Home TvReality e talent«Amici 17» terzo Serale: nessun eliminato, vince Irama

«Amici 17» terzo Serale: nessun eliminato, vince Irama

Diego Armando Maradona, Belén Rodríguez, Rita Pavone, Loredana Bertè, Francesco Gabbani e Bebe Vio ospiti del talent del sabato sera di Canale 5

Foto: Maradona ad "Amici"  - Credit: © Mediaset

22 Aprile 2018 | 02:26 di Lorenzo Di Palma

Non c’è stato nessun eliminato nel terzo Serale di Amici 17, sabato 21 aprile, il primo vinto (ma conta poco) dalla squadra dei Bianchi e infine dal cantante Irama, che si è imposto a colpi di cover e di suoi interessanti inediti.

Una puntata segnata da tanti ospiti, dal ricordo - un lungo e commosso applauso con tutti i ballerini sul palco - del ballerino e coreografo che a lungo ha lavorato al talent, Marco Garofalo, morto pochi giorni fa, e dalle polemiche sull’auto-tune, un software che permette di correggere l’intonazione della voce, utilizzato in tutta la puntata da Biondo, cantante della squadra Blu.

La carrellata degli ospiti è stata aperta subito da Diego Armando Maradona che ha partecipato a tutta la puntata con giudizi non sempre chiari, ma incoraggiando tutti, distribuendo autografi - anche sul palco a Loredana Berté - e ballando con Belén Rodríguez, arrivata a sorpresa proprio per lui: “Io sono argentina, per me lui è come il Papa”, ha spiegato Belén.

Loredana Berté si è anche esibita con i ragazzi in gara, riproponendo suoi grandi successi come Non sono una signora o E la luna bussò, così come ha fatto con il Ballo del mattone e Cuore, un’altra grande signora della musica italiana, Rita Pavone, classe 1945, che ha chiuso la puntata con una vera lezione di energia.

Sempre all’interno della gara, inoltre si sono esibiti come “voci narranti” che introducevano le esibizioni anche i giudici della “commissione esterna”, Giulia Michelini e Marco Bocci, ed è stato ospite per la prima volta ad Amici, un emozionato Francesco Gabbani. Mentre non era stata preannunciata la presenza di Bebe Vio, venuta a presentare - “perché è proprio quando una cosa è impossibile che bisogna iniziare ad allenarsi per farla…” - un’esibizione di una Crew di ballerini amputati e di Paddy Jones, la ballerina inglese 83enne, famosa anche in Italia per aver partecipato a Sanremo con Lo Stato Sociale.

Passando invece ai concorrenti, la ballerina Valentina è stata “graziata” due volte: prima dal medico che in diretta le ha consentito di rimanere in gara nonostante l’infortunio della scorsa puntata e, quindi, dal direttore artistico Luca Tommassini che l’ha “salvata” nel finale dal giudizio conclusivo. Che ha comunque promosso tutti gli allievi, nonostante le polemiche solite. Per esempio, di Zic nei confronti di Carlo Di Francesco, che poi l’ha fatto ricredere chiedendo per lui un’esibizione extra nel finale. E della Celentano con un po’ tutti, soprattutto con Heather Parisi.

Infine l’uso dell’auto-tune in un talent che comunque dovrebbero essere una gara, non è piaciuto né a Ermal Meta (“doping”), né a Heather Parisi, che ha contestato Biondo (citando anche la polemica e le minacce ricevute dai fan del ragazzo sui social), con una frase di Christina Aguilera - “Auto tune is for pussies” - suscitando la reazione di Zerbi, Simona Ventura e dello stesso ragazzo, che ha reagito molto male alla critica.