Home TvReality e talentX Factor 2018: cos’è successo nella seconda puntata delle Audizioni

X Factor 2018: cos’è successo nella seconda puntata delle Audizioni

Tutti i talenti, molti giovanissimi, che hanno convinto i giudici nella seconda serata delle prime selezioni della 12esima stagione della show. Ospite Lodo Guenzi de Lo Stato Sociale

Foto: Lodo Guenzi ospite della giuria di XF12  - Credit: © Sky

14 Settembre 2018 | 00:15 di Lorenzo Di Palma

«Un "Sì" sbagliato è peggio di un "No" giusto». È questa la perla elargita dal giudice Mara Maionchi all’ennesima concorrente in lacrime nella seconda puntata di audizioni di «X Factor 12», che ha visto più "No" dei giudici, rispetto alla prima, le consuete divergenze di opinioni tra Manuel Agnelli e Fedez e Asia Argento, molto a suo agio nel ruolo di giudice, spesso commossa.

È Renza Castelli, toscana 29enne, la prima a ottenere i quattro sì, con «Un’elegante e raffinata» - dice Asia Argento - versione di «Wait in Vain» di Bob Marley. Scelta coraggiosa, come quella di Camilla Musso di Asti, 16 anni, che ha interpretato un brano del grande Lucio Dalla, «La sera dei miracoli», commuovendo tutto il palazzetto, compresi i giudici. Naturalmente 4 i sì anche per lei, così come per Marco Anastasio (21 anni da Meta di Sorrento già noto, almeno ai tifosi del Napoli, per la sua «Come Maurizio Sarri» firmata come Nasta) che ha convinto i giudici e il pubblico con l’inedito «La fine del mondo»: «Non ho mai trovato una persona che scrive così a X Factor» gli dice Fedez. Ha poi ottenuto 4, anzi 5 perché ha convito anche il “giudice ospite” della puntata Lodo Guenzi de Lo Stato Sociale, Alessandro Casini, ligure 25enne con «Una passione per le dive del pop», che con la sua «Uomini che amano le donne» ha affrontato con leggerezza un tema delicato.

«Canti, suoni, fai rap… hai un talento innegabile» è il giudizio di Fedez (e non solo) per Luna Melis, 16 anni, che, accompagnandosi al piano, ha proposto un classico come «Bang Bang», nelle versioni di Dua Lipa e di Jessie J. Standing ovation per lei e il consenso convinto dei giudici. Stesso risultato per Leonardo Parmeggiani, 19 anni, l’ultimo ad ottenere i 4 sì, con la sua chitarra e una cover di Frank Sinatra («Fly Me to The Moon» addirittura) che ha entusiasmato Asia Argento. 4 sì ha infine strappato anche Angelo Oliva (già definito “una pippa!” nella scorsa edizione dalla Maionchi), ma solo dopo aver firmato un impegno a non presentarsi mai più a X Factor Italia. Mentre con soli tre sì (non hanno convinto Fedez) passa infine alla fase successiva anche l’unica band della puntata, i Red Bricks Foundation, con il rock con influenze british della loro «I Wanna Play With Your Heart».