Home TvProgrammi«Madre mia»: Al Bano dedica alla mamma Jolanda il suo nuovo programma

«Madre mia»: Al Bano dedica alla mamma Jolanda il suo nuovo programma

«Due puntate in prima serata su Rete 4 di domenica, il giorno del Signore». Così il cantante descrive il racconto della storia del nostro Paese attraverso gli occhi di sua madre

Foto: Al Bano con la madre Jolanda Ottino tra le piante e i fiori delle Tenute Carrisi a Cellino San Marco, in provincia di Brindisi. Per lei il cantante ha scritto il brano «La siepe»  - Credit: © Carlos Folgoso/Massimo Sestini

08 Giugno 2018 | 16:31 di Giusy Cascio

«È bravo mio figlio, è tutto. Quando mi viene a trovare mi fa sempre una grande allegria». Donna Jolanda, 95 anni di simpatia, è emozionata per l’intervista. Si è messa un maglioncino rosso (il suo colore preferito), si mostra granitica, dignitosa e non dice neanche una parola di troppo. Spegne la tv della cucina che sta andando a tutto volume e rivolge uno sguardo tenero al suo «santuario»: nel corso del tempo ha appeso lei stessa alle pareti decine e decine di foto che raccontano la storia della famiglia Carrisi. Accanto a suo figlio si sente sicura e gli prende la mano.

E Al Bano scherza: «Ma’, ti ha fatto troppo scura il parrucchiere oggi» e rivela che l’unico vezzo che la madre si sia mai concessa è proprio tingersi i capelli. «Il mio successo non ha cambiato di una virgola il suo modo di vivere. Ora è arrivato il momento di dedicarle il mio omaggio: il programma “Madre mia”, che su Rete 4, da domenica 10 giugno, racconterà la nostra famiglia, ma anche il nostro Paese, attraverso i suoi occhi. Perché è lei, Jolanda Ottino in Carrisi, l’origine del mio mondo».

Il paradiso è alle porte di Brindisi

Il mondo di Al Bano è racchiuso tutto qui, nelle sue tenute di Cellino San Marco, 130 ettari di terreno e 30 di bosco rigoglioso e macchia mediterranea a 20 minuti di auto dall’aeroporto di Brindisi. Per arrivarci si attraversano filari di vigne, uliveti e un paesino di poche anime, Tuturano. Il tassista mi aveva avvertito: «È un posto meraviglioso e Al Bano è un signore dal cuore d’oro, gli siamo tutti riconoscenti per quello che fa per noi, per il lavoro che dà ai cellinesi». Una volta dentro le Tenute Carrisi incontro Dino, il contadino che dà da mangiare ai cavalli: uno dei 50 dipendenti dell’azienda. E a casa di Al Bano mi aspetta il pranzo preparato con cura da Donna Jolanda: carne alla brace, piselli in tegame, frutta freschissima. Gusto anche le prime nespole di stagione, un dono fatto avere da Romina Power perché Al Bano ne è ghiotto. E c’è anche il dessert: «I regali più belli di mio figlio sono le torte» sorride la signora Jolanda. «Quando c’è da festeggiare la torta non può mancare» aggiunge Al Bano, che è appena diventato nonno del piccolo Kai (il nome del bambino in hawaiano vuol dire «Oceano»), il figlio di Cristèl, che ora vive a Zagabria con il marito, un imprenditore croato. «Non vedo l’ora di conoscerlo, l’ho visto solo sul telefonino» dice la bisnonna, seguita dal suo barboncino bianco di nome Disco, che scodinzola felice.

