Home TvSerie tv“Strike”, i gialli della mamma di Harry Potter

“Strike”, i gialli della mamma di Harry Potter

Su Top Crime arriva in prima serata un telefilm ispirato a una serie di libri della scrittrice J. K. Rowling

Foto: Tom Burke e Holliday Grainger, i “protagonisti di “Strike”

15 Ottobre 2020 | 9:30 di Antonio de Felice

Se siete appassionati di polizieschi inglesi, Top Crime (disponibile sul canale 39 del digitale terrestre) ha deciso di farvi un regalo. Dal 22 ottobre, in prima serata, trasmette “Strike”, una serie tv tratta dai primi tre libri gialli (sui cinque finora pubblicati) di Robert Galbraith. Non tutti, però, sanno che dietro a questo pseudonimo si cela Joanne Rowling, vale a dire l’autrice della celebre saga di “Harry Potter”.

I tre libri trasposti per la tv in sette episodi complessivi, che vedremo su Top Crime, sono “Il richiamo del cuculo”, “Il baco da seta” e “La via del male” (un quarto, “Bianco letale” è appena andato in onda in Inghilterra) e hanno come protagonista assoluto Cormoran Strike (Tom Burke), uno scorbutico e scostante ex poliziotto militare e veterano della guerra in Afghanistan che si è reinventato detective privato. La sua vita sempre in bilico gli ha permesso di sviluppare una grande capacità di risolvere casi complessi, anche se rimane un uomo ferito nel fisico ma soprattutto nell’animo. Vuoi per essere il figlio naturale di una rockstar tossicodipendente e squilibrata, vuoi per avere un padre ricco che non lo ama, vuoi per aver chiuso una storia con una ragazza di nobile famiglia. Elementi che donano forse ancora più fascino al personaggio.

Accanto a Cormoran, che lavora in una trasandata casa-ufficio vicino al quartiere di Soho a Londra, c’è Robin Ellacott (Holliday Grainger), una giovane brillante e dinamica che veglia su di lui come segretaria e assistente personale. Robin è già promessa sposa a un uomo che vede per lei un futuro da casalinga, ma chissà se nel corso delle puntate la relazione tra lei e Cormoran potrà prendere anche una strada non lavorativa... Di sicuro vale la pena di seguire “Strike” per vedere come andrà a finire.