Torna Francesca Fialdini con “Da noi… A ruota libera”

La domenica su Rai1 (alle 17.20, dal 17 settembre) con la quinta edizione

16 Settembre 2023 alle 08:42

Squadra che vince, com’è noto, non si cambia. Un programma però sì, almeno un po’, ed è quello che ha deciso di fare Francesca Fialdini con "Da noi… A ruota libera" che torna la domenica su Rai1 (alle 17.20, dal 17 settembre) con la quinta edizione e un’interessante novità: accanto ai racconti di volti noti dello spettacolo, del cinema e della musica, ci saranno quelli di persone comuni che hanno saputo far girare la loro ruota nel verso giusto: «Ascolteremo le storie di chi, nonostante le avversità, è riuscito con coraggio a superare gli ostacoli, migliorando la propria vita e quella degli altri» anticipa la conduttrice.

A lei è capitato?
«Quando ho iniziato a fare questo mestiere, anche se allora non mi rendevo conto di quanto fosse alto l’ostacolo. Per studiare mi sono trasferita da sola a Roma dove non conoscevo nessuno. Poi, dopo la laurea, ci sono stati i tanti curricula mandati che tornavano indietro e i primi progetti a cui lavorare gratuitamente solo per poter imparare… Direi che quello è stato un bel giro di ruota».

Lo racconterebbe, da ospite, in un programma come "Da noi… A ruota libera"?
«Mi piacerebbe! Magari con la formula del “late show” usata nel programma, che mi permetterebbe di giocare un po’ e superare la timidezza, parlerei anche di altre cose».

Per esempio?
«Toccare argomenti che possano rompere le uova nel paniere. Fare la guastafeste ogni tanto può essere divertente».

A proposito di guastafeste, sui social il suo nuovo taglio di capelli ha raccolto qualche critica…
«Nella scorsa primavera dovevo fare per Rai3 il programma "Le ragazze" e ho colto la palla al balzo per tagliarli come quando avevo 20 anni. Li trovo bellissimi; mi faceva piacere sentirmi libera e non mi sono posta il problema se potessero piacere o no».

Da ottobre lei condurrà anche la nuova edizione di "Fame d’amore" su Rai3.
«Saranno sei puntate in cui racconteremo storie di ragazzi in cerca di sé stessi che non hanno solo fame dell’amore dei genitori ma anche di quello degli altri. Hanno bisogno di relazioni vere».

Seguici