Home TvProgrammiNicola Savino e ’90 Special: «Viaggiate nel tempo con noi»

15 Gennaio 2018 | 12:00

Nicola Savino e ’90 Special: «Viaggiate nel tempo con noi»

Con Ivana Mrazova e Katia Follesa in un varietà che celebra un decennio... spettacolare. Ricordate dove eravate 25 anni fa, quali canzoni cantavate, come vi vestivate e portavate i capelli? In questo show rivivrete tutto!

 di Giusy Cascio

Foto: Nicola Savino con le compagne d’avventura Ivana Mrazova e Katia Follesa

A casa di Nicola Savino ci accoglie il cagnolino Luce, che scodinzola e fa le feste. «È un Cavalier King» dice il conduttore. «Si vede che è emozionato anche lui per l’inizio del programma. Sa, mi sveglio la mattina con la trasmissione in testa e poi, da questa cucina con vista sulla basilica milanese di Santa Maria delle Grazie prego che vada tutto bene». L’adrenalina è a mille perché il 17 gennaio in prima serata su Italia 1 parte il nuovo show di Savino «’90 special. Che ne sanno i 2000», dedicato a un decennio che ha influenzato i nostri gusti televisivi, musicali e cinematografici, la moda e certi stili di vita oggi di nuovo attuali.

Nicola Savino: «Sarà un programma nostalgico ma non irridente»

Effetto nostalgia?
«Sarà un programma nostalgico ma non irridente. Non ci saranno meteore, non ci sarà il famoso quando non era famoso. Sarà la celebrazione di un decennio in cui, televisivamente, la Rai è stata colta di sorpresa, spiazzata. Rivedremo molte immagini di repertorio, dal “Karaoke” a Bonolis che fa i fratelli Capone. Avremo persino il camper di “Stranamore” in studio».

Cosa ci aspetta nella prima puntata?
«Il primo ospite sarà Jovanotti che negli Anni 90 ha costruito le basi della sua carriera. Canterà “Asso”, la sigla del telefilm “Classe di ferro”, altro mito...».

Dove ha pescato chicche come questa?
«Flashback della memoria. Anche mia moglie Manuela mi ha suggerito un po’ di idee. Stiamo raccontando gli Anni 90 anche a nostra figlia Matilda. Guardi qua (prende un oggettino da uno svuotatasche, ndr): le ho comprato persino un “Tamagotchi”, uno dei primi giocattoli digitali. Ricorda quando dovevamo prenderci cura di questi animaletti virtuali?».

Altri ricordi?
«Le nastrine del Mulino Bianco scaldate nel microonde, i jeans a vita alta, i giubbotti bomber e Pamela Anderson (ride). E poi i telefilm: «Beverly Hills» o «Melrose Place»? Le boyband: Take That o Backstreet Boys? I film di Quentin Tarantino e gli albori di Internet: c’erano i modem e Windows 95, Google è nata nel 1998. L’Italia intanto stava cambiando pelle, passando dalla Prima alla Seconda Repubblica. I telefonini iniziavano a popolare la nostra vita. Io avevo un Motorola. Durante il programma inviteremo in diretta i telespettatori a inviarci foto dei loro oggetti mitici di quegli anni. Siamo gasatissimi: sa quanti ritrovamenti in cantina? Tu srotoli la carta di giornale in cui è avvolta una tazzina e scopri un mondo. A me è capitato di soffermarmi sui titoli di una pagina di “La notte”, un vecchio quotidiano pomeridiano milanese. Ma che giornale era!».

Cosa leggeva all’epoca?
«Due romanzi: “Jack Frusciante è uscito dal gruppo” di Enrico Brizzi e “Va’ dove ti porta il cuore” di Susanna Tamaro. Erano loro  i Fabio Volo degli Anni 90».

