orchestra che torna in scena con la Cantata "Il sangue e la parola" in prima assoluta e in diretta venerdì 22 luglio alle 21.20 su Rai3.

L’esecuzione è affidata all’Orchestra e al Coro del Teatro dell’Opera di Roma con le due voci soprano di Maria Agresta e Maria Rita Combattelli e con quella recitante di Andrea Pennacchi. Nato da un’idea dello stesso Maestro Piovani e promosso dalla Corte costituzionale, questo concerto realizzato in collaborazione con la Rai e con il Teatro dell’Opera, si svolgerà nella splendida cornice della Piazza del Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e delle più alte cariche dello Stato.

Il testo di "Il sangue e la parola" è tratto dalle Eumenidi di Eschilo, dalla Costituzione italiana e dai lavori di preparazione dell’Assemblea Costituente. Nella terza tragedia della trilogia dell’Orestea, il drammaturgo greco antico celebra i principi della civiltà del diritto. Parliamo di oltre 2500 anni fa, quando la prima legge ateniese fece esordire il Tribunale che proponeva un nuovo ordine affidato alla parola, al confronto e non più alla vendetta e alla violenza. Concetti ribaditi dall’organo legislativo elettivo e cuore della Costituzione. E a questi due momenti storici che si ispira l’Opera, dove il sangue cede il posto alla parola, la vendetta alla giustizia e la guerra alla pace.

Seguici