Home TvProgrammiSi torna a viaggiare con “Bellissima Italia” su Rai2

Si torna a viaggiare con “Bellissima Italia” su Rai2

Da sabato 6 giugno, un nuovo itinerario alla scoperta del nostro Paese. A farci da guida sarà Fabrizio Rocca con Maria Teresa Giarratano e Karina Marino

Foto: Maria Teresa Giarratano, Fabrizio Rocca e Karina Marino

05 Giugno 2020 | 12:57 di Enrico Casarini

La voglia di tornare a viaggiare è tantissima e Raidue ci suggerisce, da sabato 6 giugno, un nuovo itinerario alla scoperta del nostro Paese. S’intitola "Bellissima Italia" e a farci da guida sarà Fabrizio Rocca con Maria Teresa Giarratano e Karina Marino.

Fabrizio, dove ci porterete?
«Viaggeremo insieme per dieci puntate. Le prime tre saranno dedicate a Roma e quel che vedremo ha stupito anche me che ci abito da 40 anni, perché abbiamo fatto le riprese in una città quasi vuota. Visiteremo tanto i grandi monumenti d’epoca romana, a partire dal Colosseo, quanto i luoghi del nostro Risorgimento. Dopo andremo alle Ville di Tivoli, in Salento, a Ischia, nelle Marche, a Siena, in Calabria…».

Qual è la caratteristica peculiare di Bellissima Italia?
«Vogliamo raccontare il nostro Paese in modo semplice. Io non faccio mai il “saputello”: da giornalista, a me piace ascoltare chi conosce i luoghi perché ci vive e quindi cerco di portare nelle case degli spettatori i racconti di queste persone facendo sì che siano facili da apprezzare da chi ci segue dal divano».

Il suo luogo “bellissimo” d’Italia qual è?
«Sicuramente Capri. L’ho scoperta a 14 anni. Mio padre mi dava poche lire per farmi restare pochi giorni, ma io non mangiavo e non dormivo in albergo per poterci stare di più. Ricordo i bagni ai Faraglioni e i primi innamoramenti in quell’isola così piccola che una ragazza non potevi non rivederla».

La sua ultima scoperta da esperto viaggiatore, invece?
«Sono due, in effetti. Un paio d’anni fa sono rimasto a bocca aperta alle rievocazioni medievali di Castell’Arquato, nel Piacentino. L’anno scorso, stesso stupore alle Infiorate di Spello, nel Perugino».