Home TvSerie tvRyan Eggold, il ritratto del protagonista di «New Amsterdam»

Ryan Eggold, il ritratto del protagonista di «New Amsterdam»

Se per cinque stagioni lo abbiamo visto rischiare la vita come spia in «The Blacklist», in uno strano gioco delle parti oggi le vite ha iniziato a salvarle. Ovviamente stiamo parlando di fiction

Foto: Ryan Eggold

20 Dicembre 2018 | 11:33 di Matteo Valsecchi

Se per cinque stagioni lo abbiamo visto rischiare la vita come spia in «The Blacklist», in uno strano gioco delle parti oggi Ryan Eggold le vite ha iniziato a salvarle. Ovviamente stiamo parlando di fiction. È lui, infatti, il grandioso dottor Max Goodwin, protagonista di «New Amsterdam», la nuova serie tv medical di Canale 5 in onda ogni domenica in prima serata. Un ruolo che, così come ha appassionato l’attore, sta ora catturando il pubblico tv. «Durante le riprese, Eric Manheimer (il medico che ha scritto il libro a cui si ispira la serie, ndr) è stato sempre sul set con noi attori» spiega Ryan. «Passavo tutto il tempo a chiedergli come fosse stata la sua esperienza. E proprio per questo motivo i personaggi di New Amsterdam risultano molto più realistici rispetto a quelli di tante altre serie simili. Abbiamo preso lezioni da un dottore vero, oltre ad aver girato in un ospedale: questo ci ha aiutati moltissimo a calarci nei personaggi».

Un anno d’oro Trentaquattro anni, nato a Los Angeles, Eggold è oggi davvero sul trampolino di lancio. Perché nel 2018, oltre a «New Amsterdam», è stato anche protagonista di «BlacKkKlansman», il film di Spike Lee che ha ricevuto il “Gran Premio della Giuria” all’ultimo Festival di Cannes. Un successo conquistato dopo la classica gavetta: prima a teatro, poi in televisione in diversi episodi di alcune serie tra cui «Febbre d’amore» e «90210», il sequel del mitico «Beverly Hills 90210», e infine al cinema. Sul grande schermo ha avuto anche un assaggio d’Italia recitando per Gabriele Muccino in «Padri e figlie» del 2015.

Senza paura Ma lontano dal set, che tipo è Ryan? Sicuramente uno sportivo, come fanno intuire le spalle larghe seppur nascoste sotto il camice del dottor Goodwin. «Gioco a football americano» racconta, «e poi sono appassionato di sport estremi. Per esempio amo fare paracadutismo: è una cosa che mi dà emozioni pazzesche». Massimo riserbo, invece, sul fronte amoroso. Anche se per qualche tempo si era vociferato di un fidanzamento, mai confermato, con la collega Megan Boone e di un flirt con un’altra attrice, Ashley Greene. E a chi gli chiede se oggi ha una compagna, Eggold risponde con un sorriso e una battuta: «Sono un povero uomo solo e abbandonato!».