“Blocco 181”, la Milano delle periferie di e con Salmo

Dal 20 maggio arriva la prima serie italiana Sky Studios, tra gang criminali, narcotraffico e tanto amore

"Blocco 181"  Credit: © Sky
20 Maggio 2022 alle 08:15

La storia d’amore di Romeo & Giulietta incontra il crime e la contemporaneità: ecco perché risulta difficile definire in maniera univoca "Blocco 181", la prima serie in-house di Sky Studios italiana, dal 20 maggio su Sky (e naturalmente in streaming su Now), prima di esordire anche negli Stati Uniti. Segna il debutto di Salmo in televisione come attore, produttore creativo e produttore musicale. «Ci ha dato due di picche per X Factor, ma l’abbiamo coinvolto nella serie come attore e anche come autore della colonna sonora», scherza Nils Hartmann (Executive Vice President Sky Studios Italia e Germania) alla presentazione alla stampa.

Si tratta senza dubbio una serie diversa: diversa è l’ambientazione, Milano viene rappresentata non più come metropoli della moda e della finanza, ma un centro multietnico e, soprattutto, come la Milano delle «periferie che bruciano». Non per niente, il titolo, "Blocco 181" fa riferimento a un edificio di via Lorenteggio che ora non c’è più e che fa da teatro di scena di questa storia, «una favola dark, una storia nera verosimile ma non vera, senza intento documentaristico né neorealistico», spiega infatti il regista Giuseppe Capotondi ("Suburra – La serie", "La doppia ora"), dietro la macchina da presa (e che ha firmato la sceneggiatura, con un folto team di autori) insieme a Ciro Visco ("Gomorra", "Non mi lasciare", "Doc – Nelle tue mani") e Matteo Bonifazio.

Nils Hartmann ha raccontato la genesi del soggetto: «C’era l’idea di raccontare una storia crime ambientata a Milano, la periferia di Milano, la Milano multietnica. Il crime l’abbiamo raccontato spesso in Italia, da "Romanzo Criminale" in poi. Serviva una cosa diversa: una storia d’amore alla Romeo e Giulietta». E infatti «L’amore è il motore di tutto – spiega Ciro Vasco – amore per la famiglia, per Milano, per la comunità… In "Blocco 181" coesistono varie narrazioni, per cui la serie è difficile da categorizzare, lo spettatore ci può vedere altri generi, come il crime, che è solo una delle tante chiavi interpretative».

Protagonisti della serie sono tre giovani attori: Laura Osma ("El Chapo"), Alessandro Piavani ("Blanca", "La mafia uccide solo d’estate – La serie") e Andrea Dodero ("The Good Mothers", "Non Odiare", "L’Allieva"), che si legheranno in una storia d’amore e sesso che sfiderà le regole dell’appartenenza dei tre ragazzi alle rispettive comunità, in una Milano periferica (esemplificata dall’edificio del Blocco) dove il traffico della droga è terreno di competizione tra i latini e gli italiani. «Perché a Milano, se il crimine non si vede, non esiste».

Il trailer

La trama

Il Blocco 181 è quello che Milano non dà a vedere. Un fazzoletto di periferia abbarbicato su un alveare di appartamenti abusivi e terreno quotidiano di sguardi truci e sospetti. Da un lato ci sono i ragazzi del Blocco, che proteggono lo spaccio di cocaina. Dall’altro lato i pandilleros della Misa, tatuati, famelici e pronti a dare la vita per la loro gang. Tra pistole e colpi di machete si fa spazio però l’amore di un triangolo intimo e passionale. Ci sono Bea, sensuale e indomita pandillera; Ludo, borghese festaiolo dalla faccia pulita, e Mahdi, tenebroso e protettivo ragazzo del Blocco. La loro relazione è sesso, amicizia e appartenenza reciproca a una nuova famiglia. Quella che li porterà a scalare insieme le gerarchie del sistema criminale, lungo lo scontro tra il Blocco e latinos.

