Home TvLa Regina non cambia canale

La Regina non cambia canale

Elisabetta II ha un valletto che pigia i tasti sul telecomando. Lo rivela Thomas Blaikie nel suo nuovo libro, «What a Thing to Say to the Queen»

Foto: La Regina Elisabetta II d'Inghilterra  - Credit: © Olycom

02 Settembre 2015 | 11:54 di Franco Bagnasco

Cari lettori, se per fare zapping non avete un maggiordomo, non offendetevi, ma non siete nessuno. O meglio, non siete la Regina Elisabetta II d’Inghilterra, 89 anni, che pare impieghi sempre qualcuno del suo staff (non ama chiamarli domestici) per l’incombenza di saltellare fra un canale e altro del televisore. Sulla scarsa regalità dell’atto di pigiare un tasto, in effetti, si potrebbero scrivere libri. Al momento l’idea è venuta a Thomas Blaikie, che ha piazzato questa chicca nel suo «What a Thing to Say to the Queen», traducibile con «Cattiverie sulla Regina», in uscita il tre settembre. Purtroppo l’autore dimentica di farci sapere se l’augusta Sovrana affronti l’austerity impiegando la stessa persona o due per il telecomando dello schermo e quello del decoder, ma c’è sempre tempo per una seconda edizione.

Intanto apprendiamo che Queen Elizabeth, che vive nella residenza di Windsor, vicina all’aeroporto londinese di Heathrow, ha sviluppato l’orecchio assoluto del grande musicista, e distingue al primo rombo un Boeing 747 da un Airbus. Non solo: ha bandito a corte i coltelli da pesce, ritenuti dozzinali. Eppure avrebbe la non elegantissima abitudine di sputare in un cestino i cioccolatini iniziati e poco graditi al suo fine palato. Se il linguaggio mafioso gioca sui leggendari «pizzini», Sua Maestà invece manda messaggi in codice grazie alla borsetta: se la piazza sul tavolo da pranzo, vuol dire che entro cinque minuti la Regina vuole andarsene; se la passa da un braccio all’altro, gli addetti al protocollo devono capire al volo che fra i presenti è meglio cambiare discorso.

La donna che il 9 settembre batterà la Regina Vittoria nel primato del Regno più longevo della Corona, è ben nota anche al giornalista Antonio Caprarica, per anni corrispondente Rai da Londra e in uscita con il libro «Tanto sesso, siamo inglesi!» (Sperling & Kupfer). «Quando l’ho incontrata mi fissava intensamente, ed ero lusingato» dice. «Poi ho scoperto che detesta le persone con la barba. Elisabetta adora invece fare colazione con la crema marmite, è nota per essere molto parsimoniosa, tanto da fare affiggere biglietti sopra gli interruttori, a corte, invitando tutti a spegnere la luce una volta passati. E sulle tante, famose scappatelle attribuite al marito Filippo, disse: “Non preoccupatevi, tanto lui torna sempre dove trova il pane imburrato». Ma forse qui è elegante e opportuno cambiare canale. Certo, servirebbe un maggiordomo...