Come sarà il programma, in una parola?
«Pop. In tutte e cinque le puntate sarò affiancato da Katia Follesa e da Ivana Mrazova. In studio, Cristiano Malgioglio farà delle entrate in scena memorabili, quasi “en travesti”. Gli altri espertoni saranno Max Novaresi, che  racconterà aneddoti e spiegherà ai giovani il significato di alcune parole tipicamente Anni 90, Michele Cucuzza e Ruggero de I Timidi: a lui il compito di portare giochi e souvenir del periodo. Poi ci saranno i cosiddetti “Pezzi da novanta”: ospiti speciali, a partire da Daniele Bossari. E tanta musica: Luca Carboni duetterà con Tommaso Paradiso dei Thegiornalisti, mentre nella seconda puntata arriverà Max Pezzali. In “quota tormentoni” avremo gli Eiffel 65, che con il loro brano “Blue (Da Ba Dee)” conquistarono le classifiche».

Canterà anche lei?
«Farò una “rap battle” con J-Ax, che è un po’ come fare pugilato con Mike Tyson» (ride).

Che cosa direbbe lei adesso al Nicola Savino degli Anni 90, quello che lavorava soprattutto in radio e faceva l’autore di «Le iene» e del Festivalbar?
«Mi farebbe tenerezza, così giovane, al primo matrimonio finito... Diciamo che, se mi incontrassi oggi, mi abbraccerei».

quante piccole rivoluzioni

Gli Anni 90 ci hanno cambiato la vita molto più di quanto immaginiamo: l’elettronica rivoluzionò il nostro modo di divertirci (la Playstation entrò in milioni di case, il «Tamagotchi» fu il cucciolo tascabile da accudire per tanti bambini) e di comunicare (si diffusero i primi cellulari e nel 1993 fu inviato il primo sms). In tv le storie della gente comune ebbero sempre più spazio: «Stranamore» fu un antesignano dei nostri reality show.

Canzoni pop anni 90: la playlist per i nostalgici - Le canzoni italiane cult degli Anni 90 - Le canzoni rock italiane anni 90 che ci hanno fatto sognare - Le canzoni rock straniere anni 90 più famose - Le telenovela più famose degli Anni 90 - Dance anni 90: le canzoni dell'estate - Le pubblicità degli anni 90 che ci ricordiamo ancora - La migliore musica degli anni 90: 10 boyband storiche - Le canzoni estive italiane più belle degli anni 90 - Non solo Oasis e Blur, ecco le band britpop anni 90

IVANA MRAZOVA: «Ero bambina, ma ricordo...»

«Sono nata nel 1992, ero piccola, interessata solo ai “lizatko” (i lecca-lecca, in lingua ceca, ndr). Forse mi hanno scelto come valletta perché non so nulla di quel periodo, tranne che il mio Paese si era diviso in due: Repubblica Ceca e Slovacchia». La modella Ivana Mrazova è il personaggio rivelazione dell’ultimo «GF Vip» grazie anche a un’abitudine bizzarra: beveva il collutorio. «Lo porterò anche nel programma di Savino» assicura. «È il mio portafortuna». Ivana, che della moda degli Anni 90 ricorda solo i buffi capelli di sua mamma Marketa, indosserà i look dell’epoca con i consigli di stile di Cristiano Malgioglio. E promette: «Vi faremo tanto ridere!».

KATiA FOLLESA: «ero matta: andai a bussare a dicaprio»

«Nicola ha fatto carte false per avermi perché sono l’unica modella di un metro e 50 di altezza» scherza Katia Follesa. «Con lui e Ivana siamo un trio compatto, come le sorelle di “Occhi di gatto”, il mitico cartone animato degli Anni 90». La comica, che ha già lavorato con Savino a «Quanto manca» e «Quelli che il calcio» è molto amica del conduttore. «Siamo simili in tutto, tranne che nel tifo: lui è interista, io milanista» dice. A «’90 Special» lo affiancherà nelle interviste. «E porterò i miei ricordi» spiega. «Come quella volta in cui andai fino a Hollywood per bussare alla porta di casa del mio idolo Leonardo DiCaprio».

gli esperti tra miti e ritorni

Tra gli «esperti» vedremo Max Novaresi, Ruggero de I timidi, Cristiano Malgioglio (avrà un ruolo di spicco nei temi di stile) e Michele Cucuzza, che torna alla tv nazionale dopo quasi cinque anni.