Home TvRoberto Farnesi: «Ora cercherò chi ha ucciso Aurora»

Roberto Farnesi: «Ora cercherò chi ha ucciso Aurora»

L'attore ci racconta cosa accadrà nelle ultime puntate di «Le tre rose di Eva» dopo la morte del personaggio interpretato da Anna Safroncik

28 Maggio 2015 | 10:26 di Solange Savagnone

Aurora è morta. Fa effetto dirlo, ma è così. E ora che cosa accadrà nelle ultime quattro puntate di «Le tre rose di Eva 3»? Lo abbiamo chiesto al «sopravvissuto» Alessandro, o meglio, a Roberto Farnesi che da tre anni lo interpreta: «Da suo padre Ruggero (Luca Ward) alle sorelle, fino a mio fratello Edoardo (Luca Capuano), tutti saranno sconvolti dalla morte di Aurora (Anna Safroncik). Ma lo sarà soprattutto Alessandro, ovviamente».

Appunto. Cosa farà ora senza la donna che ama?
«Cercherà di scoprire chi l’ha uccisa facendosi aiutare da un nuovo personaggio femminile interpretato da Serena Iansiti: si tratta di Clarissa, vittima anche lei della malvagità dell’organizzazione che ha perseguitato Aurora».

Sarà strano non vedere più Aurora in carne e ossa al suo fianco.
«In realtà Aurora ci sarà ancora, anzi forse la si vedrà ancora di più ora che è morta. Infatti rivivremo tutta la nostra storia. È la fase più romantica della serie».

Ci spieghi meglio.
«Aurora non mi abbandonerà mai, sarà una presenza molto forte. Attraverso i ricordi e i sogni di Alessandro si rivedranno tanti momenti del loro amore. Un po’ alla “Ghost”, ma senza fantasmi o apparizioni. E poi Alessandro sarà in qualche modo guidato da Aurora, fino a quando scoprirà chi l’ha uccisa».

Le ha fatto effetto girare scene così tristi?
 «In alcune, lo ammetto, ho avuto i brividi. Come il regista Raffaele (Mertes, ndr) sono arrivato quasi a commuovermi. Per esempio, c’è la scena in cui Alessandro saluta Aurora parlando davanti alla sua lapide: è stata molto toccante. Oppure nell’ultima puntata, quando Alessandro si libererà del ricordo di Aurora e in qualche modo la lascerà andare. Sarà un addio dolce».

Finirà tutto così?
«Ci sarà un altro colpo di scena che chiuderà la terza serie e inaugurerà una nuova coppia di cattivoni, ma di quelli con l’anima che piacciono tanto al pubblico. Posso anticiparvi che saranno un uomo e una donna e si alleeranno contro qualcuno. Ma questa volta io non c’entro».

Lei che cosa ha pensato quando ha scoperto che Aurora sarebbe morta?
«Non so se sia stata una decisione di Anna o degli autori per smuovere la storia, che dopo tre anni rischiava di “stagnare”: queste sono questioni che non mi competono. Però posso dire che in genere un’uscita di scena così importante può dare nuova linfa vitale a una serie così lunga. Anche in “Il segreto” è morta la protagonista (Pepa, interpretata da Megan Montaner, ndr)eppure la soap va avanti con ottimi risultati. Non è detto poi che in una quarta stagione, se si farà, gli autori non si inventino un ritorno di Aurora. Anche perché il corpo di lei non si vede mai. Ma questa, sia ben chiaro, è solo una mia congettura...».

I fan come hanno reagito alla morte di Aurora?
«Hanno avuto reazioni ben più rabbiose nel corso della seconda stagione, quando ho tradito Aurora con Veronica (Euridice Axen). In questo caso, invece, attraverso i messaggi che ricevo su Instagram e Twitter noto che prevale la curiosità. Non c’è particolare rabbia o disperazione, anche se sono dispiaciuti. Ora vogliono sapere chi ha sparato ad Aurora».

Il dolore per la perdita di una persona che posto ha avuto nella sua vita reale?
 «Non amo parlarne, ma a 23 anni ho perso mio padre, al quale ero legatissimo. Questo ha lasciato un segno profondo, oltre che tanti ricordi felici del tempo trascorso con lui: avevamo un rapporto magnifico. Ha lasciato un vuoto incolmabile, ed è lì che si nasconde il mio dolore».

Per la fine di un amore ha mai sofferto?
«È bello avere un rapporto importante che ti dia equilibrio e serenità, ma quelli che si sono conclusi, con persone più o meno belle, è bene che siano finiti. E non c’è alcun rimpianto. Né nostalgia».