Home TvReality e talent«Tale e Quale Show 2018»: seconda puntata. Le esibizioni e la classifica

«Tale e Quale Show 2018»: seconda puntata. Le esibizioni e la classifica

Roberta Bonanno vince all’unanimità con Aretha Franklin. Ultimi Antonella Elia e Raimondo Todaro alle prese con Cristiano Malgioglio e Michael Bublé. Quarto giudice Mara Venier

Foto: Tale e Quale Show - l'Aretha Franklin di Roberta Bonanno  - Credit: © Rai

22 Settembre 2018 | 00:44 di Lorenzo Di Palma

Ha messo tutti d’accordo il ricordo della mitica Aretha Franklin di Roberta Bonanno che, cantando (You make me feel like) A natural woman, ha vinto a man basse la seconda puntata di Tale e Quale Show, venerdì 21 settembre in prima serata su Rai1, ottenendo il punteggio record di 89 punti e il consenso unanime della giuria composta da Loretta Goggi, Giorgio Panariello, Vincenzo Salemme e, per una sera, da Mara Venier.

Seconda con 61 punti, Alessandra Drusian, la metà dei Jalisse, con una convincente imitazione di Anna Oxa al suo esordio sanremese firmato da Ivano Fossati e Guido Guglielminetti, ovvero Un’emozione da poco. Medaglia di bronzo (e 57 punti) per Mario Ermito “tale e quale” a Tommaso Paradiso dei The Giornalisti, seguito da Giovanni Vernia (55 punti) che ha interpretato Ragazza magica di Jovanotti, stonando proprio come lui. Quinto posto (47 punti) per la Iena Andrea Agresti che ha reinterpretato Ramaya di Afric Simone, mentre sesto si è qualificato Antonio Mezzancella con Se telefonando nella versione di Nek, anche se Salemme ha rimpianto il suo Ermal Meta della scorsa puntata.

Chiudono la classifica: Matilde Brandi (44 punti) che ha interpretato Sylvie Vartan; Vladimir Luxuria che non ha bissato il successo della scorsa settimana con Slave to the rhythm di Grace Jones (41); Massimo Di Cataldo che per tutta la settimana è stato Franco Califano (38); Guendalina Tavassi con Let’s get loud di Jennifer Lopez (36). Ultimi a pari merito con 25 punti, Antonella Elia, poco convincente come Cristiano Malgioglio, e Raimondo Todaro alle prese con la “missione impossibile” di imitare Michael Bublé.