Home TvReality e talentCostantino e il suo primo quiz “Tanto Vale”

Costantino e il suo primo quiz “Tanto Vale”

Il simpatico Costa racconta il debutto nel game show su Deejay Tv

Foto: Costantino della Gherardesca

04 Dicembre 2015 | 14:49 di Barbara Mosconi

Col suo fare candido e senza schemi Costantino della Gherardesca confessa: «È tanto tempo che volevo farlo». Di cosa si tratta è presto detto: dal 6 dicembre, la domenica sera su Deejay Tv (Canale 9), condurrà un nuovissimo quiz intitolato «Tanto vale».

Che tipo di quiz sarà?
«È un programma che rispecchia le scelte che si compiono tutti i giorni. In questo caso ai concorrenti verrà chiesto di scegliere fra due oggetti, dovendo capire qual è il più prezioso. E scelta dopo scelta ne rimarrà solo uno».

E come fanno a decidere?
«Spieghiamo loro la storia di ogni oggetto, forniamo i dettagli. A volte l'esperto indossa i guanti bianchi per maneggiare il cimelio e il concorrente può credere che per questo il valore sia maggiore. Dietro al gioco, che può sembrare leggero, c'è un gran lavoro di psicanalisi».

Dieci oggetti da collezione in ogni puntata. Lei ne conosce il valore?
«Io chiedo di non sapere nulla sugli oggetti perché rischio, anche solo con un'espressione, di aiutare troppo i concorrenti. Però, mentre loro sono inevitabilmente emozionati, io riesco a fare una valutazione più oggettiva».

Che doti servono al conduttore di quiz?
«Una grandissima empatia con i concorrenti. Bisogna sapersi immedesimare nelle loro ansie e paure. A ?Pechino Express? quando li vedo alle prese con delle prove difficili mi viene naturale mettermi nei loro panni».

Di solito lei è di poche parole. In un game show quante ne servono?
«Pochissime, bisogna fare un passo indietro e lasciare che i concorrenti riflettano. Mi diverte molto seguire i loro ragionamenti».

La sua proverbiale ironia sarà messa a freno o alleggerirà la tensione?
«L'ironia serve per raccontare la storia degli oggetti o l'emozione degli sfidanti. Ma sono sempre io a condurre, non è che mi sono improvvisamente trasformato!».

Ogni tanto, però, le sfugge un: «Colpo di scena!».
«Perché è proprio un colpo di scena! Ma mi piace anche fare ironia sulla buona vecchia televisione».

Li guarda i quiz in tv?
«Mi divertono. Guardo ?L'eredità? e ?Chi vuol essere milionario??, un programma geniale che raccoglie un pubblico molto variegato».

A chi si ispira tra i conduttori di game show?
«Del passato mi piace molto Corrado. Era distaccato, impassibile. Se devo trovare un modello italiano, senza sembrare arrogante, è a lui che guardo».

Fabio Fazio sta preparando il nuovo «Rischiatutto». Avrebbe voluto farlo lei?
«Tempo fa sono andato da un produttore e gli ho detto che volevo rifare ?Rischiatutto? e lui mi ha risposto: ?Lo sta per fare Fazio!?. Io lo guarderò al 100%, Fabio è un genio della televisione».

Facciamo una prova: «Quanto vale» Costantino della Gherardesca»?
«Non abbastanza, non ho ancora fatto le pubblicità come Pif o Federica Pellegrini. Il mio sogno è uno spot sul cibo. In Italia si pensa ancora che quelli che pubblicizzano i generi alimentari debbano essere belli e muscolosi, e io vivo nella discriminazione più totale!».

Vale di più sperimentare un programma nuovo o puntare su un successo assicurato?
«Per ora sperimentare, e spero di farlo per altri cinque o sei anni. Non ho paura di cimentarmi con programmi che possano andare male».

Nel frattempo sta pensando alla prossima edizione di «Pechino Express»?
«Sì, credo che la farò ancora io. Ma ?Pechino? ormai è rodato, sappiamo cosa vuole il pubblico e come farlo».