“Techetechete’”, ecco cosa (ri)vedremo questa estate

Torna il programma di Rai1 e nella prima puntata ci sarà un filmato inedito di Monica Vitti

Monica Vitti a "Canzonissima"
15 Giugno 2022 alle 08:34

Quand’è che un programma diventa un classico? Compiere 10 anni può bastare? È quello che farà questa estate “Techetechete’”: la prima puntata andò in onda il 2 luglio 2012. «Per festeggiare, abbiamo creato una nuova sigla e una nuova veste grafica» racconta Maria Cristina Vassalle, produttrice del programma. «Alla base, invece, c’è sempre la stessa risorsa: l’inesauribile archivio delle “teche” Rai». E se qualcuno ha paura che a un certo punto il materiale di repertorio si esaurisca, non tema: «Ci sono ancora abbastanza filmati per fare non uno, ma tanti programmi. E per diverse stagioni...».

La prima puntata sarà dedicata a Monica Vitti, scomparsa il 2 febbraio di quest’anno. E contiene una “chicca”, come racconta l’autore che l’ha realizzata, Massimiliano Canè: «La parte più preziosa è un filmato del 1974 che nessuno ha mai visto in onda. Faceva parte di un progetto che poi non venne completato, uno speciale dedicato all’attrice e realizzato da Antonello Falqui. È un balletto in stile “Belle Époque”. Per realizzarlo ci vollero 20 giorni di riprese: il che conferma le leggende sul perfezionismo di Falqui e anche sull’insicurezza di Monica». Da altri brani, infatti, emerge questo tratto della grande attrice: «C’è un’intervista in cui racconta come cominciò a recitare contro la volontà dei genitori, in particolare della madre. E ricorda come tutta la sua carriera era in fondo il tentativo di mostrare a loro, e a sé stessa, che poteva fare qualcosa di importante». Vedremo la Vitti anche negli estratti da film (come “Dramma della gelosia” con Marcello Mastroianni e Giancarlo Giannini) e da show come “Canzonissima”, “Serata d’onore”, “Harem”...

A proposito di “Harem”: un’altra serata sarà dedicata a Catherine Spaak, che rivedremo nei panni di attrice (in “Febbre da cavallo”) e risentiremo in quelli di cantante (“L’esercito del surf”). «In questa edizione alcune puntate saranno dedicate a commemorare artisti che ci hanno lasciato, come Raffaella Carrà» spiega Vassalle. «Ma ci occuperemo anche di altre ricorrenze, come i compleanni: per esempio il 18 giugno Marcella Bella compie 70 anni e noi la festeggeremo con una puntata tutta incentrata su di lei e sulla sua carriera».

Altro punto fermo del programma sono le puntate a tema, dove filmati di varie epoche vengono affiancati seguendo il filo conduttore di un’idea. E qui l’unico limite è la fantasia degli autori. «In “Parenti d’arte” vedremo esibirsi Mina e il fratello Geronimo, Little Tony con la figlia Cristiana, Johnny Dorelli col figlio Gianluca Guidi» spiega Canè. «E ancora Giorgia col papà Giulio Todrani, Gino Paoli con Amanda Sandrelli, Enzo e Paolo Jannacci, Giuliana e Teresa De Sio... fino al clan dei Celentano con Adriano, Claudia Mori, Rosita e Rosalinda». Altro filone molto amato, quello degli “artisti allo specchio”, dove vengono messi a confronto personaggi che sono spesso considerati rivali, oppure “gemelli d’arte”: Mina e Milva, Loretta Goggi e Raffaella Carrà, Patty Pravo e Anna Oxa, Gianni Morandi e Massimo Ranieri. E poi l’immancabile puntata sulle annunciatrici storiche della Rai: Nicoletta Orsomando, Maria Giovanna Elmi, Mariolina Cannuli, Paola Perissi... «Guai a saltarla, ogni anno gli spettatori la pretendono a furor di popolo».

A proposito di richieste: non è raro che una puntata nasca proprio su richiesta dell’interessato. «Per esempio una volta ci ha chiamato il fratello di Dalida dicendo: “Ma perché in Italia avvicinano sempre mia sorella ad atmosfere malinconiche e la accostano solo a Luigi Tenco e alla sua triste fine? Lei ha fatto anche cose solari, allegre... non potete dedicarle una puntata?”. E cosi abbiamo fatto. Un altro che ce l’ha chiesta è Cristiano Malgioglio. Ci sembra giusto, se la merita e ci stiamo lavorando!». L’importante è centrare il mix: «Ci sono personaggi con cui si va sul sicuro: Mina, Battisti, Lucio Dalla...» dice la produttrice Vassalle. «Il pubblico li adora e gli ascolti saranno sempre buoni. Però è anche giusto osare un po’ di più con puntate dedicate ad artisti magari meno popolari, ma sempre interessanti». O anche «fare un mix di epoche e stili diversi: una nostra regola non scritta è che ogni puntata deve mostrare sempre sia filmati in bianco e nero che a colori». Trattandosi di materiale d’archivio può sembrare facile, ma creare “Techetechete’” è un lavoro complicato: «Abbiamo dieci autori per preparare circa 80 puntate a stagione. E ogni puntata richiede due settimane di lavorazione: una per la ricerca nelle “teche” e l’altra per il montaggio».

Il risultato però è gratificante e raggiunge un pubblico che va dai 15 ai 90 anni: «Ci sono i nostalgici... e poi ci sono molti giovani che hanno scoperto i volti e la musica degli Anni 60 e 80 con i nostri filmati. E ci scrivono per ringraziarci».

Gli argomenti di tutte le puntate di giugno di “Techetechete’”

Da Monica Vitti a Ugo Tognazzi, l’estate di “Techetechete’” parte così:

  • 15/6: Monica Vitti
  • 16/6: Brividi d’amore
  • 17/6: Antonello Venditti e Francesco De Gregori
  • 18/6: Marcella Bella e suo fratello Gianni
  • 19/6: Senza tempo
  • 20/6: Corrado
  • 21/6: Mare e vacanze
  • 22/6: Lucio Dalla
  • 23/6: L’estate 1984
  • 24/6: Renzo Arbore
  • 25/6: Gruppi musicali
  • 26/6: Nino Manfredi
  • 27/6: Comiche in rosa
  • 28/6: Pino Daniele
  • 29/6: Divi cinquantenni
  • 30/6: Ugo Tognazzi
Seguici