Torna “Mattino Cinque” con Federica Panicucci e Francesco Vecchi

Danno il buongiorno agli italiani e animano le loro mattinate con un programma di informazione e intrattenimento che è diventato tra quelli di punta del daytime di Canale 5

Federica Panicucci e Francesco Vecchi
19 Settembre 2021 alle 09:55

Danno il buongiorno agli italiani e animano le loro mattinate con un programma di informazione e intrattenimento che è diventato tra quelli di punta del daytime di Canale 5. Federica Panicucci e Francesco Vecchi dal 20 settembre tornano al timone della nuova edizione di “Mattino Cinque”, in onda dal lunedì al venerdì dalle 8.45 alle 10.45. Un appuntamento quotidiano in cui i due conduttori affrontano temi d’attualità con ospiti sempre nuovi in ogni puntata.

Il successo della scorsa stagione vi ha dato la giusta carica per ripartire…
Federica: «Lavoriamo tutti i giorni per restituire al pubblico l’affetto e le attenzioni che ci riserva. Da 13 anni considero questa trasmissione un regalo, perché mi dà la possibilità di dare la sveglia agli italiani per raccontare loro ciò che viviamo nella quotidianità».
Francesco: «Fino a giugno il nostro è stato il programma più visto del mattino e quindi la ripartenza per noi è all’insegna dell’entusiasmo più contagioso. Gli spettatori sono gli amici con cui dialoghiamo ogni giorno».

Voi due, dopo tanti anni, avete imparato bene a gestire i vostri spazi…
Federica: «La politica è appannaggio di Francesco, ma entrambi diamo respiro alle notizie esplorando a 360 gradi i fatti più importanti che riguardano la cronaca, l’attualità, il sociale».
Francesco: «Non ci sono notizie studiate a tavolino ed è questa la forza del programma. È un “contenitore” che si riempie sia di realtà sia di reazioni del pubblico: dobbiamo cercare di essere sempre interessanti».

Descriveteci com’è scandita la vostra “giornata tipo” a partire dall’alba.
Federica: «Sveglia alle 5.30. Poi doccia, colazione, lettura dei giornali che impegna un’ora di tempo. Dopodiché corro a Mediaset dove mi aspettano in camerino la mia truccatrice Barbara e il mio parrucchiere David. Mentre mi preparo, comunico con gli autori e i giornalisti attraverso una chat che è sempre attiva. Poi si va in studio per la diretta, alla fine della quale ci salutiamo e ci diamo appuntamento per la riunione di redazione che adesso facciamo via Internet».
Francesco: «Sveglia alle 5.45. Un caffè e subito in macchina, con addosso una specie di tuta-pigiama, per raggiungere gli studi dove ho la possibilità di fare la doccia e di prepararmi per la diretta. In camerino leggo i giornali e approfondisco gli argomenti della puntata».

Durante le pause riuscite a mangiare qualcosa?
Federica: «Normalmente in studio non mangio mai perché utilizzo le pause per rivedere i contenuti, la scaletta e per parlare con gli ospiti. A metà mattina prendo un caffè e della frutta secca. Poi nella riunione di redazione di fine programma mangio uno snack in attesa, infine, di pranzare».
Francesco: «Digiuno assoluto. Bevo solo sorsi d’acqua che hanno il sapore di un tic nervoso. Stempero la tensione parlando con la mia autrice Nicole e con la regia durante la pubblicità».

Avete un rito scaramantico prima di iniziare il programma?
Federica: «No (sorride). Nel mondo dello spettacolo si sono diffuse delle convinzioni sui colori, in particolare che il viola porti male. Sinceramente io non credo a tutto questo, anche perché non ho tempo per inseguire le scaramanzie».
Francesco: «Quando mi accorgo che un’abitudine sta prendendo il sopravvento e sta diventando un rito, la spezzo immediatamente».

C’è un episodio o un incontro che portate nel cuore legato alla trasmissione?
Federica: «La mattina presto esco dalla mia casa ed entro in quella di “Mattino Cinque”. Qui trascorro gran parte della giornata: le persone con cui lavoro ormai fanno parte della mia vita».
Francesco: «A questo programma devo letteralmente la mia famiglia (sorride) perché è qui che ho conosciuto mia moglie (la giornalista Tina La Loggia, ndr). “Mattino Cinque” è un programma che mi ha riempito di gratificazioni grazie al pubblico che ci segue. E poi non dimentico le persone con cui lavoro: sono diventate come dei familiari».

Qual è aspetto più bello nel gestire un programma con tante ore di diretta com’è “Mattino Cinque”? E quali sono, al contrario, le difficoltà?
Federica: «Non parlerei di difficoltà, ma di impegno. È complicato talvolta tenere sotto controllo le emozioni personali davanti a vicende che molte volte sono dolorose. Il bello della diretta è che a “Mattino Cinque” si naviga a vista sempre e quindi ogni notizia è un arricchimento per noi, ma anche per il pubblico a casa».
Francesco: «La difficoltà coincide anche con il bello. Noi andiamo in onda non sapendo quali sono stati gli argomenti del giorno prima che sono piaciuti al pubblico. Il bello della diretta è che ogni tanto mi sono ritrovato a dare la linea a ospiti che stavano annaffiando le piante (sorride)».

Seguici