“La vittima numero 8”, ritmo frenetico e ai colpi di scena. Da vedere su Netflix

Una serie che mostra i fatti da più punti di vista, ognuno dei quali riserva un nuovo dettaglio che da solo può sembrare ininfluente

27 Luglio 2022 alle 10:56

Si puo' vedere su

Possibile che il timido Omar Jamal, ragazzo marocchino trapiantato da anni a Bilbao, sia il responsabile dell’attentato di probabile matrice jihadista che sconvolge il centro di Bilbao, provocando otto vittime e molti feriti? Ai telespettatori la risposta è nota da subito, ma questo non toglie un grammo di tensione al dipanarsi di un dramma che cambierà la vita di tutti i protagonisti, svelando un intreccio davvero demoniaco...

A raccontarlo è “La vittima numero 8”, serie spagnola disponibile su Netflix che vede nei panni del protagonista César Mateo, affiancato da Marìa de Nati (Edurne, la fidanzata di Omar) e Veronika Moral (l’ispettrice Koro, responsabile delle indagini). A impressionare, oltre al ritmo frenetico e ai colpi di scena a ripetizione, è la scelta di mostrare i fatti da più punti di vista, ognuno dei quali riserva un nuovo dettaglio che da solo può sembrare ininfluente, ma in una visione d’insieme assume un’importanza decisiva, capovolgendo il giudizio di chi guarda. Il risultato è un congegno a orologeria, che non si fa dimenticare.

Seguici