Roma Fiction Fest 2015, da Un medico in famiglia a Andrew Davies

La giornata conclusiva del Roma Fiction Fest 2015 è all'insegna delle emozioni, dalla reunion di Un medico in famiglia all'Excellence Award allo sceneggiatore Andrew Davies, "papà" di Bridget Jones e di House of Cards nella versione britannica

Foto: Lino Banfi  - Credit: © RomaFictionFest

16 Novembre 2015 | 10:00 di Alessandra De Tommasi

Bye bye, Roma Fiction Fest! La nona edizione si è appena conclusa (con il 20% in più di presenze) e già guardiamo alla decima che, a sorpresa, sarà anticipata a luglio 2016. In attesa di conoscere le novità che riserva, la kermesse capitolina ha chiuso i battenti con una grandissima partecipazione di pubblico. Dopo l'attesa reunion di Un medico in famiglia per festeggiare i 17 anni insieme (per la decima stagione gli appassionati dovranno aver pazienza fino al prossimo autunno), capitanata da Lino Banfi e Giulio Scarpati, è stato il turno dell'attesissima replica di Lontana da me con Mirko Trovato (Braccialetti Rossi) e Clara Alonso (Violetta).

L'anteprima mondiale di alcuni minuti di Guerra e pace, il kolossal BBC con Gillian Anderson (X-Files) e Lily James (Downton Abbey). La serie è stata presentata dallo sceneggiatore inglese Andrew Davies, una delle penne più geniali d'Europa, che ha adattato alcuni dei capolavori della letteratura più amati: da quelli di Jane Austin in tv, compreso Orgoglio e pregiudizio con Colin Firth, a I tre moschettieri con Milla Jovovich al cinema, oltre al romanzo di House of Cards e Il diario di Bridget Jones, solo per citare alcuni titoli.

?Solitamente preferisco che l'autore sia morto ?" ironizza Davies ?" e che non si tratti di una storia vera, così evito familiari irritati. Dopo Mr. Selfridge mi sono piovuti moltissimi copioni, ma ho sempre rifiutato anche la lunga serialità. Spero di adattare presto Le avventure di Hackleberry Finn di Mark Twain, ma è infarcito di termini poco politically correct, come ?negro?, e non credo che in America mi permetterebbero di usarli. Continuerò a lavorare finché posso, amo quello che faccio e sono convinto che molti di questi gioielli letterari siano più sexy e divertenti di quanto pensiamo. Per fortuna molti degli scrittori sono defunti e non possono contestarne l'adattamento ma c'è chi, come Michael Dobbs di House of Cards, non ha gradito i miei toni satirici verso il governo conservatore. Da sostenitore della destra si è seccato moltissimo, ma a me non frega niente. Mi ha sorpreso e deliziato sapere che Netflix lo avrebbe cannibalizzato, mi ha pagato un sacco di soldi e spero ci sia sempre una nuova stagione, così senza fare niente continuo a diventare sempre più ricco?.  

Ed ecco i premi della IX edizione del RomaFictionFest:

I premi assegnati ai titoli del Concorso Internazionale


Premio RomaFictionFest miglior nuova TV Series/Limited Series/TV Movies: The Man in The High Castle

Premio RomaFictionFest miglior Attrice in una nuova TV Series/Limited Series/TV Movies: Kasia Smutniak per Limbo

Premio RomaFictionFest miglior Attore in una nuova TV Series/Limited Series/TV Movies: Rami Malek per Mr. Robot

Premio RomaFictionFest miglior Regia in una nuova TV Series/Limited Series/TV Movies: Erik Skjoldbjaerg per Occupied

Premio RomaFictionFest alla miglior sceneggiatura: Peter Bowker per Capital

Premio Speciale della Giuria: Deutschland 83

Il premio assegnato dalla giuria di ragazzi

Premio RomaFictionFest alla Miglior Serie Tv ?Young?: Mr. Robot

Premi RomaFictionFest all'eccellenza artistica
RomaFictionFest Excellence Award a Andrew Davies
RomaFictionFest Excellence Award a Jason Reitman
RomaFictionFest Excellence Award a Steven Van Zandt
RomaFictionFest Excellence Award a Paul Haggis
RomaFictionFest Excellence Award a Valeria Bruni Tedeschi
RomaFictionFest Excellence Award a Sergio Castellitto
RomaFictionFest Excellence Award Produzione Kids & Teens a Iginio Straffi
RomaFictionFest Excellence Award Kids & Teens a Cartoon Saloon

I Premi Speciali della nona edizione

Premio Francesco Scardamaglia alla Miglior Sceneggiatura: 1992 - Premiati Alessandro Fabbri, Ludovica Rampoldi, Stefano Sardo

La giuria ha inoltre assegnato una menzione speciale alla serie Una casa nel cuore

Premio L.A.R.A. per il Miglior attore e attrice nelle serie e miniserie edite 2014 / 2015:
- Miglior Attore Guido Caprino per 1992
- Miglior Attrice Anita Caprioli per La strada Dritta

Premio Telegatto Speciale: Una giuria di qualità scelta da Tv Sorrisi e Canzoni ha assegnato il Premio Telegatto Speciale a Miriam Leone, eclettica protagonista di fiction di grande successo di pubblico e critica, e Marco Bocci, poliedrico e versatile attore sempre convincente nelle sue interpretazioni.


Premio Carlo Bixio per la migliore sceneggiatura originale di fiction: Strangers di Alessandra Pomilio

Targa Siae ?Idea d'Autore? ex aequo:
Miranda & Io di Gianluca Argentero
In caso di incendio di Francesco Caronna