Home TvSerie tvGli insostituibili delle serie tv

Gli insostituibili delle serie tv

Ci sono personaggi che non potevano che essere interpretati che da un attore: da Fonzie a Walter White e Jesse Pinkman, fino alle ragazze Gilmore

Foto: Henry Winkler nei panni di Fonzie in Happy Days  - Credit: © Facebook

15 Aprile 2016 | 16:56 di Manuela Puglisi

È impossibile immaginare certi personaggi delle serie tv interpretati da attori diversi da quelli originali. In un periodo in cui spuntano come funghi revival e reboot, alcuni dei protagonisti più amati delle serie di culto finiscono di diritto tra gli intoccabili. Da Fonzie all'intero cast di Friends, passando per Walter White e Jesse Pinkman di Breaking Bad e le ragazze Gilmore, ecco i personaggi che il pubblico non accetterebbe di vedere con volti diversi.

I protagonisti delle commedie

Potreste mai pensare a un Fonzie di Happy Days interpretato da qualcuno che non sia Henry Winkler? Impensabile. Com’è impensabile in Sex and The City una Carrie Bradshaw che non sia Sarah Jessica Parker (nonostante il prequel The Carries Diaries ce l’abbia mostrata in versione giovane col volto di AnnaSophia Robb) e solo l’istrionico Neil Patrick Harris avrebbe potuto tirare fuori un personaggio fuori dalle righe, ma dal cuore d’oro, come il Barney Stinson di How I Met Your Mother. Come insostituibile è l’intero cast di Friends, come hanno dimostrato le infinite serie ricalcate sui suoi meccanismi, ma che non sono mai riuscite a entrare nei cuori del pubblico alla stessa maniera.

Coppie

Alcuni peronaggi, poi, sono impossibili anche da separare nell'immaginario collettivo. Tra le coppie insostituibili delle commedie ci sono senza dubbio Rory e Lorelai Gilmore (Alexis Bledel e Lauren Graham), ma anche Melissa McCarthy nei panni di Sookie, tanto che i fan, a furia di nostalgia per Una mamma per amica, sono riusciti a ottenere quattro nuovi film attesi su Netflix.

Anche le coppie di certe serie drammatiche, però, hanno lasciato il segno. L'intesa tra Bryan Cranston e Aaron Paul, Walter White e Jesse Pinkman in Breaking Bad, era tanta che il personaggio di Jesse è stato portato avanti per tutte le stagioni della serie, quando avrebbe dovuto abbandonarla già dal primo capitolo. E a proposito di Breaking Bad, potrebbe esistere un Saul Goodman che non fosse interpretato da Bob Odenkirk? Certo che no, tanto che lo spin-off a lui dedicato, Better Call Saul, è già alla seconda stagione. Due ?cuochi? per modo di dire, ma anche un presidente con la sua first lady e due agenti dell'FBI. Nessuno potrà mai prendere il posto di Kevin Spacey e Robin Wright nei panni di Frank e Claire Underwood (House of Cards), o quello di Gillian Anderson e David Duchovny nei panni degli agenti speciali Fox Mulder e Dana Scully di X-Files. Nonostante le infinite volte in cui i personaggi di Sherlock Holmes e del Dottor Watson sono stati portati sul grande e piccolo schermo, potreste mai immaginare qualcuno che possa interpretarne la versione moderna come Benedict Cumberbatch e Martin Freeman?

Criminali, lupi solitari e nerd

La televisione ci ha regalato anche un buon numero di nerd, lupi solitari e criminali dal cuore (o dalla psiche) fragile. Nessuno potrà mai sostituire James Gandolfini nel ruolo di Tony Soprano ne I Soprano o Hugh Laurie in quelli del brillante Dottor House e senza Jim Parsons non potrebbe certo esistere Sheldon Cooper, e The Big Bang Theory tutta.