Home TvProgrammi«Le spose di Costantino» sbarcano su Rai2

20 Dicembre 2017 | 15:57

«Le spose di Costantino» sbarcano su Rai2

Elisabetta Canalis, Valeria Marini, Eleonora Giorgi e Paola Ferrari sono le spose di Costantino della Gherardesca nel nuovo docu-reality di Rai2 in onda dall’8 gennaio

 di Giulia Ciavarelli

«Le spose di Costantino» sbarcano su Rai2

Elisabetta Canalis, Valeria Marini, Eleonora Giorgi e Paola Ferrari sono le spose di Costantino della Gherardesca nel nuovo docu-reality di Rai2 in onda dall’8 gennaio

 - Credit: © Getty Images

20 Dicembre 2017 | 15:57 di Giulia Ciavarelli

Il "grande giorno" è arrivato anche per Costantino della Gherardesca, che sceglie quattro splendide donne dello spettacolo per il nuovo programma «Le spose di Costantino», quattro prime serate in onda da lunedì 8 gennaio su Rai2.

«Tutte le mie "mogli" sono donne alfa, gloriosamente prepotenti. Paola Ferrari è una giornalista e una delle persone più simpatiche d'Italia; Eleonora Giorgi è la più ipocondriaca di tutte; Valeria Marini è patrimonio della Repubblica Italiana ed Elisabetta Canalis è una ragazza estremamente coraggiosa»: a parlare è Costantino, che non risparmia nessun retroscena sulle nuove compagne di viaggio.

Dopo il successo di «Pechino Express», un nuovo format di Rai2 torna a far viaggiare il pubblico raccontando un mondo che non si vede in tv. Questa volta le mete scelte sono insolite, un viaggio sui generis: la Georgia, il Ghana, la Giamaica e l'Uganda. Gli sposini dovranno vivere come una coppia locale, immergendosi nella loro cultura e nella loro quotidianità poco confortevole. 

Cosa ci aspetta? Vedremo Costantino ed Eleonora Giorgi produrre e vendere il formaggio al mercato in Georgia, la giornalista Paola Ferrari affrontare le movimentate acque del Golfo di Guinea per garantire la cena ai nove bambini del villaggio; sarà divertente vedere come Elisabetta e Costantino si immergeranno nelle note della musica giamaicana o come la diva Valeria Marini riuscirà ad adattarsi in un paese così difficile come l'Uganda.