Home TvProgrammiTessa Gelisio torna con «Cotto e mangiato – Menu»

Tessa Gelisio torna con «Cotto e mangiato – Menu»

Resistente proprio come una cucina di qualità, «Cotto e mangiato» ha appena tagliato il traguardo dei 10 anni di vita. E su Italia 1 da lunedì 12 torna anche la sua rubrica prima del tg con tante “golose” novità

Foto: Tessa Gelisio

08 Novembre 2018 | 15:30 di Simona De Gregorio

Resistente proprio come una cucina di qualità, «Cotto e mangiato» ha appena tagliato il traguardo dei 10 anni di vita. E su Italia 1 da lunedì 12 torna anche la sua rubrica prima del tg «Cotto e mangiato - Menu» con tante “golose” novità. Come ci spiega la conduttrice Tessa Gelisio.

Tessa, ci racconti.
«Abbiamo voluto festeggiare questo compleanno allungando la durata della rubrica. Inoltre nella puntata di ogni venerdì ospiteremo uno chef stellato che ci racconterà la sua storia, le sue esperienze professionali e poi verrà a casa mia per preparare una ricetta facilmente ripetibile dai telespettatori».

Chi sarà il primo?
«Claudio Sadler (una stella Michelin). Cucinerà un carpaccio di tonno con pesto di ortaggi, un piatto molto appetitoso e scenografico da proporre quando si hanno ospiti».

Altre novità?
«Daremo sempre più spazio ai giovani allievi delle scuole di cucina, che presenteranno piatti alla portata di tutti. Mentre lo chef Umberto De Martino curerà la parte dedicata al brunch con due ricette che poi gusteremo insieme».

Quali sono i suoi gusti a tavola?
«Prediligo i piatti semplici, in cui gli ingredienti principali non vengono coperti da condimenti, salse e intingoli. E vado forte con le vellutate».

E tra i piatti regionali ha preferenze?
«Adoro la cucina toscana, in particolare la pappa al pomodoro e la panzanella. Ma anche quella sarda: il pane frattau, i dolci e la bottarga».

Dove trae spunto per le sue ricette?
«Studio e mi informo molto. E poi mi piace sperimentare. All’inizio anche io non credevo che si potessero trovare tante idee. Invece la cucina è un mondo tutto da scoprire. Potrei andare avanti con Cotto e mangiato per altri dieci anni!».