Home TvSerie tv«Glow», le donne del wrestling nella tv Anni 80

«Glow», le donne del wrestling nella tv Anni 80

Donne che combattono dentro e fuori dal ring. Alison Brie, Betty Gilpin, Marc Maron, Kate Nash e la co-creatrice Liz Flahive ci raccontano la nuova serie originale Netflix, in streaming dal 23 giugno

Foto: Alison Brie e Betty Gilpin in "GLOW"  - Credit: © Netflix

22 Giugno 2017 | 17:58 di Manuela Puglisi

Una nuova serie originale è pronta a conquistare gli utenti di Netflix. A partire dal 23 giugno arriva in streaming «GLOW», creata dal team di «Orange is The New Black», che vede protagoniste di uno scontro fuori e dentro il ring Alison Brie e Betty Gilpin. Già, perché le "Gorgeous Lady of Wrestling" (Le splendide signore del wrestling) sono 14 donne che, in maniera più o meno rocambolesca e casuale, si ritrovano a superare un provino per partecipare a un programma di wrestling. 

Siamo negli Anni 80, precisamente nel 1985, e di certo nessuno si aspetta di vedere in televisione un gruppo di donne che lotta sul ring in body e travestimenti vari. Di certo non di vedere andare in onda un programma del genere la domenica mattina. Ma a farla da protagonista, in questo caso, non è soltanto il programma televisivo, il wrestling, o il regista Sam Sylva (interpretato da Marc Maron) che ha accettato il lavoro solo per realizzare il film dei suoi sogni. No, protagoniste sono le donne, ma soprattutto i rapporti che si sviluppano tra di loro. In particolare quello tra Ruth (Alison Brie) e Debbie (Betty Gilpin), un rapporto che si spezza drasticamente all'inizio della stagione e che farà da colonna portante per tutti i dieci episodi.

Siamo andati a Londra per farci raccontare di cosa parliamo quando parliamo di «GLOW». Ecco cosa ci hanno raccontato Alison Brie e Betty Gilpin, Marc Maron, Kate Nash (che interpreta Rhonda) e Liz Flahive, co-creatrice della serie insieme a Carly Mensch.