Salmo, tra recitazione e musica (della colonna sonora)

È Nils Hartmann a promuovere Salmo come attore, che prima di cimentarsi davanti alla macchina da presa ha seguito per un anno un corso di recitazione. «È stato traumatico vedermi sullo schermo. Fare videoclip è diverso dal recitare» ha ammesso Salmo in conferenza stampa: «Musica e cinema sono mondi completamente diversi. È un’attesa lunghissima. Per uno che è abituato a una performance immediata, è difficile. Ma proprio per questo è un mondo che mi incuriosisce». Un’esperienza che per il rapper è stata comunque molto positiva, tanto che spera di rifarlo presto: è molto probabile che tornerà nella seconda stagione di "Blocco 181", già confermata da Sky. Nel frattempo, Salmo svela una grossa anticipazione: «Sto già scrivendo il mio primo film. Non so se ci reciterò. Si ispira a una storia vera, successa negli Anni 90. Farà un bel casino: è una cosa pericolosa da raccontare».

A proposito della sua esperienza come supervisore della colonna sonora della serie, è avvenuta al momento giusto: «Dopo dischi miei, lavorare per altri è bello, a volte ho idee che non sono per me e che cerco di indirizzare ad altri, sono super fan di Rick Rubin (produttore statunitense, ndr), cominciavo a sentirmi vecchio e sto cercando di stare dietro le quinte».

Il risultato è "Blocco 181 – Original Soundtrack", l’album collaborativo in uscita il 27 maggio che vede Salmo direttore artistico, che spiega «C’è molta musica quando ci sono i sudamericani perché volevamo sottolineare che, a differenza nostra, loro ne ascoltano tanta, sono più solari. Gli italiani invece sono più “spenti”, anche a livello di colori: quando ci sono loro è tutto più grigio. Ovviamente ci siamo ispirati al mondo della musica latina, e l’abbiamo mescolata con l’elettronica».

«Molti si aspetteranno di vedere la serie di Salmo con la musica di Salmo. Invece ho cercato di fare esattamente il contrario. Non c’è la musica di Salmo, c’è qualcosa che la richiama. È una sorta di Machete Mixtape, ma senza featuring. Ognuno ha fatto una canzone. Ho diretto i ragazzi, facendogli vedere le immagini. È figo perché ogni canzone sembra un film: nei testi ci sono un sacco di immagini, sembra uno storytelling» ha aggiunto il rapper.

"Blocco 181 – Original Soundtrack", il disco

"Blocco 181 – Original Soundtrack" è composto da 11 brani, con la collaborazione di 21 artisti fra rapper e produttori scelti da Salmo, tra cui Guè, Baby Gang, Jake La Furia con Rose Villain, Ensi, Lazza, El Dicy Boy & Isaias LM, Ernia, Nerone, Noyz Narcos. Fra i producer: Drillionaire, Verano, Sixpm, Luciennn, Bobo, Night Skinny, Marco Azara, Andry The Hitmaker. Le tracce "LOCO", "M.S.O.M." e "SOTTO VOCE" sono inoltre presenti all’interno di quattro episodi della serie, nei titoli di coda, assieme alla traccia "BLOCCO 181", title track e sigla d’inizio di ogni puntata. “LOCO” con Guè sarà il primo brano che il pubblico potrà ascoltare il 20 maggio, con la visione delle prime due puntate.

La tracklist

  1. Salmo – "181" (prod. Drillionaire, Verano)
  2. Guè – "Loco" (prod. Sixpm)
  3. Baby Gang – "9.19" (prod. Luciennn, Bobo)
  4. Jake La Furia, Rose Villain – "M.S.O.M." (prod. Night Skinny)
  5. Ensi – "EZ" (prod. Luciennn)
  6. Lazza – "Mi Anthem" (prod. Salmo, Verano, Marco Azara)
  7. El Dicy Boy & Isaias LM – "Prendelo" (prod. Andry The Hitmaker, Verano)
  8. Ernia – "Apri" (prod. Salmo, Luciennn, Verano)
  9. Nerone – "Sicario" (prod. Luciennn)
  10. Noyz Narcos – "Sotto Voce" (prod. Night Skinny, Luciennn, Verano)
  11. Salmo, Luciennn, Verano – "Blocco 181 – Title Track"
Seguici