Home TvReality e talentMonte Bianco con Caterina Balivo e sette coppie di scalatori

Monte Bianco con Caterina Balivo e sette coppie di scalatori

Arisa, Enzo Salvi, Filippo Facci e gli altri protagonisti raccontano il nuovo reality di Raidue

Foto: Caterina Balivo con Simone Moro

05 Novembre 2015 | 14:28 di Barbara Mosconi

Qualche tempo fa Caterina Balivo diceva in uno spot: «Vuoi salire sul Monte Bianco con me?». Ora che ci è salita, o meglio, che «Monte Bianco» è pronto per andare in onda (parte lunedì 9 novembre su Raidue), la conduttrice svela cosa si nascondeva dietro al suo invito: un programma dove sette impavide coppie di concorrenti si cimentano, tra ghiacciai e arrampicate, sulla vetta più famosa d’Europa.

Lo hanno definito un «celebrity adventure show». Che sta per...
«Per un programma avventuroso dove i protagonisti sono personaggi famosi che assieme alla loro guida alpina formano delle “cordate”. I più bravi arriveranno in vetta al Monte Bianco».

Che differenza c’è con i reality più «estremi»?
«Questo non è un gioco di forza: va avanti chi riesce a far meglio le prove usando il corpo e anche la testa. Ma soprattutto è un’esperienza, un approccio diverso alla vita».

Cosa accomuna concorrenti così diversi?
«La voglia di avere un contatto autentico con la natura, di capire che la montagna è uno stile di vita».

Che genere di stile di vita?
«Siamo talmente abituati ai ritmi frenetici, nelle città, nei paesi, ma anche al mare, che quando vivi in montagna sei tu che ti devi adattare a lei. Ai suoi ritmi, al tempo, alle stagioni».

Per cinque settimane i sette sfidanti hanno dovuto affrontare molte prove. Che cos’è cambiato in loro durante questa avventura?
«Hanno dovuto fidarsi. Quando stai scalando una montagna dipendi dalla tua guida, stare in cordata vuol dire vivere in simbiosi con qualcuno che non conosci».

E lei intanto cosa faceva?
«Non ho voluto essere una conduttrice passiva: sono andata sui posti delle prove con lo zaino in spalla. Ho camminato ore e ore, mi sono arrampicata e ho avuto l’onore di stare in cordata con l’altro conduttore, Simone Moro».

La sua frase «Sono pronta con le scarpe da trekking» ha suscitato delle polemiche: non sono calzature inadatte per scalare il Monte Bianco?
«L’80% del programma è fatto con le scarpe da trekking, ma poi nelle ultime puntate, in alta quota, siamo andati con ramponi e scarpe da ghiacciaio. Non ha senso criticare prima di aver visto! Ne riparleremo dopo il 9 novembre...».

Le interviste ai 7 scalatori vip