Home TvProgrammi«La notte di Andrea Bocelli», il concerto-evento di Raiuno

«La notte di Andrea Bocelli», il concerto-evento di Raiuno

Un evento che raccoglierà tantissimi nomi della lirica e dello spettacolo all’Arena di Verona la sera di sabato 8 settembre, per poi essere trasmesso in televisione il giorno successivo (domenica 9)

Foto: Andrea Bocelli  - Credit: © SplashNews

07 Settembre 2018 | 14:25 di Paolo Fiorelli

Si chiamerà «La notte di Andrea Bocelli» e sarà un evento che raccoglierà tantissimi nomi della lirica e dello spettacolo all’Arena di Verona la sera di sabato 8 settembre, per poi essere trasmesso su Raiuno il giorno successivo (domenica 9 settembre).

«L’Arena è un posto che mi emoziona sempre» dice Bocelli. «La serata sarà dedicata alla lirica, che per me è il paradiso della musica. Per cui per quella sera... sarò in paradiso!». Per condurre lo show salirà sul palco Milly Carlucci. Tra gli ospiti già confermati ci sono Michele Placido e Luisa Ranieri (che racconteranno storie e segreti sulle arie d’Opera del programma), Carla Fracci, il soprano russo Aida Garifullina (che ha cantato alla cerimonia di apertura dei Mondiali di calcio) e il ballerino Sergei Polunin.

L’evento sarà anche l’occasione per raccogliere fondi che saranno devoluti in beneficenza alla “Andrea Bocelli Foundation” e al “Muhammad Ali Parkinson Center”, con cui il cantante italiano collabora da anni. Ma non è l’unico grande evento che riguarda l’artista in questo mese: il 22 settembre compirà infatti 60 anni. Come li festeggerà? «Mah, si festeggiano i 20 anni, mica i 60» risponde. «Anzi, per essere certo di non finire al centro di qualche celebrazione nostalgica, mi sono assicurato di trovarmi ben lontano. Quel giorno sarò in Brasile per un concerto».

Il compleanno è però anche l’occasione per ricordare i momenti salienti della sua lunga e brillante carriera. «Il mio primo grande successo l’ho conosciuto con la vittoria al Festival di Sanremo (nel 1994 quando trionfò tra le Nuove proposte con Il mare calmo della sera, ndr). Prima non ero nessuno, il giorno dopo ero una star» dice Bocelli, che a ottobre uscirà con Sì, il suo primo disco di inediti dopo 14 anni: «Ho atteso così a lungo perché le note sono sette, le canzoni già scritte milioni. O trovi qualcosa di davvero interessante o non ne vale la pena. Quanto alla scelta del titolo, è di mio figlio Amos. Non è bellissimo? È la parola che vorresti sempre sentirti dire».