Home TvProgrammiKatia Follesa conduce «Bake off – Stelle di Natale»

Katia Follesa conduce «Bake off – Stelle di Natale»

Una sfida in tre puntate che vede protagonisti i cinque vincitori delle edizioni passate dello show più dolce della tv. L’appuntamento è per venerdì 14 in prima serata su Real Time

Foto: Da sinistra, Damiano Carrara, Katia Follesa, Clelia d’Onofrio e Ernst Knam

06 Dicembre 2018 | 17:41 di Simona De Gregorio

Una sfida in tre puntate che vede protagonisti i cinque vincitori delle edizioni passate dello show più dolce della tv. L’appuntamento è per venerdì 14 in prima serata su Real Time con «Bake off-Stelle di Natale». A condurre il torneo è Katia Follesa mentre a giudicare le preparazioni dei pasticcieri troviamo gli immancabili giudici Ernst Knam, Clelia d’Onofrio e Damiano Carrara.

E come si intuisce dal titolo, le prove di tutte le serate saranno dedicate ai dolci delle Feste. Non solo torte, ma anche decorazioni e allestimenti per le festività. Il migliore di ogni prova riceverà delle stelle e i due che ne avranno accumulate di più potranno accedere alla sfida finale per aggiudicarsi il titolo di “Migliore dei migliori”.

Katia, dobbiamo aspettarci delle sfide molto toste?
«Direi di sì, visto che il torneo racchiude le eccellenze delle passate edizioni di Bake off. I giudici sono più severi, i concorrenti sono molto agguerriti e competitivi. E dovranno creare dolci superlativi, fondendo tradizione e innovazione».

Qualche anticipazione?
«Nella seconda puntata avremo ospite la famiglia Polese de Il Castello delle cerimonie che verrà coinvolta in un divertente gioco e ci insegnerà i segreti della pasticceria napoletana».

Come si fa a resistere davanti a tutti quei dolci?
«Non tocchiamo l’argomento. Quando si spengono le telecamere assaggio di tutto».

Le piace decorare la casa e allestire la tavola per le Feste?
«Tantissimo. Di solito faccio sempre l’albero in anticipo. Sono cresciuta in una famiglia in cui l’atmosfera natalizia era molto sentita».

Il suo dolce natalizio preferito?
«Adoro il panettone classico e artigianale, accompagnato con una crema al mascarpone: sono bravissima a prepararla. Ma di recente ho scoperto anche quello farcito con i marron glacé».

Qual è per lei la regione che eccelle nella pasticceria?
«Non saprei scegliere. Posso solo dire che non resisto al babà!».