Home TvReality e talentMasterChef Italia 5: l’ottava puntata

MasterChef Italia 5: l’ottava puntata

Eliminato Giovanni il “filosofo” e all’inizio della prossima puntata uscirà uno tra Mattia e Lorenzo. Ospite lo chef stellato Gianfranco Vissani. Prova esterna a Valencia in una gara di “paella”

Foto: MasterChef Italia: i giudici pronti a giudicare i piatti dei concorrenti  - Credit: © Sky

04 Febbraio 2016 | 23:45 di Lorenzo Di Palma

Sono rimasti in nove e all'inizio delle prossima puntata saranno in otto i concorrenti ancora in gioco nella quinta edizione di MasterChef Italia. Nell'ottava puntata di giovedì 4 febbraio 2016, infatti è stato eliminato alla fine dell'Invention Test solo il ?filosofo? della trasmissione, Giovanni Gaetani, il 26enne di Gaeta (Latina) dottorando, appunto, in Filosofia che è caduto miseramente grazie all'uso sbagliato di un solo ingrediente, il basilico lasciato crudo, che lo ha reso il peggiore a un Invention Test che ha ospitato lo chef Gianfranco Vissani e che ha visto la vittoria di Dario.

Rimangono però a rischio immediato di eliminazione anche Lorenzo e Mattia, i peggiori al Pressure Test finale, lasciati per ora ?in sospeso? e con il grembiule nero in attesa delle decisione finale su chi tra i due amici veneti (o anche entrambi) lascerà la cucina di MasterChef, rimandata all'inizio della prossima puntata.   

L'ottava puntata è stata un susseguirsi di difficoltà crescenti per i cuochi in gara, d'altronde adesso la gara si sta avviando alle fasi finali e si fa sempre più dura. È l'ora in cui ?Bisogna tirare fuori i piatti?, come da ammonizione iniziale del giudice Bruno Barbieri

A partire dalla Mystery Box iniziale - in cui proprio lo chef Barbieri, presentato da Bastianich come ?il prestigiatore della cucina italiana?, si è messo in gioco alla pari con i concorrenti - che conteneva dieci barattoli con ciascuno un ingrediente diverso. "Al buio" si potevano scegliere quanti barattoli si volevano, ma poi il piatto doveva contenere tutti gli ingredienti scelti.

Barbieri in scioltezza e in poco meno di mezzora, ha cucinato un gran piatto utilizzando ingredienti apparentemente inconciliabili (la scelta comprendeva: palle di toro e anguille, rapanelli e crescenza, amaranto e prugne, cipollotto, melanzane, patate e liquirizia), ma non tutti sono stati in grado di fare altrettanto. In evidenza finisce quindi ancora una volta Alida, che serve coraggiosamente il suo piatto in uno dei barattoli della Mystery e si aggiudica la prova.    

Il maestro e chef stellato Gianfranco Vissani è stato poi ?quinto giudice? e protagonista della prova seguente, l'Invention Test, che consisteva proprio nel cucinare un piatto utilizzando gli ingredienti di una delle sue ?creazioni?, ovvero la ?capasanta alla canna bruciata, con passion fruit scottato al coriandolo, muschio brasato e zucca".

Il migliore alla fine è Dario, mentre i tre piatti peggiori sono quelli di Mattia, Giovanni e Lucia. Tutti e tre hanno commesso degli errori gravi, ma l'errore peggiore, dice Cracco ?è quello di riuscire a rovinare con un ingrediente tutti gli altri? e per questo Giovanni deve togliersi il grembiule e lasciare la cucina di MasterChef. ?Ci hai fatto pensare? lo accomiata Bastianich e come sempre non si capisce se dice sul serio o se lo prende in giro per l'ultima volta.

Per la prova esterna, gli aspiranti chef sono invece volati a Valencia per affrontarsi divisi come sempre in brigate nella preparazione di una paella valenciana e di una paella ?creativa?. A giudicarli: i 25 rappresentanti dei rioni della città capitanati da Toni Montoliu, vero esperto di paella, la cui fama ha reso la sua ?barraca?, una tappa obbligata per gli amanti dell'autentica piatto valenciano. Dario può scegliersi la squadra, ma perde lo stesso la sfida. Alla fine però potendo scegliere di salvare qualcuno, si sfila dal durissimo Pressure Test finale.    

Una prova che ha richiesto grande ritmo e con tanta pressione. Ovvero un vero ?Room Service? nella cucina di un Grand Hotel: ?un incubo? per ?tutti i cuochi del mondo?, come ha ricordato Joe Bastianich, che infatti ha messo a dura prova Mattia, Lorenzo, Alida e Rubina. Il primo Pressure al fuori degli studi di MasterChef, con i giudici ospiti della suite presidenziale e i quattro cuochi amatoriali in cucina a soddisfare le loro richieste.  

Alla fine di un servizio estenuante, i giudici del programma, Bruno Barbieri, Joe Bastianich, Antonino Cannavacciulo e Carlo Cracco, ?salvano? le due ragazze, mentre lasciano in sospeso per un altro po' Mattia e Lorenzo, i due peggiori: la loro sorte sarà annunciata all'inizio della prossima puntata.  

Da oggi, 4 febbraio, sono aperti i casting per la prossima stagione: per poter partecipare basta avere compiuto 18 anni, essere pronti ad affrontare i temibili giudici e iscriversi su masterchef.sky.it/casting