Per Michelle Hunziker non ci sono Mission Impossible

Protagonista su Canale 5 di un grande show in due serate con tanta musica e ospiti

10 Febbraio 2022 alle 08:36

Due prime serate tutte per Michelle Hunziker. Superstar al centro della scena per ballare, cantare, giocare e raccontarsi a tutto tondo a quasi 25 anni dall’estate del 1997 in cui colse il primo grande successo televisivo alla guida di "Paperissima Sprint". L’appuntamento è per mercoledì 16 e 23 febbraio su Canale 5 e il nome dello show è "Michelle Impossible". Titolo che suona così simile a "Mission: Impossible", la saga di film di spionaggio con Tom Cruise, che è naturale chiedersi che cosa ci sia di “impossibile” per un concentrato di energia ed entusiasmo come Michelle… «“Impossibile”, magari, poteva sembrare la missione di fare un programma così in un periodo ancora tanto incerto. Ma io sono abbastanza matta da pensare di portare a casa anche cose che sembrano impossibili».

Come la vedremo nello show?
«Autentica. Non sarà un’autocelebrazione, ma semmai una “festa in casa” con tanti amici importanti per la mia vita che non verranno tanto per dire quanto sono bella, quanto sono brava, ma mi “dissacreranno”… E verranno fuori tante storie ancora non conosciute».

Ci faccia il nome di qualcuno tra questi amici…
«Ci saranno Katia Follesa e Michela Giraud, per cui sicuramente si riderà molto. E poi Gerry Scotti, Ilary Blasi, Serena Autieri, il Mago Forest, la Gialappa’s Band…».

E Aurora Ramazzotti?
«Certo! E in una forma che non potete aspettarvi. Sono sua madre, è vero, ma le riconosco un talento pazzesco, una presenza scenica incredibile. E poi, soprattutto, non ha paura di niente».

Dunque sarà anche una trasmissione di “bilancio”… Ma come successe che la ragazzina Michelle, arrivata a Milano per fare la modella, venne scoperta dalla televisione?
«Fare la modella non mi entusiasmava, ma serviva a pagare l’affitto in un momento in cui volevo capire cosa mi riservava la vita. Quando la mia agenzia iniziò a occuparsi anche di televisione, capii che era quello che mi attraeva».

Ci fu anche una fortunata campagna per un noto marchio di intimo…
«E infatti sono scivolata dentro alla tv anche per “colpa” di quelle foto: si era suscitato così tanto interesse attorno a quelle natiche che mi invitavano nelle trasmissioni!».

Si è mai vista come “bellissima”?
«Zero! Per me la sensualità è sempre stata una cosa pudica e privata».

Come idolo dei bambini, invece…
«Sì! Pensi che io avrei fatto dieci figli. Davvero, eh! Per me i bambini sono la linfa vitale!».

Seguici