Home TvProgrammi“Invincibili”: la fine del Grande Torino

“Invincibili”: la fine del Grande Torino

La strage di Superga ricordata su Focus sabato 4 maggio in prima serata. Un documento a cura di SportMediaset che, oltre a ricordare il drammatico epilogo della storia, celebra l’epopea di una squadra che tra il 1942 e il 1949 vinse cinque scudetti

Foto: Uno scatto del Torino prima del match contro il Benfica. Il giorno seguente, al ritorno in Italia, l’aereo su cui viaggiava si schiantò sulla collina di Superga

03 Maggio 2019 | 09:35 di Alberto Rivaroli

Non era semplicemente una squadra di calcio, era un mito. Un gruppo di campioni capaci di regalare un briciolo di spensieratezza all’Italia degli Anni 40, devastata dalla Seconda guerra mondiale e poi segnata dalle conseguenze del conflitto.

Anche i tifosi avversari non potevano che riconoscere e ammirare il valore di una formazione che si guadagnò sul campo l’appellativo di “Grande”. Non era il Torino, era il Grande Torino. Per questo il 4 maggio 1949, quando l’aereo che riportava a casa i campioni granata dopo una partita giocata a Lisbona si schiantò nei pressi della Basilica di Superga (nel capoluogo piemontese), lo sgomento paralizzò tutta l’Italia.

E il 6 maggio ai funerali si presentò un’impressionante marea umana che superava il mezzo milione di persone. Oggi, 70 anni dopo, Focus (canale 35 del digitale terrestre) dedica un omaggio a quegli straordinari e mai dimenticati atleti. L’appuntamento è per sabato 4 maggio alle 21.15 con "Invincibili: il sogno spezzato".

Un documento a cura di SportMediaset che, oltre a ricordare il drammatico epilogo della storia (nello schianto morirono 31 persone, di cui 18 giocatori), celebra l’epopea di una squadra che tra il 1942 e il 1949 vinse cinque scudetti, fornendo inoltre quasi per intero l’ossatura alla Nazionale. Attraverso filmati d’epoca e interviste a giornalisti, storici e tifosi celebri del Torino, lo speciale di Focus racconta inoltre quanto speciale sia sempre stato il rapporto tra la squadra e i suoi sostenitori: un legame unico che qualcuno ha ribattezzato “fede granata”. A seguire (alle 22.15) un altro documentario, intitolato L’ultimo viaggio del Conte Rosso, rievoca la storia di quattro giovani calciatori del Torino che, subito dopo il dramma di Superga, furono chiamati a vestire le maglie dei campioni scomparsi per completare il campionato.