“Suburraeterna”: nuove storie di malavita in una Roma piena di misteri

Il 14 novembre è in arrivo lo spin-off (sempre targato Netflix) che riprende le vicende dopo la conclusione della serie madre

8 Novembre 2023 alle 11:37

Si puo' vedere su

"Sembravano finite e invece lotte di potere, criminalità e corruzione si incontrano nuovamente a Roma, la Città Eterna. Su Netflix il 14 novembre arriva “Suburraeterna”, serie che espande l’universo di “Suburra” con una nuova storia. Il romanzo di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini (Einaudi, 2013) è stato adattato nel 2015 nel film di Stefano Sollima, da cui poi è stata tratta "Suburra - La serie", prima serie originale italiana distribuita da Netflix, che ora firma anche lo spin-off prodotto da Cattleya.

«Ci saranno colpi di scena, alleanze insospettabili, personaggi nuovi» racconta a Sorrisi Filippo Nigro, che nella serie interpreta Amedeo Cinaglia. «Spadino è un’altra persona» anticipa Giacomo Ferrara. «Si è spogliato di tutta la struttura che si era creato per fuggire dalla realtà, dalla famiglia e dalla società. Ora è maturato, vuole essere solo se stesso. Mi ha messo di fronte a una grande sfida, perché chi ha seguito la serie si è affezionato al personaggio e ha aspettative alte».

Tra i personaggi nuovi c’è Ercole, interpretato da Aliosha Massine: «Mi sono sentito accolto in una famiglia». E poi torna Angelica, che ha il volto di Carlotta Antonelli: «Sono innamorata di lei da quando l’ho incontrata la prima volta. Anche se è ossessionata dal potere criminale, ho rivisto in lei la stessa fame che ho avuto io per raggiungere i miei obiettivi. Nel percorso che fa, ha la caparbietà di inseguire ciò che la fa sentire realizzata, dimostrando che una donna può arrivare dove vuole». E conclude Marlon Joubert (Damiano): «Ci sono realtà come quella di Ostia che spesso non sono note. Gli abitanti venivano sul set per conoscerci, lusingati perché raccontiamo la loro storia: è stata un’esperienza molto forte».

De Cataldo e Bonini curano anche lo story editing di "Suburraeterna", scritta da Ezio Abbate e Fabrizio Bettelli con Camilla Buizza, Marco Sani, Andrea Nobile e Giulia Forgione. Composta da otto episodi, la serie è diretta da Ciro D’Emilio nei primi quattro episodi e da Alessandro Tonda degli ultimi quattro.

Il trailer

La storia riprende dall’epilogo di "Suburra – La serie" (conclusasi dopo tre stagioni nell’autunno 2020), cioè la morte di Aureliano (Alessandro Borghi) tra le braccia di Spadino. Proprio per questo nel cast di "Suburraeterna" tornano gli interpreti e i personaggi principali, per cui rivedremo Giacomo Ferrara nel ruolo di Spadino e Filippo Nigro in quello di Amedeo Cinaglia, così come Carlotta Antonelli e Federica Sabatini tornano a vestire i panni rispettivamente di Angelica e Nadia.

Il cast di "Suburraeterna"

Nel cast Giacomo Ferrara nel ruolo di Spadino e Filippo Nigro in quello di Amedeo Cinaglia, mentre Carlotta Antonelli e Federica Sabatini tornano a vestire i panni rispettivamente di Angelica e Nadia, così come Paola Sotgiu e Alberto Cracco quelli di Adelaide e Nascari. Accanto a loro nuovi personaggi stravolgeranno gli equilibri di Roma: Marlon Joubert è Damiano Luciani, Aliosha Massine è Ercole Bonatesta, Federigo Ceci è Armando Tronto,  Yamina Brirmi e Morris Sarra sono Giulia e Cesare Luciani (fratelli gemelli di Damiano), mentre Giorgia Spinelli interpreta Miriana Murtas e Gabriele di Stadio il giovane Victor Anacleti.

La trama di "Suburraeterna"

Roma, 2011. Il governo rischia di cadere, il Vaticano è in crisi e le piazze della città sono letteralmente date alle fiamme. Nel mondo di mezzo Cinaglia (Filippo Nigro) ha provato a raccogliere l’eredità di Samurai e, insieme a Badali (Emmanuele Aita), continua a gestire gli affari criminali della città, con l’aiuto di Adelaide (Paola Sotgiu) e Angelica (Carlotta Antonelli), rimaste a capo degli Anacleti, e di Nadia (Federica Sabatini), che le aiuta a gestire le piazze di Ostia. Ma c’è chi questo sistema non lo accetta più. Nuovi protagonisti scenderanno in campo, stravolgendo gli equilibri di Roma: inizia così una rivoluzione che, dalla Chiesa al Campidoglio e fino alle spiagge di Ostia, si espande velocemente per cancellare tutto ciò che rappresenta il passato. Spadino (Giacomo Ferrara) sarà dunque costretto a tornare a casa, per evitare che la sua famiglia venga messa in pericolo insieme a tutto il resto, e a cercare nuovi alleati, anche laddove non avrebbe mai pensato di trovarli… Ma la guerra è guerra e in palio c’è il controllo di Roma.

Seguici