Un regalo di nozze per Romina

A tavola con Al Bano e suo figlio Yari scopro che una volta questa era una zona brulla, popolata di lucertole, pipistrelli e pantegane. «Si chiamava “Curtipitrizzi”, che in dialetto vuol dire Corte di Pietre» raccontano. «Qui vicino c’era la base Nato di San Vito dei Normanni e i militari americani venivano ad abitare nella nostra foresteria mentre io e mia sorella Ylenia andavamo a scuola lì da loro. Noi pensavamo proprio di abitare in America. Solo da ragazzini, quando la base è stata smantellata, abbiamo capito che non eravamo cresciuti negli Stati Uniti, ma in Puglia» dice Yari. «Il bosco apparteneva a un conte, era parte della foresta Oritana, uno dei territori più antichi del Salento» ricorda Al Bano con orgoglio. «Romina si innamorò di questi luoghi, degli alberi, del laghetto. Mi fece il lavaggio del cervello per comprarlo. Fu il mio regalo di nozze per lei. Acquistai altri 40 ettari per costruire la casa, feci ristrutturare la vecchia masseria, tirai su i muri, scavai i pozzi». Intanto si unisce a noi Romina Jr, che in famiglia chiamano «Uga»: è lei che si occupa dei vini del padre. «Diceva “Uga, uga, uga” a pochi mesi. Poi ho scoperto che in ebraico significa “dolce” e il vezzeggiativo le è rimasto» spiega il cantante.

Alcuni piccoli lussi

E pensare che in questo paradiso, che include l’hotel «Felicità», la piscina, l’enoteca, un ristorante e addirittura una chiesetta e una cappella privata, il padre e la madre di Al Bano non ci volevano venire ad abitare. «Da ragazza facevo la sarta, poi mi sposai e “ci rimasi”» ricorda Donna Jolanda, che è fiera delle umili origini contadine. «Lei voleva rimanere a casa sua a Cellino, due stanze e un pozzo fuori, dal quale prendeva l’acqua per lavare i panni e i piatti» ricorda Al Bano. «Invece papà, Don Carmelo, era stato prigioniero durante la Seconda guerra Mondiale. Per lui era difficile accettare gli agi. Quando seppe che mamma era incinta, le chiese di chiamarmi Albano (Al Bano, scritto staccato, è il nome d’arte, ndr) perché aveva combattuto in Albania. “Gli porterà fortuna” disse. Lo davano tutti per morto, ma tornò a casa il 29 luglio 1945, proprio nel giorno di San Marco, protettore di Cellino. Ci ha lasciati nel 2005. Era lui il mio “Omero”: da piccolo mi raccontava le favole della sua vita, avventurosa come l’Odissea».

Le parole sono importanti

Il tempo scorre più lento in questo scorcio di Sud. Al Bano mi fa vedere ogni angolo del suo «regno», raccoglie la salvia e l’erba citrina, profumatissime. E per merenda mi offre una bevanda alla menta con ghiaccio, di cui va matto. Visita i pony nella stalla, dà da mangiare il pane secco ai pesci del laghetto e mi parla dei suoi figli più piccoli, Jasmine e Al Bano Jr, che frequentano il liceo linguistico a Lecce, ma la sera «tornano a dormire qui». Non vorrebbe parlare di Loredana Lecciso, ma alla fine si «arrende» alla mia curiosità: «Ai tempi felici, come si rivolgevano alla suocera Romina e Loredana?». Semplice: «Romina l’ha sempre chiamata Jolanda. Loredana, invece, signora Carrisi». Sarà che «Mamma», o meglio «Madre mia», può dirlo solo Al Bano. L’ultima parola spetta a Donna Jolanda, che facendo l’occhiolino commenta saggia: «Ci sono donne e ci sono donnole».

La loro vita è da prima serata

«Due puntate in prima serata su Rete 4 di domenica, il giorno del Signore». Così Al Bano descrive il programma «Madre mia», il racconto della storia del nostro Paese attraverso gli occhi di sua mamma Jolanda. A ripercorrere la carriera del cantante e le vicende della famiglia Carrisi ci saranno anche le testimonianze di amici come Lino Banfi e Mara Venier, e i ricordi di Romina Power, che dice: «Jolanda è stata una mamma per me. Mai avuto tate, badava lei ai bambini quando cantavamo in giro per il mondo».

Al Bano ci racconta i segreti della sua tenuta alle porte del Salento

- Credit: © Carlos Folgoso/Massimo Sestini