Home TvReality e talentPechino Express: la prima puntata

Pechino Express: la prima puntata

Partite dall’Ecuador le otto coppie attraverseranno tre paesi sudamericani per arrivare a Rio. Vincono la prima puntata i due “Antipodi”

Foto: Costantino Della Gherardesca mostra la zaino del misterioso ospite della prossima puntata  - Credit: © Facebook

08 Settembre 2015 | 00:45 di Lorenzo Di Palma

È finita senza nessuna eliminazione la prima puntata della quarta edizione di Pechino Express, andata in onda ieri sera, lunedì 7 settembre 2015, su Rai 2.

Il cambiamento di continente, dalla Cina al Sud America, non ha mutato la dinamica del programma, vissuto tutto di corsa dalle otto coppie concorrenti e con più flemma dal conduttore Costantino della Gherardesca, tra le strade di Quito, vulcani in eruzione, paesaggi (e ponti) mozzafiato su fiumi e cascate.

Partiti da Quito, in Ecuador, i sedici protagonisti con un solo euro al giorno e chiedendo ospitalità per la notte e passaggi durante il giorno hanno dovuto coprire i 230 chilometri della prima tappa.

La coppia vincitrice è risultata quella degli "Antipodi", trainata dal personal trainer Roberto Bertolini, molto più determinato del blogger Andrea Pinna, che si è aggiudicata 5.000 euro devoluti all’associazione Terres des Hommes che sta aiutando i terremotati del Nepal.

Ultimi e salvati dall’eliminazione solo dal fatto che la puntata non ne prevedeva, sono stati invece i "Compagni", Giovanni Scialpi e Roberto Blasi, che avevano anche perso la gara “intermedia” e sono stati quindi “costretti” a viaggiare con la predicatrice Hermana Maria, una figura che sembra sia molto diffusa in Ecuador che è subito divenuta la beniamina di Twitter (insieme a Scialpi che ha fatto cadere e praticamente distrutto la statua di Gesù Bambino che bisognava trascinare in cima a una montagna), dove il programma è seguitissimo e commentatissimo.

La coppia salvata dalla busta nera dovrà però viaggiare nella prossima tappa con un passeggero misterioso di cui per ora si conosce solo il nome: Giancarlo (Magalli?).

Tra faticose salite, aggravate anche dall’altezza e quindi dalla scarsità di ossigeno, lacrime di commozione (soprattutto dei figli di Ornella Muti, Naike Rivelli e Andrea Fachinetti commossi dall’ospitalità delle persone incontrate), prove facili e meno (guadagnare 5 dollari lustrando scarpe, risolvere una semplice operazione, cosa che le “Professoresse” a dispetto del nome hanno fatto con difficoltà, o bere la Chicha de Yuca, fatta con la saliva delle donne indigene) si è messa in evidenza anche la coppia degli Espatriati, i due più famosi della trasmissione seppure non Italia, ovvero Pasquale Caprino (Son Pascal) e Christian Bachini (Kang), che vincendo la prima frazione hanno usufruito di una “gita” fuori-programma nella foresta amazzonica. I due hanno ringraziato con una canzone scritta da loro, sulla musica di Alvaro Soler, che raccontava in maniera ironica la loro prima tappa.

Ma la rivelazione del programma potrebbero anche essere le “Persiane”, già soprannominate le “Kardashian”, per la presunta somiglianza con le sorelle famose per essere famose, ovvero l’iraniana Fariba Tehrani e sua figlia Giulia Salemi, che non sembrano però raccogliere molti consensi tra gli altri concorrenti.