“Tale e Quale Show 2022”: seconda puntata. Le esibizioni e la classifica

Antonino stravince anche la seconda puntata cantando come Tom Walker. Secondo il Gianni Morandi di Andrea Dianetti, terzo Claudio Lauretta come Pino Daniele

Antonino - Tom Walker  Credit: © Rai
8 Ottobre 2022 alle 01:39

Due su due. Antonino Spadaccino, il cantante ex “Amici”, ha vinto anche nel secondo appuntamento con “Tale e Quale Show”, il varietà-talent in prima serata venerdì 7 ottobre su Rai1. E ha vinto di nuovo per distacco, convincendo tutti e quattro i giudici, interpretando il cantante irlandese Tom Walker nella sua “Leave a light on”, riproducendo alla perfezione non solo il suo difficile modo di cantare, ma anche movenze e atteggiamenti. Per lui una “vera” standing ovation, come è scappato di dire a Carlo Conti, e anche la promessa di scrivergli una canzone per il prossimo Sanremo - dove sembra non riesca più a entrare dal 2005 - da parte di Cristiano Malgioglio, vestito stasera da “Ape Maia” (definizione di Panariello). Ad Amadeus saranno fischiate le orecchie.   

Dietro l’interprete foggiano si è piazzato con 58 punti Andrea Dianetti, il preferito dai social, nelle vesti di un Gianni Morandi all’ultimo Sanremo con “Apri tutte le porte”, più somigliante nella voce che nel trucco, come hanno sottolineato Loretta Goggi e Malgioglio che lo ha chiamato “Dragula”.   

Seguono in una manciata di punti quattro concorrenti. A partire dall’imitatore Claudio Lauretta, terzo a 52 punti, che ha ricordato il grande Pino Daniele e la sua “Quanno chiove”, impossibile da replicare in realtà. E da Elena Ballerini, quarta a un punto di distanza, che pure ha tentato l’impresa, scalando le vette vocali di Antonella Ruggiero nel successo dei Matia Bazar “Ti Sento”.  

Quinto, con 50 punti, è poi arrivato Gilles Rocca, che è po’ la rivelazione dell’edizione, a cui toccava rifare il pure non semplice Tiziano Ferro di “Imbranato”. Mentre sesta, con 48, si è piazzata Alessandra Mussolini, che ha provato con molta buona volontà ma esiti incerti, a rifare Loredana Bertè di “Figlia di…”.  

Settima e ottava, con 45 e 42 punti, si sono classificate Samira Lui, che ha dimostrato di saper cantare e non solo di essere bellissima immedesimandosi in Rihanna con “Diamonds” e che forse meritava di più, e Rosalinda Cannavò, intonata ma molto lontana, invece, dalla Elodie di “Bagno a Mezzanotte” che doveva imitare.  

Non cambia nemmeno il terzetto di coda, con Valentina Persia, nona a 39 punti, per la sua parodia di Giusy Ferreri, e Valeria Marini, che con il sorriso ha massacrato “Dove è l’amore” di Cher, inducendo Malgioglio a minacciare l’abbandono della trasmissione.  

Ultimi, infine, il ripetente Francesco Paolantoni e il suo coach Gabriele Cirilli, improbabili ma come sempre molto divertenti, nelle coloratissime vesti di RuPaul ed Elton John, con Paolantoni che ha fatto ridere persino il suo socio, con un improbabile inglese-napoletano e una caduta, senza conseguenze per fortuna, dai tacchi altissimi di RuPaul.

Al tavolo della giuria si è seduta anche Barbara Foria che ha imitato Serena Bortone, mentre sul finale Carlo Conti ha voluto ricordare Pierangelo Bertoli, morto proprio il 7 ottobre del 2002, riproponendone le imitazioni di Giò Di Tonno e Max Giusti.  

Seguici