Home TvReality e talent“Il Collegio 5”, sesta puntata: tutto quello che è successo

“Il Collegio 5”, sesta puntata: tutto quello che è successo

Ecco l'uno dicembre la nuova tappa del docu-reality di Raidue. Due eliminazioni shock!

02 Dicembre 2020 | 00:17 di Alessandro Alicandri

Continuiamo il nostro viaggio nel tempo. Siamo nel 1992, eccoci tornati ne "Il Collegio" di Raidue! Accompagnati dalla voce di Giancarlo Magalli, ecco tutto quello che c'è da sapere sulla sesta puntata dell'uno dicembre due espulsioni del tutto inaspettate.

Tutte le novità de “Il Collegio”: ora siamo nel 1992

Ecco chi sono i nuovi alunni de "Il collegio”

In sintesi

- La puntata è caratterizzata dall'autogestione.

- Rahul Teoli si rivolge in modo rabbioso verso il professor Maggi e dopo essere uscito dalla classe per pura provocazione, rischia l'espulsione. Poi, con una lettera di scuse si salva. Il professor Maggi vuole dargli un'altra possibilità.

- Anche Alessandro Andreini e Yleania Grambone hanno un comportamento molto scontroso e volgare nei confronti del professor Maggi. I due non mostrano alcun pentimento e vengono immediatamente espulsi dal Collegio.

- Il nuovo rappresentante di classe che sostituirà Alessandro è Giordano Francati.


La cronaca della sesta puntata

La sestata puntata parte già con il piede sbagliato: tutti i ragazzi salgono sul letto per schiacciare Luca Zigliana sdraiato. Per il troppo peso l'hanno incrinato. Il sorvegliante si accorge immediatamente del rumore fatto e vengono individuati subito i responsabili. Durante l'incontro con il preside di inizio settimana i tre principali responsabili (Bonard Dago, Alessandro Guida e Leonardo Prezioso) non ricevono la paghetta e viene chiesto loro di fare una composizione poetica di scuse.

La settimana comincia con l'autogestione: tra i tanti temi trattati si parlerà anche di lotta alla mafia, poi si fa cineforum e si mangia la grigliata cucinata dal bidello. In più ci sarà una lezione di ballo. Il professor Maggi fa una lezione sulla satira e viene chiesto di usare satira verso chiunque del Collegio senza punizioni per il lunguaggio utilizzato. Tutti hanno letto i loro testi ma Rahul ha scritto un testo di insulti senza alcuna comicità. Arrabbiato senza motivo con Maggi, Rahul provoca il professore e esce della classe senza autorizzazione. Per questo viene decisa la sua espulsione. Il professor Carnevale chiede poi un'opera d'arte sul tema della mafia. Ognuno si esprime creativamente con un messaggio. Poi vengono letti e cantati dei testi. La professoressa Petolicchio si complimenta con i ragazzi.

Il giorno solo viene fatta un'assemblea di classe che non finisce affatto bene. La classe, invece di prendere decisioni per migliorare la vita nel collegio, si spezza e alcuni di loro vanno in presidenza. Uno di loro, Vavalà, ruba un pennarello. Pochi rimangono in classe, perché quasi tutti decidono di giocare fuori con il pallone. I rappresentanti di classe vanno dal preside per raccontare i (pochi) contenuti dell'assemblea ma il preside li avvisa che qualcuno è entrato nella sua stanza quando non c'era ed è stato sottratto un pennarello. Saranno i rappresentanti di classe a punire i cinque responsabili.

Nel pomeriggio gli studenti vengono invitati all'interno di un ossario all'interno del collegio. La punizione decisa dai rappresentati sono le pulizie dei bagni ma chi non pulisce segue una lezione di paleontologia della Petolicchio. Ylenia Grambone e Teresa Cristini vengono interrogate sulla lezione per il loro comportamento indisciplinato: si sono allontanate annoiate dalla lezione.

Durante la puntata inizia una lotta serrata di Andreini contro Di Piero per non fargli ottenere il primo posto. La sua ossessione è che ci siano dele preferenze verso Andreini.

Carnevale torna per una lezione di arte chiede ai ragazzi di fare in logo che li rappresenti. Dopo una lezione di ballo, comincia il cineforum. Viene mostrata "La corazzata Potëmkin", film muto che non è piaciuto ai ragazzi. Dopo la fine del film si comincia un dibattito sul film .

Giordano nella notte racconta di non aver mai baciato davvero una ragazza e ammette di aver vissuto troppo tempo in solitudine. Anche Alessandro Guida ammette di non essere interessato in questo momento ai rapporti con le ragazze, preferendo la musicae gli amici.

Il giorno dopo durante la lezione della Petolicchio sul tema del piano cartesiano, la Bertollo è distratta: scrive per i fatti suoi durante la lezione. La Petolicchio le ritira il foglio e lei scoppia in un pianto. La ragazza dice che il suo è un modo per sfogarsi, che le manca casa e non vuole che quelle parole vengano lette pubblicamente. La Petolicchio, colpita da quel pianto, le restituisce il foglio.

Nel frattempo vengono convocati i genitori della Cristini, di Scarano e di Frascati per parlare del loro comportamento a scuola.

Il prof. Maggi insegna ai ragazzi come funzionano le elezioni. Si parla del partito dell'amore rappresentato da Moana Pozzi, poi ai ragazzi viene chiesto di creare un personale partito politico con slogan e logo. Andreini durante la presentazione del lavoro viene sbattuto fuori dalla classe: ha dato al professore del pervertito e del razzista. Grambone viene sbattuta fuori subito dopo per aver appoggiato il comportamento di Andreini.

Convocati dal preside vengono rimproverati dai loro comportamenti e vengono entrambi espulsi senza se e senza ma.

Il giorno dopo viene votato il nuovo rappresentante di classe, che sarà Giordano Francati. È finita la sesta settimana. La migliore della settimana è la signorina Sofia Cerio (per la quarta volta), il migliore studente è invece Giordano Francati. I peggiori sono Linda Bertollo e Rahul Teoli. Nel frattempo comincia una protesta ai danni del preside, che vedremo nella prossima puntata.