Home TvReality e talent«Ballando con le stelle»: Cesare Bocci e Dani, un valzer d’amore

«Ballando con le stelle»: Cesare Bocci e Dani, un valzer d’amore

«È stata una sorpresa perfettamente riuscita» racconta il fresco vincitore del talent condotto da Milly Carlucci. «Davvero non avrei mai immaginato che su quella pista avrei ballato con Dani. È stato emozionante»

Foto: Cesare Bocci e la compagna Daniela durante l'ultima puntata di «Ballando con le stelle»

29 Maggio 2018 | 09:52 di Stefania Zizzari

«È stata una sorpresa perfettamente riuscita» racconta Cesare Bocci, fresco vincitore di «Ballando con le stelle». «Davvero non avrei mai immaginato che su quella pista avrei ballato con Dani. È stato emozionante». Dani è Daniela, la compagna dell’attore da 25 anni, e la sorpresa a cui si riferisce è quella che lei gli ha fatto durante l’ultima puntata di «Ballando», facendosi trovare davanti a lui in pista, pronta per un valzer insieme.

Il punto è che durante tutta l’edizione gli autori avevano chiesto a Cesare di coinvolgere anche la compagna in questa sua avventura televisiva, raccontando la loro storia (a una settimana dalla nascita della loro figlia Mia, nel 2000, Daniela ha avuto un ictus ed è rimasta in coma per quasi un mese). «Io però non volevo coinvolgerla perché non mi sembrava opportuno» spiega Bocci. «Non vogliamo nascondere niente: sulla nostra vicenda ci abbiamo scritto pure un libro, ma quel contesto non era quello giusto».

Quindi, nell’organizzare una sorpresa per Cesare come per gli altri concorrenti, gli autori hanno telefonato a Daniela chiedendole se la figlia o la sorella di Cesare o un’amica di famiglia potesse andare in studio a ballare con lui. «Daniela a quel punto ha pensato: sono la sua compagna da 25 anni, lo faccio io! E si è lanciata, riuscendo a tenermi nascoste le sue prove perché in quei giorni ero in Sicilia sul set di “Montalbano”. La chiamavo, lei era evasiva: “Stasera torno tardi perché ho un incontro con i sommelier!” (Daniela ha una scuola di cucina, ndr). Quando l’ho vista davanti a me in studio ho pensato: “Ma come?”. Poi ho colto la luce di felicità nel suo sguardo e ho capito che voleva fare un regalo a me e a noi due. E la lacrimuccia mi è scesa... Ero felice e commosso perché noi due abbiamo sempre condiviso tutto. Sono fiero di lei: è una combattente». E a casa quel valzer che lei aveva provato l’avete ballato? «Non ancora. Lo balleremo intorno all’enorme coppa che troneggia in salone... anche perché non so dove metterla!».