Home TvReality e talentPatrizia de Blanck, la contessa del popolo? Una star fatta in Casa

Patrizia de Blanck, la contessa del popolo? Una star fatta in Casa

Fra gli inquilini del "Grande Fratello Vip" è lei la protagonista dei momenti più divertenti del reality

Foto: Patrizia de Blanck

29 Ottobre 2020 | 9:45 di Giusy Cascio

Ironica, genuina, spiazzante. Se c’è una che in questa edizione del “Grande Fratello Vip” ci fa divertire è lei: Patrizia de Blanck. “La contessa del popolo” piace tanto in tv quanto sui social per i “meme” (i fotogrammi dello show diventati virali) che genera. Un esempio è la sua risata, che per i fan del web somiglia a quella di Ursula, la strega della fiaba “La sirenetta”, e che andrebbe tutelata come patrimonio dell’umanità Ma su Twitter c’è anche chi ne ha chiesto l’eliminazione per i modi spicci con i concorrenti, Tommaso Zorzi su tutti.

• "Grande Fratello Vip 5": i concorrenti, le nomination, gli eliminati e le puntate

Sangue blu, capelli arancioni
Alla soglia degli 80 anni (li compie il 9 novembre) Patrizia de Blanck è l’ospite vip più anziano che sia mai entrato come inquilino nella Casa, dove ha la sua stanza e il suo bagno privato. Nasconde in valigia un orologio e non muove un muscolo, ma guarda i suoi “boys” (Francesco Oppini, Enock Barwuah, Pierpaolo Pretelli e gli altri “palestrati”) mentre fanno ginnastica. Non le importa di essere âgée, tra acciacchi e capelli color carota in disordine. «Una donna non va giudicata per l’età, ma per il suo cervello» dice. «E siccome io ho il cervello ipertrofico, me ne f****!». Ops, alla contessa si perdona anche il linguaggio inelegante. Sui suoi nobili natali c’è chi nutre qualche dubbio. Come il giornalista Giangavino Sulas, che a “Live - Non è la d’Urso” ha sostenuto che lei sarebbe la nipote di Mussolini e il suo vero padre il gerarca fascista Asvero Gravelli, figlio segreto del Duce. La contessa sarebbe poi cresciuta con sua madre, Lloyd Dario, ultima discendente della famiglia veneziana un tempo proprietaria del palazzo Ca’ Dario sul Canal Grande, e il padre adottivo Guillermo de Blanck y Menocal, ambasciatore di Cuba e… conte. Ma non per tutti. Per l’esperto di araldica Pier Felice degli Uberti infatti «nell’elenco ufficiale della nobiltà italiana edito nel 1921, non risulta nessun de Blanck». Obiezione respinta al mittente: la famiglia della contessa era di origini spagnole, non italiane.

Da valletta a “vippona”
Patrizia de Blanck ha un lungo curriculum televisivo. L’esordio è come valletta a “Il Musichiere” di Mario Riva, all’inizio degli Anni 60, all’epoca del primo matrimonio con il baronetto Anthony Leigh Milne. Ma le nozze con l’aristocratico inglese naufragano in pochi mesi perché, come ha rivelato la contessa nel libro autobiografico “A letto col diavolo” (Armando Curcio Editore), sir Anthony la tradì con il suo migliore amico. È durato 28 anni, invece, l’amore col secondo marito Giuseppe Drommi, console di Panama, da cui è nata la contessina Giada, protagonista della prima edizione de “L’isola dei famosi”. Famosa la madre, famosa la figlia e, cavalcando l’onda dei reality, Patrizia torna alla ribalta in tv prima a “Chiambretti c’è” (2002-2003), poi nella “Domenica in” di Paolo Bonolis (2003-2004) e infine come concorrente a “L’isola dei famosi”, nella sesta edizione. La popolarità aumenta finché la contessa approda al grande schermo nel cinepanettone “Vacanze di Natale a Cortina” (2011). Da lì in poi è ospite, oltre che dei salotti romani, anche di quelli televisivi, al punto che Alfonso Signorini la ingaggia tra i “vipponi”. Segni particolari? Devozione per Padre Pio, passione per i cani a cui dà nomi strani come Tantra e Alien, e un terrazzo rigoglioso di piante di… marijuana! «I semi venivano dalla Colombia, io mica lo sapevo, me l’ha detto il giardiniere».

Amori, nemici e tanti guai
Al “GF Vip” Patrizia de Blanck si è distinta per le doti da poetessa. Tra i suoi versi: «Io sono lastricata di ricordi ma non mi fermo a riguardar le pietre di cui composi il fondo della vita». E suscitano interesse i suoi amori da romanzo: Farouk Chourbagi, vittima di un delitto che fece scalpore negli anni della Dolce vita, Yves Montand, Raul Gardini, Alberto Sordi e Franco Califano... L’ultimo compagno di cui si ha notizia è Andrea Scala, ortopedico di chiara fama che le è stato vicino in anni difficili in cui la contessa ha affrontato la scomparsa del fratello Dario, pittore e scultore, e una severa pancreatite. «Ho amato uomini famosi, e per chi è abituato a mangiare l’aragosta il pesce azzurro risulta insipido» ha commentato lei, che non si schermisce quando la chiamano “la tigre del materasso”. Ammette di aver avuto flirt «anche con un elettrauto e un idraulico». Ma non con il latin lover Antonio Zequila, presunto ex amante invitato in trasmissione e mandato da lei a quel paese... Sì, perché la contessa non perdona. Se non le piaci, è finita. Tra le antiche ruggini, spicca un’antipatia per Tina Cipollari che risale ai tempi della loro partecipazione al reality “Il ristorante”. Ma la vera guerra all’ultimo sangue (blu?) è con Daniela del Secco, la marchesa d’Aragona. L’anno scorso è stata Patrizia, ospite del “GF Vip”, ad accusarla di essersi appropriata del titolo con l’inganno. Quest’anno la marchesa ha ricambiato la visita e c’è mancato poco che le due venissero alle mani. «A Roma vieni chiamata la ciavattara che non si lava» le ha detto la marchesa. Ma la contessa minaccia azioni legali: «La denuncio, ’sta befana…». Noblesse oblige.