Home TvReality e talentMartìn Castrogiovanni: «Il mio talento è quello di sparare stupidaggini»

Martìn Castrogiovanni: «Il mio talento è quello di sparare stupidaggini»

L’ex giocatore della Nazionale di rugby è irresistibile con le sue battute (e il suo accento) a «Tú sí que vales»

Foto: Martín Castrogiovanni è nato a Paraná (Argentina) il 21 ottobre 1981. È alto 188 centimetri e pesa 122 chili. Ha due passaporti (argentino e italiano), tre cani e quattro tatuaggi. Ha disputato 119 partite con la Nazionale italiana di rugby ed è stato Campione d’Italia, di Francia e d’Inghilterra (per ben quattro volte)

05 Ottobre 2018 | 16:37 di Barbara Mosconi

Dai campi di rugby agli studi televisivi il passo è lungo. Ma per uno che sfiora il metro e novanta di altezza per 120 chili di peso, l’impresa non è impossibile. Il soggetto in questione è Martín Castrogiovanni, soprannominato «Castro», ex-campionissimo di rugby (ruolo di pilone) e da un paio di anni conduttore di «Tú sí que vales» accanto a Belen Rodriguez e Alessio Sakara.

Martín, come va con la televisione?
«Penso abbastanza bene. Io ho sempre fatto quello che mi rende felice. Il rugby mi ha fatto felice per tanto tempo. Finita quella tappa lì, ora c’è la tv: mi piace e mi diverto. Come tutte le cose della vita bisogna esserci al momento giusto».

A «Tú sí que vales» torna per il secondo anno di seguito. Vuol dire che si diverte parecchio.
«Penso che non ci sia programma più divertente di questo, senza nulla togliere agli altri. Ma qui vedi cose incredibili, bellissime, emozionanti, gente che fa dei record. E poi in giuria ci sono Maria, Rudy, Teo e Gerry che ci regalano momenti bellissimi. Di più non possiamo chiedere. A fine giornata noi conduttori abbiamo i crampi alla mascella dal ridere».

Quest’anno cosa ci aspetta?
«Non posso dire niente! Ma la cosa che mi fa emozionare è che tanti di questi concorrenti il talento l’hanno scoperto per caso e hanno cambiato completamente vita. In una società in cui tutti andiamo dietro alle mode, a ciò che fanno gli altri, c’è gente che esce dallo schema, o ci prova, rischiando».

Il suo talento sui campi da rugby lo conosciamo. E in tv qual è?
«Sparare stupidaggini. In tv sono “scemo” come nella vita normale».

L’accento argentino è ancora il maggior problema?
«Ce ne sono tanti di problemi nella mia testa! Però, sì, credo che l’accento ti può aiutare o ti può limitare. Perderei la mia spontaneità senza questo accento, ma sto provando a migliorare».

Sta studiando?
«Leggo un’ora al giorno per arricchire il mio vocabolario».

Ha sempre detto di voler fare il conduttore di un programma tutto suo. Ancora convinto?
«Tempo al tempo. Ho imparato che nella vita bisogna prima di tutto avere rispetto, umiltà, non essere arroganti, saper stare al proprio posto. Ora non sono pronto, ho fatto televisione solo per due anni. Bisogna tenere i piedi per terra. Ho fatto così anche nello sport».

Nei suoi sogni che programma le piacerebbe condurre?
«Sicuramente qualcosa che faccia ridere, mi piace l’umorismo. Sono un po’ “matto” e come i matti non mi creo troppi pensieri».

Cosa fa quando non è in tv?
«Diciamo che sono un po’ di anni che mi sono preso del tempo per stare coi miei cari, viaggiare e godermi la vita».

Il suo attuale motto qual è?
«Non tenerti dentro quello che pensi, perché magari domani può essere troppo tardi per dirlo. Non sai cosa può succedere. Ci lamentiamo e abbiamo tutto, mentre i veri problemi della vita sono altri. Se hai la salute hai tutto!».

Cosa pensa di...

Maria De Filippi
«Maria è uno dei “mostri sacri” della televisione. Sa fare tv in maniera incredibile. Ma soprattutto è una persona molto carismatica e quando esprime un’opinione è davvero difficile che si sbagli. In più, è sempre molto precisa. Insomma, si vede che ne sa di psicologia!».

Rudy Zerbi
«Viene preso di mira da tutti, con molti scherzi, ma Rudy sta sempre al gioco. Però quando parla di musica, o di un cantante, tutti si fermano ad ascoltarlo. Ha questa grande passione per la musica. Anzi, quando qualche concorrente suona o canta, io guardo subito la faccia di Rudy per capire cosa ne pensa».

Teo Mammucari
«Può piacere o non piacere, ma a me il sarcasmo di Teo fa impazzire. Se qualcosa non gli va lo dice subito. Lui è molto veloce, afferra tutto al volo e ha sempre la battuta pronta. E poi sui numeri di magia e di comicità è attentissimo, non gli sfugge niente».

Gerry Scotti
«Gerry è un monumento, ha un perfetto senso dei tempi televisivi, e sa come catturare il pubblico. In uno studio televisivo si nota subito la padronanza che ha del palcoscenico. Come stazza io e lui siamo simili... Infatti abbiamo sempre caldo!».

Iva Zanicchi
«Con lei ci sarà tanto, ma tanto da ridere, ci saranno anche delle barzellette... Ha una grande personalità!».

Belen
«Essere entrambi argentini ci ha avvicinati molto. A volte viene criticata, anche duramente, ma sono solo pregiudizi. Belen è diversa da come può apparire. Io che la conosco posso dire che è una grande donna, molto sensibile e molto intelligente».

Alessio Sakara
«Con Alessio ci conosciamo da una vita, siamo amici da 15 anni. Tra noi c’è una grande stima e lui è uno degli sportivi che rispetto di più. Alessio è una persona che ha inseguito i propri sogni, si è posto degli obiettivi e li ha realizzati con tanto lavoro e grande umiltà».